Risposta ad un amico su massa e individui

Un mio caro amico (ex studente) commentando il post Il mio primo sociogramma, chiede:

… poi voglio fare una domanda veloce schietta e banale: te arf iamarf arfs dici spesso che la massa è ganza e che bisogna star attenti alle dinamiche che emergono dall’interazione fra persone più che alle persone stesse ecc. ecc., come la storia di quei prof che dovrebbero star più attenti alle dinamiche della comunità-classe che alle singole persone

e tuttavia a me mi interessano anche – se non altrettanto – le singole persone.

quindi voglio chiedere: che valore hanno per te le singole persone che compongono l’insieme?

Le persone singole hanno per me interesse primario.

Nella classe tradizionale la persone singole vengono isolate le une dalle altre da un metodo che è sostanzialmente militare: tutti sincronizzati e ceffate a chi comunica trasversalmente.

Io sostengo che la classe avrebbe anche la possibilità di essere apprezzata e coltivata come essere vivente a se stante perché è così che funzionano gli esseri umani.

In particolare le donne che hanno sempre fatto “rete” più facilmente degli uomini. Il senso della comunità è un fattore di civiltà e di crescita per i singoli membri.

Io credo che fare maggiore attenzione alla comunità che può svilupparsi in una classe finisca col beneficiare assai i singoli, il cui benessere e la cui crescita ci deve interessare sopra a tutto il resto.

In principio la tecnologia non c’entra nulla con tutto questo. Mi sono state narrate storie di insegnanti che hanno applicato queste idee trent’anni fa. Mosche bianche.

La tecnologia può aiutare e basta.

P.S. A me capita di dire che la massa è ganza ma su larga scala, al livello dei milioni e anche centinaia di milioni di persone che finiscono per rappresentare un terreno sul quale possono germogliare cose straordinarie. Nell’ambito di classi scolastiche parlo di comunità e non di massa. È una cosa diversa. In comune ci può essere il fatto di imparare a riconoscere la vita quando e dove essa appare. E per rispondere anche al tuo P.P.S. l’interesse per le dinamiche emergenti nasce proprio dalla stupore di vedere emergere processi vitali su substrati considerati solitamente passivi. Mi ha aiutato molto Fritjof Capra.

CCK09: How to look at a blogroom (1)

Versione in italiano

Abstract

A kind of introduction

Why I’m doing this work?

I have been applying the blogroom method during the past four semesters with about 800 students out of a total of about 1400 distributed in 20 different curricula, some of the Faculty of Medicine and some of the Faculty of Education Science.

I have being applying this method when teaching digital literacy or related subjects, so far.

Short description

To describe the method in a nutshell, there are only a couple of conventional lessons at the beginning of the course, where the students are told the basics of the method. Then, the teacher is available for some weeks in a computer room to help students when needed, to engage in discussions or to make seminars.

In the computer room the students are encouraged to help each other. The rest of the course life take place within the blog community. The teacher gives assignments in his or her blog and the students are supposed to write their essays as posts in their own blogs.

The  assignments are not intended to “cover” a range of topics or to assess skills directly but are conceived as stimula to explore autonomously. We may say that assignments are chosen just to address some broad relevant topics.

In online courses where it is impossible to organize conventional lessons and other kind of meetings, the blogroom is supported with weekly virtual meetings.

Peculiarities of a blogroom

Besides the rough participation numbers and the distribution of grades, the teacher is left with a tangle of impressions and feelings, a very strong trace even if a subjective one.

Nonetheless, from such tangle of impressions some clear points emerge regularly:

  • Something very different happens when the blogroom method “works”.
  • The success of the method is very much peculiar to the curriculum. Even the degree of a priori acceptation – that is the number of students that decide to try the new method, since they have the freedom to choose between the new and the conventional approach – is variable, ranging from 10-20% to almost 100% depending on the curriculum.
  • The most striking feature of a working blogroom is the emergence of an emotional component: a significant number of students get involved in a manner that is quite unusual in a conventional class.
  • In a working blogroom a significant proportion of the students would like to continue and, as a matter of fact, the blogroom survives the term of the course.

In short, the blogroom appears to be a living being.

The problem

In the classroom the teacher follows each student separately and usually, the relationships among classmates are kept to a minimum.

In a conventional classroom information flows almost only from the teacher to the students.
In a conventional classroom information flows almost only from the teacher to the students.

On the contrary, in the blogroom, students are encouraged to engage in discussions with classmates and other people and not necessarily about the taught topics.

In a blogroom there may be a rich exchange of information giving rise to a true network. The picture shows a simulation of an extreme situation where everyone is communicating with almost everybody.
In a blogroom there may be a rich exchange of information giving rise to a true network. The picture shows a simulation of an extreme situation where everyone is communicating with almost everybody.

When students get the message, the blogroom comes to life in the shape of a network that is quite difficult to follow since a living network is a chaotic entity.

Of course, I remember well a lot of posts, comments and whole threads of discussions. I know very well many students and often I get a rather clear idea of their personalities. However, for sure a great deal of threads get lost and in my perceptions, the relative proportions may be distorted by my own feelings or preferences.

The idea

However, by its nature, the Internet has memory or, perhaps, is a kind of memory. It hosts life forms and often their traces impressed in the time course can be recovered. This happens to the blogroom, too. All the posts and the comment are retrievable from the feed aggregator and they can be analyzed by means of mathematical and graphical tools.

The idea is to try to construct ways to look at the blogroom in its entirety from different perspectives and having the possibility to focus on specific aspects.

We could put it in the following way. The blogroom is a living entity but its multidimensional nature may be quite complex and therefore we need instruments that allow us to look at it in a reliable way.

I believe that the idea could be interesting being aware that 1) the subjective perception of the teacher remain fundamental, 2) mathematical devices are not magic.

PS: I will be very grateful to anyone willing to tell me about similar works or papers on this subject.

Sociograms have been made with Stanet.

CCK09: Connectivism and Connective Knowledge

(Versione italiana)

Last year I participated to the online course Connectivism and Connective Knowledge given by George Siemens and Stephen Downes. It was a great experience that influenced deeply my practices. It is a good new that they will deliver another version in the fall of this year.

One of the interesting features of these courses is that everyone is free to participate in its own way. This year it will not possible for me to attend the course as I did last year. Nevertheless, I subscribed with the intention of  posting during the course about a work I’m doing that I believe is related to some of the topics  that will be faced in this new version. I will try to listen to those that share similar interests in CCK09.

In this first post I’m going to outline this work.

The objective is to investigate the potential of web 2 technologies to improve the learning experience in a variety of graduate and post graduate courses. Basically, with the method I’m investigating, the teacher tries to facilitate the personal involvement and the practice of the students by keeping to a minimum its own interventions. From the technical point of view, the teaching method is based on the use of blogs and feed syndacation. Both the students and teachers use the blogs to write assignments, to pose questions, to comment and to collaborate. More details are available in this paper (pdf).

My thesis is that by means of the blog community and a sensible conduit of the teacher it is possible to give life to a phenomenon akin to what Etienne Wenger described as a community of practice (CoP), where the feeling of common objectives, the active collaboration among participants and the development of a set of common practices, substantially improve the process of meaning creation and, consequently, the learning experience. However, in my perspective the role of the teacher should not be that of controlling and managing that community as it is often intended when talking about CoPs. Instead, I see this community as something that should grow by itself, free to establish connections with resources, people, organizations and networks that are external to the class environment, much in the sense of connectivism as it has been formulated by George Siemens and Stephen Downes.

Thus, the class is the place where I welcome my students but then I try to bring them “outside” through what I’m calling the “blogroom”. The blogroom is a living community and the teacher has to take care of it as it is common with every newborn form of life. When you are taking care of a living being – it could be a newborn infant  as well as a grove or anything else – the most important thing is to learn to observe it before doing anything.

The blogroom community is a living being because it is composed of humans but it is also a living being in its whole. The teacher should be able to see this creature being aware that its well being is of great importance to improve substantially the learning experience of its components.

The main objective of this work is to explore methods to observe this community, supporting, but not replacing, the complex subjective impressions and feelings of the teacher. Since the life of the blogroom is trackable in all its details, the idea is to use methods of the social network analysis to extract relevant information from its traces.

The method is based on a set of web services and open source tools that allow one to extract the history of the blog community and to perform statistical and graphical network analysis on such data. The tools are 1) Google Reader for feed aggregation, 2) Google Docs for management of students data, 3) a set of Ruby packages to automatically browse the internet and exctract data from web services, 4) the Statnet package of the R environment for social network analysis and, finally, 5) some software I’m writing in Ruby myself to glue all together.

In this method, a variety of social network analysis tools are used to evaluate the part of students activities beyond the minimum trivial level constituted of a standard sequence of assignments. These evaluations may be done both on longitudinal studies as well as to compare different students populations. Conventional measures of networks as well as recent network modelling methods based on exponential-family random graph models (ERGM) are used.

This is a no cost project since all these web sevices, software tools and software languages are free and I will use them as long as they will remain free.

During the next months I will posts on specific aspects of this work.

Il mio primo sociogramma

Aggiorno questo post aggiungendo il sociogramma di una blogoclasse molto più ampia (123 studenti) sotto al precedente. Continuerò ad aggiornare questo post sino a che non avrò materiale per scrivere un pezzo più organico.


Questo è il primo sociogramma che ho ottenuto. Descrive la vita di una delle blogoclassi dell’ultimo semestre e rappresenta un primo risultato delle attività che ho descritto nel post precedente.

Contatti nella vita di una blogoclasse
Contatti nella vita di una blogoclasse
blgrm_MED_09_circ
Contatti nella vita di una blogoclasse di 123 studenti

Beninteso, l’analisi delle rete sociali va ben oltre la produzione di un diagramma poiché la quantità di metodi matematici e grafici che si possono utilizzare è sconfortante, metodi che vanno prima di tutto capiti …

Comunque, anche un semplice diagramma rende “palpabili” alcuni fatti interessanti.

Ho posto il docente al centro perché così si evidenziano i contatti studente-studente. Se le relazioni fossero state principalmente studente-professore allora il diagramma avrebbe assunto l’aspetto di una ruota di bicicletta, prevalendo i raggi sulle corde. La quantità di corde studente-studente testimonia invece la vitalità della blogoclasse.

Si apprezza anche bene il modo nel quale i vari gradi di partecipazione si distribuiscono fra le persone.

Tutto qua per ora, sono semplicemente contento di avere costruito un metodo per “vedere” meglio dentro alle blogoclassi sia a posteriori che in fieri. Credo che questo metodo possa essere pensato anche come uno strumento didattico, vedremo …

Classe virtuale online

Venerdì 10 luglio si replica la classe virtuale

Classi, comunità di pratica e dintorni

Per partecipare è sufficiente seguire il link precedente e iscriversi gratuitamente al sistema di “online education” WiZiQ. Poi, quando sarà l’ora, collegarsi al sistema e “entrare in aula”.

Può partecipare chiunque, senza alcun limite. Non costa nulla.

Per altri dettagli sulla sessione rimando al post relativo alla classe di venerdì 3 scorso.

Qui riporto il feedback dettagliato che dovrebbe servire a ciascuno di noi per evitare i problemi sperimentati la volta scorsa.

Thanks for your feedback. We checked the logs for  your class and internet bandwidth was low at the end of certain users which would have resulted in the delay problem. Here is the latency data:

ROSAMARIA_gUIDO 30.5 sec
ANNA__DI_PALMA 26.6 sec
Maria_Grazia_Fiore 25.5 sec
Veronica 14.3 sec
Danilo 4.44 sec
Michela 4.33 sec
Luigina 3.75 sec
m__rosaria_di_marino 2.77 sec
Nabila 2.14 sec
Eshwar 2.11 sec
Andreas_Formiconi(Teacher) 1.98 sec
Abhishek 1.56 sec
Claudia 1.31 sec

We generally recommend a connection with minimum bandwidth 512kbps for a good experience in a 2-way video session and around 256kbps for a 2-way audio session also let the attendees know the same.

We also noticed that User ‘Mariano’ was having audio controls. The problem at this user end was, he was having selected “Camera” in the audio devices list. Ask this user to select proper audio drivers from the settings wizard, otherwise noise/disturbance/echo/audio coming from far way.. these kind of problems can occur. This link would be useful for him:

http://www.vimeo.com/3280002

Also User letizia_frizziero was also having audio controls, but there was no issue. Please let us know if you faced any problem from this user’s audio.

As per logs, Michela was having selected “Realtek High Definit” drivers in the audio devices list. If the problem was at this user end, then these links would be helpful for her:

http://www.wiziq.com/tutorial/10198-How-to-reduce-echo-during-WiZiQ-session
http://www.wiziq.com/tutorial/12920-Reduce-Echo
http://www.wiziq.com/tutorial/10195-adjusting-mic-settings-for-best-output-in-VC

Maria_Grazia_Fiore this user  also selected camera drivers in the audio devices list. Please suggest her to selected proper audio device from the settings wizard. This link would again be beneficial here:

This link would be useful for him:

http://www.vimeo.com/3280002

Please let us know if you have further queries.

Nei video e nelle presentazioni proposte ci sono vari consigli per ridurre l’eco.

Per quanto riguarda la banda (velocità di trasmissione) minima loro consigliano, 512 kbps (kilo bit per second: migliaia di bit al secondo) per il video e 256 kbps per il solo audio. Per avere un’idea della vostra situazione, potete fare una stima utilizzando per esempio il sito testmy.net e nello spazio “Check it out …” provare a fare il “Test download speed” e il “test upload speed”.

Per esempio a me è venuto il valore di 847 kbps in download e 300 kbps in upload. Questo mi fa pensare che sarebbe meglio rinunciare al video.

È evidente che uno non possa cambiare la velocità di base della propria connessione ma è possibile evitare di aggravare la situazione tenendo conto che tutto quello che è connesso a Internet rischia di abbassare la performance perché si prende un po’ di banda.

Durante la classe, non tenere contemporaneamente aperte altre applicazioni quali Skype, messenger vari, altri canali di video streaming.

I software di gestione delle classi virtuali oltre che di banda sono anche molto avide di memoria e di calcolo. Conviene quindi chiudere anche altre applicazioni che sono altrettanto avide di tali risorse quali Adobe Photoshop, PowerPoint e le varie applicazioni tipo office.

In conclusione, meglio chiudere tutto il resto.

Divenire digitali: riflessioni ed esperienze sul mutamento antropologico in atto

È uscito il numero 62 di Form@re (una collana di Quaderni curata da Antonio Calvani) intitolato “Divenire digitali: riflessioni ed esperienze sul mutamento antropologico in atto”.

Il numero è stato curato da Maria Grazia che ha avuto il coraggio di mettere insieme un gruppo di autori molto eterogeneo. Direi che l’operazione, ardita anche per i tempi molto stretti, è riuscita e la varietà delle prospettive che ne deriva è molto interessante.

Colgo l’occasione per segnalare che vi sono vari elementi di contatto fra questa pubblicazione e la classe virtuale online programmata per venerdì 3 e venerdì 10.

Uno degli articoli del numero di Form@are, “Divenuti digitali”: voci dalla blogoclasse della Italian University Line, è costituito da un mash-up di stralci di contributi apparsi sui blog di alcuni studenti IUL. Le loro considerazioni unite a quelle che ho fatto nel mio contributo, La blogoclasse come comunità di pratica … intergenerazionale, costituiscono il naturale complemento scritto di ciò che avverrà nella classe online.

Classe virtuale online

Come avevo anticipato in un post precedente, venerdì 3 luglio alle 21 avrà luogo una classe virtuale intitolata

Classi, comunità di pratica e dintorni

Per partecipare è sufficiente seguire il link precedente e iscriversi gratuitamente al sistema di “online education” WiZiQ. Poi, quando sarà l’ora, collegarsi al sistema e “entrare in aula”.

Può partecipare chiunque, senza alcun limite. Non costa nulla, se qualcosa non funziona non si perde nulla, se funziona può risultare interessante.

L’idea è di creare delle occasioni per parlare delle cose su cui sto lavorando con persone che hanno interessi simili.

Non le chiamo lezioni perché vorrei porre l’enfasi sulla discussione.

In questa prima “puntata” dirò due parole sul lavoro che sto facendo per analizzare le dinamiche che hanno luogo nelle blogoclassi descrivendo i motivi per cui mi pare che esse abbiano la natura di comunità di pratica (la voce inglese di Wikipedia le descrive meglio).

La blogoclasse è il nome che uso per designare le classi dei miei studenti che seguono buona parte o interamente un mio corso mediante un proprio blog, formando una piccola comunità all’interno della blogosfera.

Le comunità di pratica sono interessanti perché sono entità di natura sociale nelle quali le esperienze di apprendimento sono particolarmente legate alla “creazione di significato”.

Durante l’incontro accennerò brevemente anche alle tecniche che sto impiegando per estrarre dati dalla blogosfera al fine di analizzarli. Vorrei commentare come oggi la tecnologia sia divenuta “amichevole”, “liquida”, “libera” nel senso che non costa praticamente niente.

Successivamente ci saranno gli interventi di alcuni studenti della Italian University Line che presenteranno in forma di bozza la loro tesi di laurea. Questi studenti sono insegnanti della scuola elementare e della scuola media che sono giunti al termine del corso di laurea triennale Metodi e Tecniche delle Interazioni Educative (pdf). In questa occasione avranno modo, se lo desidereranno, di fare un prova di esposizione e, al tempo stesso, di avere un’occasione per scambiare idee fra loro e con altri su temi a loro cari.

La partecipazione degli studenti IUL è significativa perché nel corso che hanno appena terminato sono stati protagonisti di un’eccellente esperienza di comunità di pratica.

Poiché è impossibile trovare una data che accontenti tutti, replicheremo l’evento il venerdì 10 luglio, sempre alle 21, in modo da offrire la stessa opportunità agli studenti IUL che non possano partecipare venerdì 3.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: