Una risposta lampo sull’embedding di quiz Hot Potatoes – #loptis

Ho ricevuto una domanda da Antonella che sta cercando di inserire degli esercizi fatti con il sistema Hot Potatoes in un post del suo blog, questo il tentativo che mi diceva:

Dopo mille tentativi non sono riuscita ad inserire un crossword creato con Hotpotatoes nel mio blog e nella piattaforma eTwinning. Sono riuscita ad inserirlo solo in modo statico,cioè ogni scuola partner se lo può scaricare, stampare e risolvere…. ma in questo modo è poco appetibile per i ragazzi. Che cosa sto sbagliando? Non riesco a trovare un embed code ed usando la sorgente della pagina,mi porta all’accesso personale di Hotpotatoes.

Sapevo dell’esistenza di questo software ma non l’avevo mai provato. Ecco l’occasione quindi! Torna anche bene come esercizio di editing – per “quelli di editing multimediale” …

Sono andato nella pagina di Hot Potatoes e ho scelto di scaricare la versione in Java (che di solito gira su tutti i sistemi). Ho unzippato il file e sono entrato nella cartella javahotpot che si è così creata. Lì ho fatto partire l’applicazione – io l’ho fatto alla mia maniera con i comandi manuali in Linux, ma qualsiasi sistema usiate, aprite la cartella – Finder in Mac, Explorer in Windows e quello che avete in Linux (tipo Nautilus) – e cliccate sull’icona di Hot Potatoes. Chi ha Windows può anche scaricare il programma per Windows anziché la versione in Java.

Vi appaiono delle patate etichettate. Io ho scelto quella JQuiz. Viene fuori una finestra che consente di fabbricare il quiz. Ne ho fatto uno banale poi ho scelto dal menu il comando File->Export->Create Standard V6 Page. Potete scegliere il nome di quello che sarà un file HTML da piazzare dove volete voi nel vostro disco.

Andate nel browser e aprite questo file come avete già fatto in alcuni esercizi passati: Ecco il vostro quiz!

Poi sono andato nel mio blog in Blogger che uso per fare prove del genere, ho creato un post, mi sono messo in modo HTML (occhio, non dimenticare!) e ci ho schiaffato il codice così com’è. Poi l’ho un po’ editato per personalizzarlo. Così avete un esempio per fare esercizi: ecco come viene. Non lo fate in WordPress.com: non funzionerebbe perché strappa tutto il codice che funziona, per i motivi di sicurezza che abbiamo già discusso.

Buon divertimento!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: