Qualche parola a supporto e integrazione dei bricovideo #linf12


Il post che segue è abbastanza lungo. Ho pensato che fosse troppo lungo, con tutta la gente a studiare per gli esami, quindi l’ho un po’ accorciato. Ma le ansie da esame che emanano dalle conversazioni in Twitter mi hanno convinto che fosse ancora troppo lungo, al punto di rinunciare a pubblicarlo. Poi mi è capitato di rivedere il lavoro di sottotitolazione dei bricovideo che alcuni di voi hanno fatto, capitanate da Claude, e ho ricambiato idea, principalmente perché non posso non mettere in risalto il lavoro fatto da Laura, Roberta, Flavia e Claude. Del resto il post l’avevo scritto proprio per aiutare un po’ la contestualizzazione dei video nella realtà quotidiana, quindi nella stessa direzione.

Se avete fretta e dovete studiare molto, non state a leggere tutto il post che segue, piuttosto andate a leggere alcuni commenti che descrivono lo splendido lavoro fatto dal gruppo, per esempio questo (#17), questo (#25) e questo (#36).

Qui di seguito i tre bricovideo sottotitolati, per chi volesse vedere l’effetto della sottotitolazione: uno, due e tre; e poi il post, ma lasciatelo pure perdere…
Continua a leggere…

Una piccola introduzione alla nuvola – #linf12

Fra le richieste che ho ricevuto c’è quella di dire qualcosa sulla nuvola, the cloud.

Propongo allora tre video che l’anno scorso avevo utilizzato per riassumere un po’ di cose fatte nel corso di editing multimediale e al tempo stesso per introdurre la nuvola in una maniera vagamente tecnica. Qui li uso alla rovescia, per arricchire il panorama tenico, oltre che per introdurre la nuvola. Poi incontreremo alcuni dei nuovi componenti, probabilmente nel corso di editing. Per ora guardateli come un documentario, credo che un’idea generale dell’architettura dei servizi web la diano comunque. Fate pure domande…

Seguirà poi un altro post sull’argomento.

Vai a vedere i video…

Una particolare introduzione alla nuvola


Dove si recuperano elementi di codice sparsi incontrati lungo il (per)corso e si riordinano, una volta tanto, per comporre un’introduzione alla nuvola, una delle tante possibili, quella che emerge dall’evoluzione del codice.


Trasferisco qui i “bricovideo” che avevo anticipato nel post precedente “Ricomponendo tasselli sparsi …“, completando così questa piccola trilogia. Lascio a quel post precedente solo il suggerimento di riflettere sul discorso di Richard Stallman, A Free Digital Society (© cc-by-nd) (testo tradotto), che è attinente alla questione sorta ieri, en passant, alla riunione online: che vuol dire che Ipad e Android non vanno nella direzione della libertà? Sono riflessioni molto importanti e non banali. Vale la pena soffermarcisi, per questo avevo proposto la forma del “compito”, solo per questo.

Tornando ai bricovideo, li propongo a tutti coloro della blogoclasse che sono interessati al tema della nuvola, the cloud, al quale dedicherò un contributo nei giorni a venire. Sono tre le finalità che qui mi ero prefisso:

  1. Aiutare i partecipanti della blogoclasse a collocare in un quadro appena più ordinato i vari elementi, linguaggi e codici, sui quali abbiamo sorvolato, per forza di cose con una certa fugacità.
  2. Utilizzare tale quadro come introduzione al tema della nuvola, per il quale alcuni avevano manifestato un certo interesse.
  3. Mostrare un uso abbastanza libero della tecnica video per comunicare qualcosa; un esperimento ispirato dai bellissimi video della RSA. Il confronto con i miei bricovideo è ridicolo, ovviamente. Quei video sono creati da uno specialista, Andrew Park, che ci mette settimane o mesi a produrre dieci minuti di video, con risultati che hanno avuto un successo strepitoso. Ciò non impedisce che chiunque si lasci ispirare per fare una cosa diversa. E una cosa che a me manca, nella comunicazione virtuale, è il fatto di poter parlare aiutandosi con la lavagna, poco importa se la buona vecchia lavagna nera o la LIM, purché sia una superficie sulla quale poter fare e cancellare segni. Da qui questo esperimento, assolutamente casereccio e pieno di difetti. Difetti che già io vedo, figuriamoci quanti sono quelli che non vedo … Ma se non si prova non si impara, e qui ho imparato diverse cose e mi sono anche divertito. Se a qualcuno interessa, posso fare un tutorial su come ho proceduto.

Ed ora, in sequenza, i tre video per entrare nella nuvola a partire dalla preistoria della tecnologia informatica.




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: