Opened – Week 13

Really enjoyed Wiley’s close:

… embrace the trib culture sooner than later. Higher education doesn’t have to remain stuck in its traditional R/O ways … I would beg those early pioneer to open their eyes to what was happening all around them (on YouTube, on Flickr, on Wikipedia, and the other pioneers of the trib’ing movement) and to evolve with the times rather than be left behind by them.

Just at the end of the first blogging experiment in the computer literacy course I told you in a previous post. Basically, students were told:

If you create a blog and play with it, as I’ll tell you during the course, by using Web 2.o tools, then you will build up your grade without doing the final test, or doing just a small part of it. If you need some basics, just browse the courseware available for you in the platform and use it as you need it. I’m here for questions but, please, post them always to the whole community.

At the end, when asked what they thought about this course, they were enthusiastic. Almost 70 comments have been written so far. A swedish student was allowed to write in english. The main message of her post I’m picking up here, is shared by the totality of the other ones:

Caro Prof,
How much more you learn and how much easier it is to learn through doing and not just trying to repeat endless definitions without the chance to reflect or think about their meaning. This course has not only allowed me to do, to think and to reflect but it has also allowed me to choose when to do it. Something that in many other courses is impossible and which make learning even more difficult especially when you try to combine studies with work. This course has really offered an unique way of learning. If a similar method could be applied to other courses it would be great. I am convinced that if not a whole course, certain parts of several of our courses could benefit. In some cases maybe not limiting the approach to the use of computers but by following your example introducing more student-based learning and active participation …

This girl was already quite familiar with computer technology. The leitmotiv of many with bad or no computer experience was of the kind

… previously, I hated the computer and I did not know what to do with it, now, when I’m back home I run to see if others have written something or a comment to may last post; now I understand how computers and Internet could by useful in my life and my future job.

And they have been introduced to very few things: open a blog, use it, manage RSS feeds, con(trib)ute things in a wiki page, manage social bookmarks. Nonetheless, they are all confident to be able to face new issues, just feeling familiar with this new device.

So, dear friends, going back to the last sentences that Wiley put in 2012, I would say that

students are ready to trib now whereas schools are light-years behind

Blog studenti: ultime cose …

Ancora una cosa obbligatoria per poter dare l’esame.

Dovete esprimere un parere su questo modo di fare un corso di informatica. Per esempio

  1. Cosa vi è piaciuto?
  2. Cosa non vi è piaciuto?
  3. Cosa avreste preferito fare?
  4. Vi piacerebbe se un metodo del genere fosse applicato ad altre materie, laddove possibile?

Esprimete i vostri pareri con dei commenti a questo post.

Non abbiate timore di fare critiche. I commenti positivi ovviamente rallegrano ma le critiche sono più utili, se costruttive:

in passato mi è capitato di premiare con dei punti studenti che avevano fatto critiche costruttive.

Per gli studenti di medicina

Se qualcuno di voi verrà ad uno dei prossimi appelli dovrà fare una ricerca bibliografica su PubMed. Vi darò il quesito in aula.

Se volete fare questo, esercitatevi provando a porvi dei quesiti. In PubMed si trovano anche tante cose …

Facoltativo

Quello che nelle pagine wiki abbiamo chiamato pomposamente manuale di informatica non è poi così male visto come è stato improvvisato in pochissimo tempo. Chiunque voglia contribuire ad aggiustarlo, correggendo errori, migliorando l’italiano, prefezionandolo, armonizzandolo … è benvenuto.

Sarebbe utilissimo aggiungere dei tag alle pagine. Ebbene sì, anche qui si possono mettere i tag. In fondo ad ogni pagina a sinistra c’è il link ai tag.

Per aggiungere un tag fate clic sul segno +

Blog studenti: esercizi finali …

Queste due attività possono servire ad issarsi nella fascia 27-30 o a migliorare comunque il voto.
È un metodo molto più civile rispetto al trito rito della deposizione delle crocette.

  1. Ancora social bookmarking. Ponete in del.icio.us eventuali link a brani di wikipedia pertinenti al pezzo che avevate scritto. Oltre ai tag che scegliete voi mettete anche
    studenti medicina firenze informatica wikipediaNon solo: aggiungete questi link anche nella pagina http://infomedfi.pbwiki.com/WikiPediaLinks (roba da pazzi, sono andato a vedere l’indirizzo: qualcuno ha già iniziato! Che c’è dopo la lode?) …
  2. La settimana scorsa, qualcuno di voi aveva suggerito di comporre una sorta di manuale di informatica scritto dagli studenti dicendomi, più o meno:”Niente, cioè, perché noi, andando a vedere i vari post, s’è scritto della roba ganza, magari episodi vissuti per davvero, che si capiscono molto meglio dei testi che si studia di solito. Sarebbe una cosa fatta bene raccoglierli tutti insieme …

    Oh come sono d’accordo! Mi era piaciuto moltissimo leggere post dove per commentare un particolare aspetto tecnico l’autore era ricorso alla narrazione di una propria esperienza. Allora, ho creato una pagina dove ho elencato brevemente i link alle altre pagine che, in varie circostanze, avete scritto.

    Potete: 1) aggiungere nuove pagine e linkarle in quella principale (per esempio coloro che hanno scritto un episodio informatico nel primo compito lo potrebbero riportare qua), 2) perfezionare quelle esistenti con nuovi contenuti oppure anche solo con un lavoro di perfezionamento grafico e armonizzazione dei vari pezzi scritti in modo condiviso (per esempio si potrebbe dare alla traduzione del Help di del.icio.us la stessa struttura di link) … n) idee vostre …

PS per gli studenti di medicina: se fra di voi vi fosse qualcuno che con le attività svolte sino ad ora si trova nella fascia 27-30, per convalidare tale voto e eventualmente trasformarlo non farà i quiz bensì farà una prova di ricerca bibliografica su PubMed. Potrà venire tranquillamente nei giorni stabiliti in un post precedente quando vogliono fra le 9 e le 17.

Opened – Week 12

Answering some comments to my last post.

@ Anto

Andreas, I do not completely agree with you about “control and hierarchy seen in opposition to open resources.
In the case of LOs, “control” may simply mean “technical specifications”. Also in the Open Source software there are several examples of standardization but open sofware remains… open! …

I understand that in some contexts LOs may be useful but it is difficult for me to associate them to OER. Usually, the great open phenomena we have seen in Internet in the last years had an explosive nature, well described by an exponential behaviour. In this course I learned that there has been a great deal of discussion about LOs but I do not see any explosive growth in their use.

My thoughts resonate very much with Karen‘s ones, on this subject:

My primary thought after doing this reading is that if all the time spent discussing arcane definitions of learning objects and complex formulations of common sense observations was instead spent developing some useful educational resources, the world would be a better place.

@ Emanuela

The metaphor could be: a travel (OER) could need a car, but a train or a bike too. (LO or another resource)

May be cars (LOs) are so difficult to drive or so expensive that few people use them? Then, why should we talk about so much? OER are meaningful only if they are used in massive context, or am I wrong?

@ Catia

Well, as for judging the value of a resource I would say that it depends on the context. I think that no resource is better than other per se, but it depends on the fact of being suitable for the learner in a particular situation.

I agree perfectly, Catia. The problem is that in education the context may be extremely variable. Therefore, I’m afraid the adaptation work may be so relevant to make the need of a LO questionable …

Tchau 🙂

@ Rob

We may have to compare some notes, since I’m involved with computer literacy as well.

Oh yes! 🙂

Your experience in that class sounds great. So you need to listen to students, integrate their ideas, allow them to be active, and provide immediate feedback. That sounds wonderful, no matter where your content comes from.

Oh yes, I like this experience so much and I owe a lot to some on line communities such as LTEver and Open Ed.

Besides more technical issues, what I like most is that the students tend to feel more comfortable because they are quite familiar with these tools. Therefore, they tend to express themselves, to share their interests, to aggregate. This is great for the teacher, I know many students much better than with the conventional classroom system where a classroom is no more a classroom, may be with one or two hundreds of people listening to you! I believe that to know your students is very important. Do you agree? In this first experience I’m learning that the best system is to mix the blogging activities with physical presence. When the students want to discuss a new idea or they need explanations they ask for a meeting. Everyone is positively motivated and the mood is usually very good.

You point out an important difference between software development and teaching, where the comparison of open source software to OER development does not exactly match, with software QA testing following a bit of a different model than evaluating learning materials. I’ve written about how they’re similar, but as you bring up, they are not always similar.

Yes, I liked very much your post and got me to think about the analogy between software development and teaching. Analogies are quite useful and it is also useful to see where the analogy breaks up.

Blog studenti: date esami

Barcamenandosi fra le date emerse dalla vostra discussione nel forum, le date già prenotate per l’aula informatica e la festa della Toscana del 30 che non so se è davvero un giorno festivo, non volendo comunque togliere feste a nessuno, sono addivenuto al seguente calendario:

  1. giovedì 29 novembre 9:00-17:00
  2. lunedì 17 dicembre 9:00-17:00
  3. lunedì 14 gennaio 9:00-17:00

Per quanto riguarda gli studenti di Empoli ho visto la loro proposta in un post. Propongo lunedì 3 dicembre. L’orario me lo farete sapere voi in base alla disponibilità della vostra aula multimediale.

Invece, se ricordo bene, gli studenti di Prato interessati al primo appello hanno intenzione di partecipare agli appelli che si svolgeranno a Firenze.

In totale ho traccia di 135 studenti. Di questi 84 stanno seguendo con sufficiente assiduità il lavoro con gli strumenti WEB 2.0, vale a dire impiego di blog, wiki e social bookmarking.

Confermo che queste 84 persone hanno punteggi corrispondenti a voti superiori o uguali a 27/30 .

Auspico che non facciano l’esame anche se non impedisco un eventuale eccesso di zelo 😉

Tuttavia, intendo proporre qualche altro divertimento e preferisco di gran lunga che lavoriate così anziché che veniate a piazzare una manciata di crocette!

Di sicuro qualcuno piagnucolerà: “Posso sapere a quanto sono … ?”

Se volete ve lo dico. In tal caso vi posso mandare un messaggio dalla piattaforma.

Se togliamo 84 studenti ne rimangono 51 candidati a fare l’esame tradizionale. Propongo di semplificare al massimo l’organizzazione; credo che con 25 computer disponibili in aula e cinquanta persone suddivise in tre appelli si possa fare.

L’aula sarà disponibile per fare l’esame dalle 9 alle 17. Voi venite quando vi pare, senza nessuna prenotazione quindi. Se in qualche momento vi saranno tutte le postazioni occupate faremo una lista volante e il primo in coda occuperà la prima postazione libera; non credo comunque che si verifichi questa situazione, visti i numeri.

Ancora una cosa. Dei 51 studenti che mi aspetto facciano l’esame, ve ne sono alcuni che il blog l’avevano iniziato ma poi non l’hanno usato. Sono sempre in tempo: se nel frattempo fanno lo stesso lavoro che hanno fatto gli altri allora questo verrà valutato nello stesso modo e potranno quindi evitare di fare l’esame. Se invece le loro attività WEB 2.o rimarranno tronche verrà tenuto conto di ciò che comunque hanno fatto con una riduzione commisurata della difficoltà dell’esame a quiz.

Vi sono anche degli studenti di medicina che avevo invitato a prendere parte ai lavori già nel I semestre invece di aspettare il II semestre come previsto dal regolamento. Se avranno lavorato assegnerò anche a loro il punteggio dovuto come per gli studenti degli altri corsi di laurea.

Blog studenti: … social bookmarking

In un post fra le news della piattaforma ho elencato coloro che ho potuto riconoscere e che hanno fornito dei bookmark validi. Ho anche elencato coloro che non sono in grado di riconoscere e che prego di farsi vivi nonché gli studenti che hanno fornito bookmark strani o non ne hanno forniti affatto.

Qui pongo qualche considerazione generale sui tag.

  1. Usate i tag! C’è chi ha piazzato bookmark disinteressandosi dei tag. È un peccato non usare i tag perché si perde un potente strumento utile per reperire i bookmark qualora se ne siano memorizzati molti. All’inizio sembra quasi inutile mettere i tag ma dopo …
  2. Attenti all’ortografia! Scrivere databae invece database vuol dire non trovare quel bookmark quando si cerca database.
  3. Non mettete virgole! In del.icio.us i tag sono divisi esclusivamente da spazi! Se io scrivo pippo, topolino del.icio.us memorizza il tag pippo, (virgola inclusa) e topolino
  4. Non usate parole che portano troppo poco significato specifico: come cosa sono ma
  5. Non usate parole composte in modo astruso! Per esempio antivirusfreeware. Il giorno che ricercherete questo oggetto sarà difficile che vi ricorderete una simile combinazione. Sarà invece più facile che vi vengano in mente i concetti di antivirus e di freeware. L’uso contemporaneo dei due tag (l’intersezione fra i due insiemi corrispondenti) vi farà trovare altrettanto bene il bookmark in questione ma soprattutto vi consentirà di trovare anche altri bookmark, magari di altri, che cadono nell’intersezione designata dai due tag ma che vi sfuggirebbero usando il tag antivirusfreeware.
  6. Non ha senso usare il tag superarf, che è il mio username in del.icio.us! Ha senso utilizzarlo nella formula for:superarf che serve ad inviare ad un altro utente di del.icio.us, in questo caso al sottoscritto, un bookmark.
  7. Non usate parole inventate ad hoc! Per esempio hacker1, hacker2 etc. per bookmark diversi che concernono il concetto di hacker. L’utilità è proprio avere un unico tag, hacker per l’appunto, che riunisca cose diverse accomunate dal fatto di parlare di hacker. Inutile distinguerle.

Opened – Week 11

I’m very sorry to be so late but I’m too busy with my students. The approach based on blogging we are using in the Open Education course and that I’m trying to apply in my courses is great but with so many students it may be difficult sometimes. By the way, it is curious to play simultaneously the student’s and the teacher’s role. I like it very much! I also like to mix posts related to both roles in this blog. Unfortunately, posts for my students are in italian, of course.

Even if it is late and I had to read classmates posts too fast, I’m posting anyway because this course is really important for me.

At the faculty of medicine in Florence, we have an experience of seven years in applying computer and internet-based technologies for a computer literacy course. The experience is relevant because it is involving about 700 students per year in more than 20 curricula. The results are good. The use of new technologies allows us to make many interesting learning experiments and the student appreciate very much the new methods: 90% declare that they would like to see these method applied in other teachings.

However, these results have nothing to do with the use of Learning Objects.

The crucial elements were

1) to let the student be more active by means of appropriate activities,

2) to propose activities, tools and environments with which students are already familiar in their life,

3) to be prompt to transform students ideas in new learning experiences,

4) to be prompt in answering their questions,

5) to improve the organization of the courses.

I would say that the didactic material, text and so on, played a secondary role with respect to the points mentioned above.

When preparing the course, I tried to find courseware to reuse but all the attempts failed and, almost always, I finished composing the material myself. Sometimes, I took relatively small pieces of information in Wikipedia or some other places.

In the beginning I even did not know what Learning Objects were. Later on, I heard of Learning Objects by people involved in the management of refreshing courses in enterprises. Soon I realized that the Learning Objects model did not fit well in my teaching practice. I felt quite uncomfortable with all the terminology around Learning Objects and even e-learning.

Reading Wiley’s chapter, The Learning Object Literature, relieved me a great deal! Learning Objects literature is too much technical, too much related to computer science instead of to fields where the learner is the main object of interest.

The question if open educational resources “fix” many of the problems experienced by those who work with learning objects is an interesting one. I do not know if, actually, the idea of open educational resources may solve the problems related to learning objects but I believe the two ideas are pretty in contrast.

Learning Objects involve control and hierarchy. These concepts are quite the opposite of open source, to which the open educational resources thinking is inspired, as far as I understand. In open source you can build something from existing software modules, by changing them and putting them together but you can also grab and reuse small pieces of code taken from many different modules. The open source programmer sees the open source software available in the public domain as a kind of continuum.

There is no doubt that the most similar thing in the field of educational resource is what we have in Wikipedia. Actually, as a former software programmer, I tend to see Wikipedia as the main source of possible chunks of didactic material.

However, the analogy between open educational resources and open source has to be taken with care. The context of open source is much more simple: to see if a piece of software works, you run it with test cases and you correct and test it again until all bugs are found. Of course, this process may be not so simple as we can describe it but the context of educational resources is hugely more complicated. How you can assess that a resource is better then another one? How can you assess that a resource is bug-free? Is this last question actually a meaningful one? Questions of such kind are even more difficult to answer because of the inherently localized nature of educational resources: a resource which is good in a certain context may be completely inadequate in another one.

So, what makes difficult a kind of natural selection of educational resources analogous to that we see in the field of open source, is the absence of a strong and immediate feedback on the quality of the resources. I believe that there may be only one kind of effective feedback: the feedback given by a massive use of the resources and, probably, this kind of massive use may take place only in context similar to Wikipedia.

In any case, I believe also that, significant progresses in the field of education are much more related to the behaviour of teachers and to learning practices instead of to the technicalities of learning objects.

Blog studenti: ritardo e nickname in del.icio.us

Ritardo lettura blog

Tranquilli,

un incarico imprevisto e la vostra adesione al percorso dei blog mi ha posto in saturazione.

Abbiate fede, leggerò tutto quello che avete scritto, ne terrò conto e vi scriverò commenti personalizzati se necessario.

Come ho detto stamani agli studenti di Empoli, coloro che mi hanno seguito nel percorso dei blog e mi seguiranno in pochi altri passi, prenderanno voti compresi fra 27 e 30. Penso di non averli all’esame quindi, anzi, spero …

Problema dei nickname in del.icio.us

Mi è venuta un’idea per il problema dei nickname che non riconosco in del.icio.us, anzi me l’ha data una di voi (grazie Francesca):

andate in http://infomedfi.pbwiki.com/utentiblog e, dopo il vostro nome, prima dell’indirizzo del blog, scrivete il vostro nick in del.icio.us

Blog studenti: social bookmarking, completiamo l’esercizio

Vediamo di completare l’esercizio sul social bookmarking.

Ricapitolando:

  • Registratevi in http://del.icio.us
  • Cercate riferimenti in Internet, escluso per ora voci di Wikipedia, sull’argomento che avete commentato nel precedente compito
  • Riflettete bene sui tag che scegliete, pensando a quali potrebbero essere i termini con i quali vi verrebbe spontaneo cercare quella cosa molto tempo dopo; il tempo impiegato a riflettere sarà tempo risparmiato in futuro … forse non solo qui …
  • Per ogni bookmark aggiungete anche un tag for:superarf
  • Non dimenticate di inserire la descrizione se il titolo non è sufficientemente chiaro

Dal canto mio, accumulo i bookmarks ricevuti aggiungendo i tag studenti medicina firenze, cosicché tutti li possano vedere riuniti in http://del.icio.us/superarf/studenti+medicina+firenze

Per inciso, è così che si selezionano bookmark con tag multipli: studenti+medicina+firenze.

Per completare l’esercizio ci diamo tempo fino a mercoledì 14 alle 24:00.

Blog studenti: … social bookmarking

Una vostra compagna di corso (?) blog (?) … insomma una di voi ha fatto questa domanda:

… una cosa non ho capito del social bookmarking all’interno del nostro corso: il blog l’ho finalizzato agli utenti universitari e quindi scrivo e commento in direzione di quello che puo’ essere l’interesse di tale target, ma i bookmarks che condividerei sono abbastanza affaracci miei, non nel senso di riservatezza, ma credo che tante cose non interessino.
come mi devo orientare a condividere e a inserire in for:superarf i miei bookmarks? metto quello che mi gira o penso allo stesso target del blog?

La risposta è duplice comprendendo un aspetto generale ed uno specifico dell’esercizio. Iniziamo da quest’ultimo specificandone l’obiettivo.

Obiettivo dell’esercizio:
creare una risorsa che affianchi il materiale didattico esistente


Ci sono le dispense che ho scritto io ma la materia è molto ampia e in continua evoluzione. Se tanti studenti, ognuno con un piccolo contributo, arricchiscono il materiale con una lista di bookmark commentati otteniamo un complemento dinamico e aggiornato delle dispense: a me una fonte strepitosa da cui distillare con comodo eventuali aggiornamenti del corso; a voi un esercizio informatico pratico che contribuisce anche all’esame. Gli americano la chiamano una situazione win-win: ci si guadagna tutti e magari ci si diverte anche un po’.

Chiaro che ai fini dell’esercizio chiedo che mi offriate bookmark pertinenti al corso, vale a dire vi chiedo di appiccicare il tag for:superarf solo a tali bookmark per il semplice fatto che sennò mi ci vuole un lavoro extra per scremarli dagli altri e, vi assicuro, il lavoro non me lo state facendo mancare 😉

Questione degli affaracci miei …

Al di la dell’esercizio, se non si tratta di questioni di riservatezza, ove non mi permetterei di entrare, non ci si deve preoccupare del fatto che le proprie cose non interessino gli altri. A noi può sembrare così ma il mondo è grande, tanto più grande di noi, e contiene un’infinità di occorrenze che neanche ci possiamo provare ad immaginare. Può succedere che ciò che ci sembra utile solo a noi un altro lo andasse cercando da tempo. Può succedere che una nostra cosa che ci sembra piccola e insignificante rappresenti invece un valore inestimabile per un altro.

Questo vuol dire, anche, la parolina sociale. Questo vuol dire generare ricchezza, in senso lato.