Vendere o diffondere o vendere in cambio di tweets?

Ecco, m’ero appena domandato se per un nuovo autore convenisse vendere o diffondere che, grazie ad un post di Eleonora Pantò, scopro che c’è chi vende libri in cambio di tweets. Interessante il commento di Eleonora sul concetto di valuta sociale.

Vendere o diffondere?

Credo che sia un libro interessante. Non ho avuto tempo di leggerlo ancora ma mi ha incuriosito questo post dell’autore, Jeff Utecht. Chi ne vuole sapere di più non ha che da scaricare il libro in formato pdf (la password si trova nel post medesimo), entro venerdì intorno alle 22 Pacific Standard Time, quindi intorno alle 7 di sabato mattina.

Nel primo giorno il libro è stato scaricato 803 volte e di questo Jeff si è meravigliato molto, ammettendo che avrebbe già considerato un successo 200 download in totale e che se l’avesse messo in vendita regolarmente si sarebbe ritenuto fortunato vendendone 100 copie. Sempre nella stessa giornata in 15 hanno acquistato il libro.

Vediamo se Jeff ci racconterà quante copie verranno scaricate nei giorni successivi e chissà che non ci ripensi, procrastinando il termine di donwload libero.

Perché, rifacendosi alle considerazioni fatte nel post “Il diritto d’autore: una protezione soffocante” viene spontanea la domanda se per un autore emergente abbia più valore diffondere quasi istantaneamente la propria opera fra un migliaio di persone o venderne, in un periodo decisamente maggiore, un centinaio di copie?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: