Claude Almansi ha trascritto gli audiopost che abbiamo pubblicato sino ad ora. Lei dice che lo fa (anche) per mettere alla prova il sistema di trascrizione automatica di Youtube, ma noi la ringraziamo lo stesso, calorosamente… miracoli degli ambienti aperti 🙂

Ecco l’indice delle trascrizioni:

Audiopost Trascrizione
Audiopost: dal caos al villaggio operoso – #ltis13 Audiopost: dal caos al villaggio operoso – #ltis13 [trascrizione]
Post audiomobilistico restaurato – #ltis13 Post audiomobilistico restaurato – #ltis13 [trascrizione]
Lo strano modo -> #ltis13 <- di trovarci Lo strano modo -> #ltis13 <- di trovarci [trascrizione]

 

10 thoughts on “Trascrizioni audiopost

  1. Claude Almansi ha detto:

    @Antonella T
    Grazie della risposta, Antonella. Sarò felice di aiutarti se ne avrai bisogno – e se potrò. La cosa importante da ricordare è che gli oggetti digitali – audio, video, immagini, testi – sono eminentemente duplicabili e trasformabili con diversi strumenti, a patto che sia gli oggetti sia gli strumenti consistano di elementi fatti secondo standard aperti.

  2. Antonella T. ha detto:

    @Claude Almansi Ciao Claude, grazie per la tua risposta e le indicazioni che hai inserito nel tuo blog. Purtroppo ora non ho tempo per provare, ma appena possibile lo farò. Mi piace molto lavorare con i video e questa possibilità mi sembra interessante. Se dovessi avere difficoltà potrò approfittare della tua consulenza?

  3. Claude Almansi ha detto:

    @Antonella T.

    La trascrizione automatica di YouTube funziona con lo stesso riconoscimento vocale di Google che consente di dettare sugli aggeggi Android, ma con meno precisione perché su YouTube deve funzionare con tutte le voci. Da qui ogni tanto strafalcioni madornali. Per più info, vedi i link che avevo aggiunto in calce a Sottotitolare è facile.

    Ma la cosa dove quel riconoscimento vocale di Google funziona davvero bene è la sincronizzazione automatica di una trascrizione normale aggiunta a un video YouTube, che produce una sottotitolazione completa. Per evitare che sia il software a separare arbitrariamente i sottotitoli, basta “pre-affettare” la trascrizione in pezzi abbastanza corti, separati da una riga vuota.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...