Blog studenti: ultime cose …

Ancora una cosa obbligatoria per poter dare l’esame.

Dovete esprimere un parere su questo modo di fare un corso di informatica. Per esempio

  1. Cosa vi è piaciuto?
  2. Cosa non vi è piaciuto?
  3. Cosa avreste preferito fare?
  4. Vi piacerebbe se un metodo del genere fosse applicato ad altre materie, laddove possibile?

Esprimete i vostri pareri con dei commenti a questo post.

Non abbiate timore di fare critiche. I commenti positivi ovviamente rallegrano ma le critiche sono più utili, se costruttive:

in passato mi è capitato di premiare con dei punti studenti che avevano fatto critiche costruttive.

Per gli studenti di medicina

Se qualcuno di voi verrà ad uno dei prossimi appelli dovrà fare una ricerca bibliografica su PubMed. Vi darò il quesito in aula.

Se volete fare questo, esercitatevi provando a porvi dei quesiti. In PubMed si trovano anche tante cose …

Facoltativo

Quello che nelle pagine wiki abbiamo chiamato pomposamente manuale di informatica non è poi così male visto come è stato improvvisato in pochissimo tempo. Chiunque voglia contribuire ad aggiustarlo, correggendo errori, migliorando l’italiano, prefezionandolo, armonizzandolo … è benvenuto.

Sarebbe utilissimo aggiungere dei tag alle pagine. Ebbene sì, anche qui si possono mettere i tag. In fondo ad ogni pagina a sinistra c’è il link ai tag.

Per aggiungere un tag fate clic sul segno +

88 thoughts on “Blog studenti: ultime cose …

  1. sara ha detto:

    ..cosa dire?!prima di tutto che è fantastico avere la possibilità di far l’esame un po’ quando si vuole..così ognuno riesce a gestirsi il proprio tempo come meglio crede!!
    Il corso..?se di corso si puo parlare(..considerato che la maggior parte delle persone intende come “corso” una serie di lezioni frontali noiosissime), possiamo dire che è stato inesistente:non è una critica..anzi al contrario!! Sul computer uno deve smanettarci sopra per conto proprio..altrimenti è inutile imparare a memoria tutta una serie di numeri e lettere(che poi vengono dimenticate una volta fatto l’esame!!)!!Per capire(più o meno) il computer si deve utilizzare del tempo per navigare nei suoi circuiti.Ecco..questa potrebbe essere una critica:uno deve aver voglia di mettersi davanti ad un computer e passarci del tempo(anche delle ore!!).Io questa predisposizione proprio non ce l’ho..ecco perchè non ho fatto blog o varie cose del genere e mi sono buttata solo sull’esamino-quiz!!Incrociando le dita nella speranza di passarlo (e poter dire:”..meno un altro!!!”) saluto tutti..e vi dico “in bocca al lupo!!”

  2. ceccherini martina ha detto:

    Per la prima volta si affronta un corso senza frequentare ore ed ore di lezioni che talvolta più che interessare annoiano con i troppi concetti.Mi sono trovata bene con le dispense e soprattutto mi sono potuta giostrare al maglio il tempo per studiare.Questo corso mi ha illuminato poiché di computer sapevo poco o niente…e a dirla tutta la materia non era tra le mie preferite…grazie a lei prof mi sono ricreduta e sto cominciando a voler più bene ai computer e alla tecnologia in generale……………..continui così con questo corso e ora……….speriamo vada bene anche l’esame!!!!!!!!!!!!!!!!

  3. Marianna ha detto:

    il corso è durato pochissimo per noi, ma ho letto le dispense e devo dire che le ho trovate interessanti.
    Ho trovato argomenti che non conoscevo ed ho cercato di comprenderli, riuscendoci più o meno!
    Quindi adesso proverò a superare l’esame!
    L’idea del blog è interessante anche se non l’ho utilizzata anche se in futuro non lo escludo.

  4. sara fedi ha detto:

    mi è veramente piaciuto questo corso.per me il computer era un pò una materia oscura ma ora posso dire di capirci finalmente qualcosa.è stato bello inoltre potersi gestire il lavoro,sapendo sempre che per qualche dubbio o problema potevamo domandare e soprattutto che i nostri dubbi sarebbero stati risolti.mi è dispiaciuto non aver fatto il blog.comunque posso concludere che mi è stato utilissimo studiare informatica

  5. Marini Daniele ha detto:

    Questo corso mi è servito perchè grazie ad esso mi sono avvicinato di più al mondo dei computer,essenziale ai giorni nostri.Inoltre ho trovato interessante il metodo di studio adottato in merito al corso,il quale mi ha incentivato all’ approccio con i computer.

  6. baroncelli lorenzo ha detto:

    penso che il corso sia stato utile, prima di adesso non ero mai stato in grado di utilizzare il computer molto bene; adesso invece sono riuscito a creare un blog anche se non sono riuscito ad installare l’aggregatore,mi rimane un pò d’amaro in bocca per qusto!!! Il corso mi ha fatto anche conoscere molte cose sul computer di cui prima non ne ero nemmeno a conoscenza…. dovrebbe essere usato di più anche in altre lezioni….

  7. serena daconto ha detto:

    Io purtroppo non ho potuto seguire il suo corso per motivi di lavoro.Sono molto rammaricata di questo per quello che ho sentito dire dalle mie compagne di corso.Mi hanno detto che loro hanno imparato molto.Dando un occhiata a tutto il materiale mi sono chiarita un pò le idee riguardo questo “mondo”,per me un pò astruso,che è il Computer.Cercherò di fare il mio Blog al più presto…tempo permettendo!Mi dispiace di non poterle fare nè critiche nè complimenti.

  8. Anonimo ha detto:

    Il metodo utilizzato per questo corso credo che sia intelligente perchè dà modo agli studenti di gestire il loro tempo come meglio credono! E’ inutile andare ad una lezione solo per l’obbligo di dover fare presenza e magari non esserci con la testa!
    Credo che, arrivati all’univesità, tutti gli studenti dovrebbero essere abbastanza maturi per sapere da soli quando studiare e non dover essere obbligati a scaldare un banco e perdere così più tempo! Anche perchè ci sono persone che, come me, devono perdere 3 ore al giorno nel viaggio. Se fate un pò di conti, capirete che non è poco il tempo che tolgo allo studio! Per questo sarebbe giusto che tutte le materie adottassero questo metodo..così potrei decidere da sola quando è il caso o meno di fare 3 ore di viaggio!

  9. Maroni valentina ha detto:

    Rischio di essere ripetitiva, ma l’unica cosa che mi santo di dire è che ho trovato originale, alternativo e interessante il modo in cui è stato tenuto questo corso di informatica.
    Il computer è uno strumento essenziale e fondamentale per qualsiasi cosa.Allo stesso tempo però può far paura se non lo si sa usare!!!!!Sicuramente non sarò divntata un genio dell’informatica, ma mi sono divertita a scoprire questo stumento per me così complicato ma sicuramente interessante.!!!
    Vale

  10. Anastasia ha detto:

    A me è piaciuto questo nuovo modo di fare informatica perchè, a differenza di qualche tempo fa, invece di chiamare aiuto ogni volta che ero incapace col computer, mi ha spinto a capire le cose, provare e riprovare, finchè non riuscivano bene!Dico questo per quanto mi riguarda, anche se devo ammettere che è stato un lavoro pesante da fare, perchè ha comportato una notevole spesa di tempo, e per questo forse, questa modalità di fare lezione non è alla portata di tutti, perchè per chi già sa, è piuttosto facile, invece chi parte da zero nell’ uso del computer rimane spiazzato.Quindi qualche lezione frontale secondo me ci vorrebbe, giusto per dare un minimo di basi sull’ argomento per chi è più in difficoltà.
    Secondo me, per le altre materie la cosa che potrebbe funzionare è il fatto di creare dei blog, per esempio uno per ogni corso di laurea, dove possano comunicare studenti , docenti e segreteria, per lo scambio di materiale, dispense ecc, così da evitare giri di telefonate ed email.
    Se dovessi dare un voto a questo corso darei sette e mezzo…mi è piaciuta l’idea e per me è stata positiva, ma mi rendo conto che non è adatto a tutti!

  11. Anna Rosa ha detto:

    Salve Prof!
    Credo che questo modo di fare informatica sia davvero utile. Ho sempre “navigato” in internet ma non avevo mai fatto un mio blog (nè sapevo cosa fosse precisamente!). Ora ho capito molte cose sul computer (al di là delle solite noiose nozioni apprese nei corsi per l’ecdl), e spero che andando avanti ne impari ancora di più… Per quanto riguarda la possibilità di applicare lo stesso metodo didattico ad altre materie, beh… A dire il vero non riuscirei ad immaginare la fisica o la biologia fatte in questo modo… Sicuramente i docenti dovrebbero imparare a sfruttare il computer durante le lezioni per renderle più ricche ed interessanti (1 professore su 10 deve chiamare il tecnico per mandare avanti una presentazione in powerpoint!). Ad ogni modo sono contenta di questo approccio nuovo per me allo studio, e spero che dia buoni frutti. Complimenti per l’idea!
    Saluti.

  12. Tiziano (Vic Mackey) ha detto:

    …….Mah che dire di questo corso!!….Ho aperto un blog ma non l’ho usato (fino ad esso)!!!Altri esami incombevano e poi (soprattutto) che scrivere sul blog? Cmq l’idea non è male, magari qualcuno ha usato ed userà in futuro tutto cio’ che ha appreso ed aggiornerà costantemente il proprio blog.
    Secondo me il blog e tutto il lavoro che ne consegue su di esso deve esser un piacere e non un dovere, ed invece mi è sembrato che x qualcuno sia stato solo una ricerca x ottenere un voto piu’ o meno alto all’esame! Ovviamente non voglio fare di tutta l’erba un fascio (nel senso che qualcuno sara’ contento del lavoro svolto e proseguira’ con la stessa voglia con la quale ha iniziato a metter mano al proprio blog).
    Cmq e’ un’innovazione non male xche’ ognuno ha la possibilità di decidere cosa fare (esame o blog o entrambi) x superare l’esame e scrivere sul blog o sul forum o dov’altro tutto cio’ che vuole nel rispetto sempre degli altri.
    Magari avere altre alternative oltre al blog non sarebbe male!!!

  13. Susyna ha detto:

    Prof, sicuramente il mio giudizio sarà POSITIVO per forza: questo modo di utilizzare internet è così utile e interessante, che non potrei lasciarle un commento negativo!Innanzitutto mi è piaciuto l’idea di fare un blog, che sia un qualcosa di utile per gli altri ed è una cosa fantastica anche il feed rss, perché con un solo click, puoi vedere tutti i siti che ti interessano (l’ho già fatto per controllare un altro sito e farò un feed per il sito della mia filarmonica)!Anche delicious è un sito sorprendente: sapevo che su internet c’erano un sacco di cose ma non pensavo che fosse così tremendamente “utile” (io aprivo internet solo per aprire la posta!).Sicuramente questo corso mi ha lasciato più di altri (interessanti eh, per carità!) perché mi ha insegnato qualcosa che può essere utile anche nella vita quotidiana, fuori dai banchi. L’unica limitazione di questo corso, a parere mio, era che penalizzava un pò quelli che non avevano internet a casa o l’adsl (anche se ormai internet è diventato talmente diffuso che raramente si trovano persone che non ce l’hanno) e quindi non hanno potutto imparare altrettanto quanto noi. Prof, anzi, io avrei un’idea, perché non continua, sempre sul suo blog o tramite la piattaforma, a insegnarci (per chi vuol continuare anche a esame concluso) le mille meraviglie di internet?sarebbe un peccato che tutto questo lavoro che abbiamo fatto andasse sprecato, quindi perché non continuare?
    Grazie
    Susanna Sandrelli

  14. Luca Orlando ha detto:

    Ciao Prof.
    Prima di tutto esprimo il mio guidizio,il quale è decisamente positivo. Per quanto mi riguarda ho conusciuto un modo nuovo di stare a “spippolare” con il computer. Le mie conoscenze erano ferme alla formattazione, installazione, P2P sfrenato, al massimo skype; non riguardavao l’interazione con altre persone.
    In + aver fatto un blog, cosa che consideravo “roba da ragazzini” (dato che ho quasi 30 anni), si è rivelata una esperienza divertente.
    Ora posso dire di saper meg
    Non serebbe male che anche altri corsi fossero impostati così anche se ho seri dubbi sulla volontà di svincolarsi dagli schemi classici di alcuni docenti.
    PS: sarebbe interessante far fare questo esame anche a qualche suo collega!!!!
    Un saluto da Luca Orlando

  15. giulietta ha detto:

    Dunque innanzi tutto chiedo perdono per il ritardo…Sono ancora in tempo a fare anche io il mio commento???Purtroppo ho avuto una serie di problemi e non sono potuta venire prima…Bene, ovviamente sembrano frasi ripetute, ma se ognuno la ripete signiica che è stato veramente così…Sto parlando dell’esito positivo di questo corso…Io non è che ero proprio una nemica del computer,anzi mi è sempre capitato di usarlo spesso..In più durante il mio primo anno a scienze biologiche abbiamo fatto un corso,o meglio dovrei dire bioinformatica…Era interessante ma ha presente quando si vogliono concentrare troppe cose in poco tempo?ecco..un arruffio!!!Insomma,come molte altre persone anche io inizialmente mi aspettavo il solito corso da manualetto, vita morte e miracoli del computer e tutto i resto…E invece sono rimasta stupita…Questo nuovo tipo di lezioni d’informatica mi è stato veramente utile..Ma non credo sia stato utile solo a noi studenti, ma lo è stato anche per lei, e per dare una dimostrazione su come vanno affrontate certe cose…Lei con questo tipo d’insegnamento ci ha coinvolti a tal punto che abbiamo imparato più in questo poco tempo che in anni che manovriamo i computer…Il futuro cambia in continuazione, questi tipi di rapporti anche tra professori-alunni devono improntarsi su questo modello, con alla base il dialogo, l’esprimere proprie opinioni…Non è lo studiare un manualetto a memoria perchè domani m’interrogano, ma è studiare facendo pratica, assorbendo via via ogni minima cosa che facciamo…Tutto ciò rimane nelle nostre vene, ormai ci siamo fatti questo bagaglio diddattico e culturale…Ed io la ringrazio di avermi regalato tutto ciò…Volevo solo fare due piccoli appunti…Uno riguarda il forum..Inizialmente cercavo di usarlo spesso,ma non c’erano molte persone che vi partecipavano..o meglio secondo me è stato utilizzato più come bacheca per gli avvenimenti che come FORUM nel vero senso della parola…Magari quell’aspetto potrebbe migliorare…Io ogni tanto chiedevo le cose attraverso il forum, ma nessuno mi ripondeva…Oppure comunicavamo più tramite i blog e le mail..Invece sarebbe più comodo, istantaneo…Poi una piccola cosa per coloro che non avevano mai usato un comp.(perchè ci sono pure loro);sicuramente questo corso gli ha fatto bene perchè gli avrà messo la voglia di saperne di più…Magari inizialmente potrebbero aver avuto delle difficoltà proprio di base..Quindi forse qualche lezione di base fissa, di pari passo secondo me dovrebbe esser fatta…Magari su richiesta, chi si vergogna, chi vorrebbe chiederle di tutto tutto insieme ecc..è solo il mio parere poi…La esorto come molti hanno fatto a continuare con questo tipo di corso, e ad andare avanti sempre improntati su questa ideologia..Ancora scusa per il mi o ritardo…Giulia

  16. valentina ha detto:

    …Prima di tutto vorrei ringraziarla!si…vorrei proprio ringraziarla perchè con il suo estro nel presentare e affrontare questo esame mi ha insegnato a usare cose di cui non sapevo neanche l’esistenza!…dunque anche il mio giudizio su questo corso è certamente positivo.Vorrei tanto che altri corsi fossero impostati allo stesso modo…così sicuramente imparerei e mi interesserei di più alla materia in questione…anche se ammetto che fare determinati compitini da lei richiesti mi hanno fatto letteralmente impazzire e occupare un bel pò di tempo a volte…!!!! ;o) …beh!forse perchè sono un pò imbranata col computer e quando mi metto in testa che devo fare una cosa fino a quando non ci sono riuscita continuo a provarci… Per adesso concludo dicendo che non ho alcun consiglio da darle in merito a questo corso perchè mi sembra perfetto così!!! Sicuramente avrà successo anche con i prossimi studenti se continua con questo tipo di insegnamento anche perchè risulta molto simpatico…riesce a far imparare cose che con la sola teoria non si apprendono pienamente e sprona le persone a imparare con le proprie forze(almeno così è stato per me)!!! Comunque se mi verranno in mente cose carine anche nei prossimi mesi gliele farò sapere!
    La ringrazio ancora anche per la sua disponibilità e presenza. Valentina Cancellieri

  17. Ilary ha detto:

    Sono rimasta molto contenta di come si è svolto questo corso soprattutto per il fatto che le nozioni che via via si apprendevano venivano immediatamente applicate in modo pratico nell’utilizzo quotidiano di un computer. Infatti mi aspettavo il solito corso teorico dove era necessario impararsi 300 termini a memoria che sicuramente dopo qualche mese sarebbero andati perduti per sempre. Invece mi sono meravigliata del fatto che grazie a questo corso sono diventata indipendente dal punto di vista informatico!!! Benchè usassi linux da qualche tempo, solo perchè me lo avevano installato (quasi con la forza :D), non mi ero mai spinta a saperne di più sull’informatica confidando nel fatto che avrei sempre avuto qualcuno che lavorasse al posto mio !! Anche la costruzione di un blog per me era una materia sconosciuta e ritenuta ingenuamente inutile , invece mi ha sorpreso la sua potenza comunicativo/informativa e soprattutto l’essere uno strumento divertente! In quanto ai consigli le posso solamente dire di continuare così e spero che il suo esempio sia preso in considerazione anche da altre materie!!

    Ilary Scarpelli

  18. Pippina ha detto:

    Di questo corso mi è piaciuto lo scopo di non voler portare noi ragazzi a imparare a pappagallo qualche paragrafo sull’informatica, ma cercare di impratichirci in questo campo.
    Anche lo studente che dopo una settimana si sarebbe dimenticato il capitoletto del manuale, forse tra qualche anno ricorderà come mettere un tag o come impostare la ricezione di feed… cose da poco in confronto alla vastità del settore, ma credo che tutto prima o poi possa tornare utile!
    Magari m’è sembrato spesso d’avere a che fare con compagni virtuali… trovare nel proprio blog commenti di ragazzi che sembrano essere solo un nome in fondo ad un post.
    Sarebbe carino per il prossimo anno trovare un modo per instaurare una collaborazione più diretta, magari facendo svolgere agli studenti qualche esercitazione in aula computer, dove tutti possono essere d’aiuto a tutti “in tempo reale”.
    Invece di ricerche da pubblicare nel blog, qualche ragazzo più interessato all’approfondimento potrebbe esporre il suo elaborato ai compagni… insomma, sarebbe interessante riuscire a trasformare questo corso in una sorta di laboratorio di ricerca e di arricchimento!
    Scontato dire che se per ogni corso fosse seguito un metodo simile, dopo tre anni usciremmo con una formazione a 360°!!!
    Giulia Lombardi

  19. Anonymous ha detto:

    Che dire..il metodo utilizzato x l’ esame d ‘informatica è stato innovativo(dal mio punto di vista!!)…Aboliti gli appunti da studiare o da imparare a memoria!Ciò che ha caratterizzato questo percorso è stato il sapersi “orientare”.Infatti soprattutto nel mondo dell’ informatica, in continua evoluzione, è superfluo imparare nomi, formule eccc..(che possono mutare!),ciò che conta è aver appreso solo l utile ed indispensabile x saper gestire la situazione!Fare questo esame è stato quasi un divertimento,andare a vedere i blog degli altri, il forum, le news!!Ho imparato molto più di quello che mi sarei aspettata!Ho scoperto Pubmed ,di importanza fondamentale x i futuri medici,ed un sacco di altre cose di cui farò tesoro!C’è comunque da notare che, coloro che non hanno un pc a portata di mano, o non hanno l ADSL, sono molto svantaggiati,dato che l’ aula dei computers non è sempre accessibile.Apparte questa critica ,penso che questa tipologia d’esame abbia avuto successo tra gli studenti,che si sentono più liberi,autonomi e partecipi!Ogniuno può esprimersi a suo modo!Credo che questo metodo non sia applicabile a tutte le materie,però varrebbe la pena provare,visto i risultati raggiunti!!
    Veronica Adorni

  20. Mirmidone ha detto:

    Salve prof,come al solito in ritardo anche anche sul commento..ma son fatto così.Anche se ancora non mi ha dato il voto finale…e spero che presto lo faccia,il mio giudizio del corso è senz’altro positivo.Mi è piaciuto affrontare questo esame in questo modo perchè mi ha dato modo di sapere concetti e utilizzare metodi mai nemmeno sentiti nominare.Alla domanda sua di cosa avreste dovuto fare le rispondo che per me va il corso così organizzato va bene.All’ultima domanda le rispondo che a me non piacerebbe affrontare esami differenti in questo modo perchè la penso un pò all’antica.Cioè per informatica è giusto che si faccia un corso dove si interagisca con i vari strumenti del computer ma per le altre materie non credo sia diddatticamente utile.
    Guerra Marco Michele

  21. Stefania ha detto:

    eccomi! finalmente posso dire la mia!! a mio gidizio questo corso mi è piaciuto…le cose fatte con un pò di libertà sono le migliori…impari per il gusto di imparare di sapere di conoscere..e non per il solo scopo del voto..purtroppo però non è più cosi..è per questo che il corso mi è piaciuto anche se con internet per problemi personali e quindi..l’odiavo, ma pensandoci bene era una mia picca stupida. ora so più cose e sinceramente mi ha reso le cose un pò più semplici, certo non si finirà mai di imparare me per lo meno ho la voglia di sapere e di aggiornarmi. L’unica cosa che mi è dispiaciuto è stato non avere la connessione ad internet e quindi non ho potuto fare più di tanto avrei voluto comunicare di più..va bè dai pino piano.. si professore continui cosi le sue idee sono buone e il metodo è quello giusto e per questo la ringrazio. stefania

  22. elenina ha detto:

    PROFESSORE!!!!
    intenda questa scritta in maiuscolo come un grido di felicità mista ad un infantile soddisfazione!!!!mi sono appena unita a voi bloggatori!!!il mio commento è super positivo…così come sono rimasta super sorpresa alla prima lezione!!!wow,una lezione dove possiamo partecipare,dove tuti siamo protagonisti,dove tutti possiamo essere aiutati e perchè no,insegnare(visto che ho conosciuto ragazzi veramente in gamba con il computer in questo corso!!)ho letto le dispense..sinceramente pensavo di ripiegare sul compito a crocette data la mia ignoranza riguardo questo campo…ecco che il mostro dell’informatica si è ridimensionato,ho pensato,caspita allora esiste un modo per domarlo!!ed eccomi qui…dispiaciutissima del tempo che ho aspettato a farmi coraggio!!il commento è positivo…il suo metodo con me è stato veramente efficiente…!probabilmente se fossi stata obbligata il primo giorno a sedermi davanti ad un computer per imparare a memoria le cose non avrei compicciato un bel niente!!!parlo personalmente dicendo che il punto forza è stato il tempo,le molteplici change,le dispense chiare che le ci ha messo a disposizione!!!e la possibilità di interagire con lei e tra di noi!!!
    sono proprio contenta di questa occasione che ci ha dato!!!grazie mille prof…adesso anche io ho un mio blog…adesso sono molto meno disinteressata verso l’informatica..insomma probabilmente avevo proprio bisogno di questa scossa che lei ci ga dato per rendermi conto che il telefono ed il piccione viaggiatore non sono gli unici mezzi di comunucazione di questo mondo!!!
    YUPPPYYYYY!!!
    elena banci

  23. Andrea ha detto:

    ..buonasera professore, devo ringraziarla x avermi sronato e motivato ad avvicinarmi un po’ di più al computer, facendomi scoprire funzioni utili oltre le poche cose che sapevo fare in precedenza..è stimolante riscontrare un approccio diverso di un professore verso i suoi allievi, dando loro la possibilità di esprimersi anche creativamente. Ho trovato molto più utile assistere ad una spiegazione e sentirmi seguito nei mesi successivi, anche senza una presenza puramente fisica, che dover assistere (come può accadere x altre materie) a serie infinite di lezioni che, sia per motivi di tempo, sia per un’attenzione difficilmente continua, non raggiungono mai pienamente il loro scopo. In questo modo mi sono sentito spinto a ragionare ed a trarre soddisfazione dal mio lavoro (seppur un po’ misero). Un punto debole di questa metodologia può essersi presentato soprattutto per chi nn era solito usare il computer e si ritrovava ad immagazzinare molte informazioni che inizialmente potevano sembrare arabo, però queste sono le generazioni del bit, come diceva un famoso letterato italiano, ed è bene che ce ne rendiamo conto. La ringrazio..se le va sarei contento di interagire con lei..

  24. Anonymous ha detto:

    questo corso di informatica è un corso che dà una grandissima possibilità: riuscire a lavorare da soli a casa avendo, alla fine, un risultato in mano senza stare dietro a delle burocrazie a volte assurde e così facendo riuscire a usare il computer in maniera corretta sapendo quello che si sta facendo…ho detto questo anche pur non avendo fatto quello che lei ci aveva dato la possibilità di fare. Non l’ho fatto per puri problemi di tempo…Qui si può davvero imparare ad usare il computer usandolo e non studiando solo la teoria!!!

  25. Anonymous ha detto:

    Buonasera professore, sono molto stupida del fatto di essere qui a scriverle un commento sulla struttura del corso….ero venuta pronta per fare il temuto test a crocette, sicuramente un metodo di valutazione stupido, ma per chi come me teme in qualche modo il computer, sicuramente molto più facile.
    Trovo che l’idea di fare un corso, mi passi il termine “interattivo”, è sicuramente un ottima idea, perchè mettersi alla prova e creare materialmente qualcosa ti consente di imparare e ricordare ciò che apprendi in percentuale maggiore, rispetto al semplice studio su dei libri.
    Tuttavia ho riscontrato delle difficoltà per il fatto di non possedere un personal computer: so che potevo venire nel laboratorio d’informatica o andare in un qualsiasi computer dell’ateneo ( che però non potevo utilizzare in quanto non ho la matricola), ma mi creda un conto è avere un computer a tua disposizione a casa e accenderlo quando vuoi, mattina, sera , notte, struccata, svestita, in pantofole, con la febbre, ecc…, e un conto è dover andare appositamente in qualche luogo a fare qualcosa, cercando di incastrarlo fra gli orari delle lezioni e lo studio per gli esami (e anche ad un briciolo di tempo per lo svago).
    Quindi per concludere, sono pienamente d’accordo e favorevole a questo metodo di insegnamento e vorrei che anche altri professori mi dessero questa opportunità, tuttavia, secondo me, risulte essere un pò penalizzante per gli studenti fuoiri sede o per tutti gli studenti che non posseggono un computer.
    Un ultima cosa: complimenti per come sono fatte le dispense: non mi sono annoiata a leggerle anzi le ho trovate molto divertenti.
    Grazie per avermi dato l’opportunità di esprimermi.
    Veronica Matteini

  26. Anonymous ha detto:

    sono rimasta soddisfatta del modo in cui è stato svolto il corso soprattutto perchè reputo inutile e controproducente la frequenza obbligatoria…..credo che in qualche maniera si debba riuscire ad appassionarsi alle materie che si studiano e non si debba obbligare gli studenti a seguire lezioni molto spesso anche inutili…forse è uno dei pochi corsi che anche fra un pò mi ricorderò o almeno ….grazie anche ad un amico molto paziente che mi ha aiutato……il computer non è più un mondo a me sconosciuto e cercherò nel futuro di migliorare le mie conoscenze….anzi quasi quasi mi diverto ora a spippolare e a cercare delle soluzioni ai problemi del mio pc

  27. Cecilia ha detto:

    Premetto che io e il mio computer fino a poco tempo fa eravamo acerrimi nemici..ma poi la tesina per la maturità e il fatto che adesso vivere senza comporta l’esclusione dal mondo mi hanno convinta a farci amicizia..Informatica è stata la prima materia e il primo esame svolto all’università..non posso non nascondere l’ emozione..l’ idea di studiarmi tutti quei nomi da sola mi ha un pò spaventato inizialmente ma poi ho maturato l’ idea che se davvero avessi dovuto seguire lezioni sarebbe stato un pò noioso, lungo e complesso!
    Mi sarebbe però piaciuto fare una lezione per osservare l’interno di un computer per vedere dove sono localizzate tutte le parti studiate.. mi è dispiaciuto non poter fare il blog ma la mancanza di copertura adsl e di tempo per seguirlo mi hanno costretto a studiare sulle dispense..buon lavoro a tutti!!! cecia

  28. Giada ha detto:

    Questo corso è stato per me un’occasione per avvicinarmi al mondo dei computer, per capirne finalmente il funzionamento, i punti deboli ma soprattutto i lati positivi…Io facevo parte di quella piccola percentuale dei ragazzi che guardano il computer con aria sospettosa e preferiscono passare davanti a questo il tempo minore possibile..Ne avevo un po’ “paura”, lo ammetto;soprattutto perché non sapevo mai cosa aspettarmi..appena una finestra che non avevo mai visto si apriva (devo essere sincera), mi metteva un po’ in agitazione…Ciò che ha fatto questo corso per me è stato darmi la consapevolezza delle mie azioni; prima facevo tutte le operazioni (poche) meccanicamente senza chiedermi perchè. Anche adesso non me lo chiedo ma il motivo è diverso…adesso SO cosa sto facendo…So perché il mio pc è rallentato, so cosa sono gli spyware di cui sentivo tanto parlare; so usare il nome adeguato dei vari componenti, così da non fare una figuraccia con il tecnico che magari un giorno mi accomoderà il pc e vorrà avere qualche informazione (spero però di non averne bisogno!)…
    In più la modalità di esecuzione dell’esame ti permette di avere una sicurezza maggiore e,comunque,di apprendere ugualmente quelle nozioni di cui, sicuramente, un giorno avrai bisogno!

  29. agata ha detto:

    Mi è piaciuta molto la struttura di questo corso. Penso soprattutto che sia molto comodo poter trovare tutte le informazioni necessarie su una piattaforma, e che tutti i concetti siano esposti in modo molto trasparente. Ho sempre usato spesso il computer, sia per lavoro che a casa, però adesso, dopo aver studiato, sento che le mie informazioni siano più complete, e ho imparato anche moltissime cose nuove. Non ho fatto il blog perchè sono troppo introversa, però immagino che per le persone che non hanno questo problema possa essere un bel modo di comunicare e di divertirsi.
    Tutto sommato il mio giudizio su questo corso è molto positivo.

  30. Azzurra ha detto:

    non ho mai avuto un buon feeling con il computer nonostante non lo conoscessi nemmeno tanto bene,anzi…ma devo ammettere che adesso ne so qualcosa di più e per questo lo rispetto anche di più.capire il funzionamento del computer,o almeno avvicinarmi a capirlo,mi ha fatto capire e sopportare quei momenti in cui sembra che il computer ce l’abbia con te.ho capito che in realtà lui non lo fa solo per mandarti su tutte le furie,ma perché c’è qualcosa che non va e così lui non può continuare a lavorare…proprio come succede ogni tanto anche a noi!lo vedo da un punto di vista più umano,insomma.
    non pensavo che studiare dispense di informatica mi potesse risultare relativamente facile o addirittura divertente,ma in questo Lei,professore,è stato molto bravo perché le dispense sono chiare e le Sue aggiunte tra parentesi oggettivamente divertenti.l’unica critica che posso muovere a questo corso è quella relativa al fatto che nella prima e ultima lezione frontale che Lei ha fatto,aveva giustamente chiarito che di fronte a Lei potevano trovarsi persone che sul computer potevano sapere più di Lei,una via di mezzo o a mala pena come accenderlo.io mi sono sentita sollevata perché,inserendomi nella fascia di coloro che ne sanno poco o nulla,ho pensato che ci avrebbe seguiti un po’ di più non rispetto agli altri,ma in generale.invece poi è stato diverso in quanto tutto il resto del corso si è svolto sul computer e mi sono chiesta:”e quelli che non sapevano manco accenderlo o ne sapevano poco,come avranno fatto?”io mi sono fatta aiutare da amici ecc…anche solo per trovare le dispense…questa mi è sembrata un po’ una contraddizione con il fatto che Lei sapesse realmente che non tutti conoscono il computer.Le consiglierei di non fare una sola lezione frontale,ma un po’ di più anche solo per coloro che ne sanno di meno.ma so anche bene che Lei si è reso molto disponibile per noi studenti e che saremmo potuti venir da Lei a chiedere informazioni ecc…
    insomma,ho avuto delle difficoltà a organizzarmi il lavoro tutto da sola date le mie scarse conoscenze di informatica,ma sapevo che di fronte a me c’era una persona intelligente e disponibile e questo a facilitato le cose.
    linda

  31. Giovanni ha detto:

    Salve profeeeeeeee,volevo dirle che questo metodo di apprendimento è veramente una figata sarebbe bello vederlo utilizzato per altre materie perchè almeno io mi sono divertito nello spippolare il computer è ho appreso tante cosette utili che prima non conoscevo.
    Spero di vedere presto un altra lezione del genere applicata che ne so a chimica visto che è difficile è almeno io ci capisco poco.
    Son belle le cose originali

  32. kiara ha detto:

    ….sicuramente si è trattato di un corso nuovo e originale, che mi ha permesso davvero di
    esercitarmi in esperienze informatiche nuove, al contrario dei corsi che riguardano questa materia, solitamente limitati a lezioni noiosissime.
    Io personalmente ho sfruttato l’idea di ampliare il materiale didattico disponibile su wiki, e credo che in particolar modo questa esperienza sia contemporaneamente divertente e utile.
    Non ho vere e proprie critiche da esporre, se all’inizio ero un po’ disorientata vedendo forum e bacheche in poco tempo sono entrata nel meccanismo e tutto mi è risultato comprensibile.
    A mio parere il corso così strutturato è perfetto per una materia “plasmabile” come l’informatica,è però per questo motivo che sono un po’ titubante nel credere che sia possibile applicare questa stessa modalità di corso anche nei confronti di altre materie.
    Il mio parere è senz’altro positivo!!!!

  33. Calvanelli Gianni ha detto:

    Il corso inizialmente mi ha stupito propio per il modo inconsueto con cui si propone allo studente.La piena libertà di organizzazione sia per quanto riguarda i corsi sia per quanto riguarda lo studio dovrebbero essera caratteristiche fondamentali di tutti i corsi universitari. Anche il modo alternativo di guadagnare punti mi è sembrata ottima anche se personalmente i blog non mi hanno mai affascinato.Se dovessi essere io a dare un voto al professore darei un 29 (speriamo che a me vada altrettanto bene…)

  34. silvia borrini ha detto:

    Premetto che non sono afatto un’amante del computer e dover trascorrere del tempo davanti ad esso mi costa alquanto fatica!
    Per questo motivo il corso così come è stato impostato mi è stato sicuramente di aiuto,come penso per tutti…non obbliga a lezioni forzate e al tempo stesso permette di scegliere la modalità preferita.Coloro che amano questa materia hanno spazio per sbizzarrirsi,chi non è molto esperto come me può tentare di imparare qualcosa in più o comunque impara anche solo leggendo le dispense e fa luce su qualcosa che prima era buio più completo!L’unica critica sono forse i tempi perchè chi non ha mai fatto un blog e tutto il resto ha bisogno di più trempo e non è facile con tutto quello che c’è da studiare.
    Silvia Borrini

  35. aribra88 ha detto:

    A mio parere il corso così strutturato è molto interessante e stimolante…Sicuramente esula dalla passività di leggere letterine e letterine su fogli. Tuttavia devo ammettere che non ho seguito a pieno le Sue istruzioni pur avendone voglia e le devo confessare il motivo… Stando lontano il tempo si riduce molto per poter stare al Pc, comunque qualcosa ho fatto. La cosa che in assoluto mi è piaciuta di più -in assolto davvero- è stata l’idea del blog: poter gestire uno spazio in rete tutto mio è fantastico!! L’unica cosa che le rimprovererei è un post del suo blog in cui in sostanza diceva che non possiamo scrivere sul blog determinate cose…Ma se lo spazio è mio, riterrei giusto poterci scrivere davvero quello che mi passa per la testa. Per quanto riguarda la parte scritta, i capitoli del corso insomma, ho riscontrato due cose molto positive: 1-chiarezza dell’esposizione 2-capacità di sempliicare concetti che credo non siano affatto facili… La parte che mi è piaciuta di più è stata quella del calcolo distribuito: l’idea di poter “donare” la capacità di calcolo del proprio pc per scopi giusti, tipo la ricerca scientifica, penso sia fantastico! Le consiglierei di sviluppare di più la parte informatica prettamente attinente all’area sanitaria, tipo come si usa il pc in un ospedale o cose varie; l’altra cosa che le consiglio è quella di rivedere gli errori di ortografia, leggendo ne ho visti parecchini qua e là…
    COMPLESSIVAMENTE VALUTO LE SUE SCELTE POSITIVE NELL’ORGANIZZAZIONE DEL CORSO…

  36. curzio ha detto:

    nonostante io odi i computer(forse perchè non ne ho mai avuto uno)mi sembra molto interessante il modo in cui è strutturato questo corso…purtroppo in corsi come questi,studenti come me che non hanno un computer a casa sono un po’ penalizzati,ma ritengo che questo sistema di insegnamento e di studio debba essere usato anche in altri corsi al posto delle solite noiose e talvolta “inutili”lezioni…..curzio

  37. MARTY ha detto:

    Non ho potuto frequentare molto la piattaforma però il mio commento è positivo perchè questo sistema didattico permette veramente di gestirsi autonomamente il lavoro non come le altre materie che opprimino come al liceo(dalle 14 alle 18 tutti i giorni) posso solo sperare che in futuro il servizio migliori anche per ghi come me è non può avere il computer sotto le dita ma torna a casa solo il sabato e la domenica… Grazie e speriamo bene

  38. PadreLivio61mito ha detto:

    Salve Prof!

    Si,mi e’proprio garbato il modo in cui ha strutturato il corso di Informatica!
    Mi stò accorgendo di aver imparato, ma forse è meglio dire di aver acquisito e fatto mie, nella pratica, un sacco di cose che assolutamente ignoravo( ed avrei ignorato…se soltanto il corso fosse stato sulla falsariga di tanti altri..).

    Tengo a precisare che per me non era, sulla carta, nè un percorso facile nè in discesa,perchè non avevo molte basi ed anche per la difficoltà di avere un computer(funzionante.. e collegato); però è stato veramente tutto così stimolante che sono riuscito ad aver ragione delle mie problematiche in un modo del tutto insperato(.. e sono anche molto contento dei risultati che sono arrivati: è ovvio!).

    L’hanno già detto in tanti ed io lo ribadisco:sarebbe fantastico se altri esami fossero RI-PENSATI in un modo similare…

    Chissà se il nostro entusiasmo nei suoi confronti non riesca a “contagiare” qualche altro Docente;ce lo auguriamo tutti!

    Ndr.Il periodo dell’anno d’altronde è quello buono..sia per gli Auguri che per i …contagi: speriamo bene!!!

    Ancora un Grazie per quanto ci ha saputo trasmettere.
    Gabriele Scantamburlo

  39. Simone ha detto:

    Prof avrò imparato anche ad usare il computer ma rimango sempre il solito scemo :-)… o meglio la solita volpe del deserto 😀 😀 😀 😀 :-D!!!!!! Ho cancellato e quindi anche ricreato per 3 VOLTE dei commenti analoghi perchè non li riuscivo a vedere… il fatto era, semplicemnte, che guardavo all’inizio dei commenti e non alla fine… mamma mia che scemo!!! 🙂
    vabè via.. diciamo che è colpa della stanchezza e colpa dell’esame di istologia che oggi ci ha finito tutte le energie.. un saluto!!!

  40. Simone ha detto:

    prof a forza di commenti positivi credo che le verrà la nausea… :-)… Per incrementare il suo senso di nausea ci aggiungo anche il mio… Sicuramente voglio esprimere un giudizio positivo per questo corso.. Soprattutto perchè, forse è la prima volta da quando vado a scuola, che imparo molto facendo pratica!!! e non stando ore a studiare cose noiose senza poterle mai applicare!!! Grazie a questo corso ho imparato moltissime cose e potenzialità sconosciute 🙂 nel mio computer!!! e poi devo ammettere che mi sono divertito moltissimo a creare il blog, e adesso quando accendo il pc non posso fare a meno di passare a vedere se qualcuno mi ha lasciato un commento!!! Quindi prof, per concludere, continui su questa strada!!! perchè una volta tanto, per fare bene questo corso, bisogna mettersi in gioco davvero!!! un saluto
    Simone Pratesi

  41. Triky ha detto:

    Sono abbastanza contenta del lavoro che il prof ci ha fatto fare in questo corso…
    Avevo già partecipato a comuntià virtuali tipo forum, blog e simili, ma la possibilità di articolare un corso di informatica con questioni pratiche di questo genere mi è sembrato strano ma stimolante! Per molte persone che vedono il computer come una bestia nera è sicuramente un buon metodo per “addomesticarlo” o almeno far vedere che non è niente di impossibile! Quindi direi di continuare così e soprattutto applicare il “metodo pratico” a molte più materie, ovviamente dove possibile. Penso che fare una cosa con le proprie mani fissa molto più un concetto che semplicemente leggerlo e impararlo a memoria! Serena Loiero

  42. cate ha detto:

    salve profe…
    sono molto contenta di aver fatto in questo modo il corso di informatica. Non ho dovuto seguire delle barbosissime lezioni nelle quali se capivo un terzo delle cose dopo dieci minuti me ne dimenticavo subito, com’è successo con l’ecdl! In questo modo ho imparato molte nuove cose sul mondo di internet e soprattutto ho iniziato a muovermi meglio con il mio computer…è veramente un modo originale di insegnare forse più efficace delle lezioni frontali!
    Sarebbe bello che questo metodo potesse essere applicato ad altre materie anche se è molto più difficile poterlo fare.
    spero che tutto ciò che abbiamo creato insieme possa servire anche ai prossimi studenti che parteciperanno a questo corso…!
    Arrivederci…
    Caterina Sarte

  43. marielys ha detto:

    Salve Prof!
    Come le avevo detto lo scorso lunedì quando sono venuta da lei questo corso per me è stato molto utile ed efficace,ho imparato moltissimo tecnicamente,ma sono anche cresciuta un po’… la ringrazio per l’ennesima volta, ^___^
    Lo scorso anno ho seguito Informatica a Biotecnologie,ma avrei dovuto imparare una quantità incredibile di nozioni inutili( mi sono anche impegnata,ma proprio alcune cose non ce l’ho fatta a capirle,mentre altre erano di una banalità allucinante >__< ) e avrei dovuto perfino applicare Excel manualmente,come qualcuno aveva fatto in altre facoltà.Tutto ciò senza toccare un computer,ma facendo un compito a crocette.Io mi chiedo come facciano a venire in mente delle cose del genere ai docenti >___<
    Con questo metodo invece ho potuto fare,creare delle cose che sicuramente mi serviranno, che potranno velocizzarmi e facilitarmi il lavoro,senza stare a perdere tempo su cose poco rilevanti.Ecco,mi è piaciuto tantissimo il fatto che ci siamo messi in gioco in prima persona e,come succede raramente, abbiamo potuto imparare qualcosa di veramente formativo perchè pian piano,seguendo delle istruzioni,ci siamo arrivati NOI e il professore ha fatto da referente,da consulente,da aiutante non da “colui che possiede la scienza” e chi s’è visto s’è visto. Anche noi abbiamo potuto contriubuire con le nostre conoscenze,talvolta piccole, talvolta approfondite,ed è stato bello vedere che si è creato dialogo,interazione,contaminazione di sapere,sia tra il docente e gli allievi che tra di noi ragazzi.
    Cosa non mi è piaciuto? Tutto quello che ci ha detto di fare per me è stato uno spasso – anche se ho perso un sacco di ore davanti al computer perchè ho una connessione pessima e internet explorer è un pacco (Installate tutti Mozilla!!!!son due giorni che ce l’ho e mi sento rinascere!!) – mi sono divertita e nel frattempo ho imparato. Una cosa,però…avendo già fatto quel corso l’anno scorso (anche se non è servito a nulla,lo ripeto) mi incuriosiva imparare a utilizzare Excel,appunto, o qualche altro programma un po’ più tecnico e noioso rispetto a tutte quelle cosine ganze che abbiamo fatto su internet,giusto perchè un giorno potrebbe servirmi per organizzare il mio lavoro, i dati che avrò a disposizione ecc…
    Altra cosa…Prof,lei è sempre stato molto disponibile e presente nell’aula di informatica…però a volte,almeno per me,è stato difficilissimo riuscire a contattarla,poter parlare con lei perchè quei giorni in cui lei era al Cubo molto spesso io avevo lezione per 8 ore di fila…ecco,io,personalmente, tengo sempre molto alla comunicazione diretta e non mediata da aggeggi elettronici,quindi magari qualche lezione (un paio,non di più) di persona mi avrebbero fatto piacere…giusto per potersi guardare a quattro occhi e poter parlare di persona di eventuali problemi tutti insieme ed evitare anche che sul forum facessimo spesso le stesse domande ^___^
    Beh,questo metodo,con qualche lezione frontale in più di “discussione”( un forum fatto di persona!), sarebbe molto buono anche per altre materie…ma pensando a quali potrebbero adattarvisi,almeno fra quelle che studio io…me ne vengono in mente poche…e se un docente non è all’altezza di saper gestire bene compiti,discussioni e quant’altro a parere mio potrebbe essere un po’rischioso…perchè per fare una cosa del genere bisogna avere preparazione approfondita e tanta dimestichezza col computer,nonchè delle ottime competenze…e lei Prof ha dimostrato di averle perchè ha fatto un gran bel lavoro…le faccio i miei complimenti!E mi auguro che tanti altri possano seguire il suo esempio,anche in altre facoltà,perchè sarebbe davvero il caso ^___^

    Maria Elisa Alessi

  44. Andrea ha detto:

    Devo dire che sono rimasto contento di come si è svolto questo corso, davvero originale. Sicuramente la creazione del blog mi ha affascinato tantissimo in quanto è stata utile per conoscere tante e nuove persone, che come me frequentano i corsi di laurea delle professioni sanitarie. Tutto questo mi ha permesso di affrontare dibattiti ed esprimere i miei pensieri ai miei colleghi che all’università un po’ per i tempi ristretti e dall’altro lato anche per l’imbarazzo, non sono e forse non sarei riuscito a manifestare. Un’altra cosa positiva che mi ha particolarmente colpito è il fatto che si è instaurato un rapporto diverso tra studente e professore, perchè in tal modo diventa fondamentale il DIALOGO, il saper interagire in una situazione diversa. Quindi l’alunno si sente più al suo agio e soprattutto gratificato potendo essere di aiuto alle altre persone, fornendo consigli o informazioni utili. In definitiva trovo davvero completa la struttura di questo corso ed è questo il motivo per cui non riesco a trovare suggerimenti validi, anzi vorrei complimentarmi con lei per l’inventiva e ringraziarla soprattutto per la disponibilità nei nostri confronti.
    Cordiali saluti Andrea Tremmaglia

  45. ILA ha detto:

    beh….come esperienza nn è stata niente male!!!Sono sincera,avrei potuto fare molto meglio per il mio blog però sono molto contenta lo stesso!!Il computer mi piace moltissimo e questo corso mi ha insegnato molte cose in più di ciò che già sapevo,per questo ringrazio molto il professore soprattutto per la sua disponibilità nella risposta alle mille e-mail che le ho mandate!!!
    Sinceramnete non ho molti consigli per poter migliorare il corso, per me è già molto utile così..se fosserò così tutti i corsi sarebbe una pacchia seguirli!!
    Grazie ancora prof….
    ILARIA ANDREOTTI

  46. olly ha detto:

    La prima cosa che ho pensato, quando ci ha detto quali erano i suoi progetti, le sue intenzioni per questo corso, è stata che poteva essere una grande facilitazione fare qualche compitino sul computer invece di imparare tutto quel malloppo di informazioni a memoria… Beh, sicuramente non ho passato un mese su un libro ad imparare a pappagallo, ma non è stato neppure così semplice come mi immaginavo. Infatti, in questo modo, abbiamo dovuto realmente dimostrare di essere riusciti ad imparare qualcosa, di aver capito, e non solo fatto finta di capire, ripetendo una filastrocca di nomi di cui, in realtà, ignoriamo completamente il significato.
    Prima di mettere i piedi in quell’aula, pensavo che questo sarebbe stato uno dei tanti corsi di informatica in cui devi solo imparare a mente un sacco di termini, all’esame ti porti papiri di biglietti, anche solo per ricordare come si scrivono quei nomi che hai imparato, e dopo l’esame non ti rimane niente, se non tanta voglia di bruciare qualsiasi mezzo elettronico che incontri sulla via… 🙂 Invece, adesso, io ho creato un blog, sono riuscita ad aggiungere un feed, ho condiviso i miei pensieri, ho letto quelli degli altri, ho scherzato, ho fatto amicizia, mi sono divertita e appassionata.
    E anche se non conosco ogni singolo componente del computer, adesso arrivo a casa e lo accendo curiosa di vedere che novità ci sono in questo nuovo mondo al quale mi sono appena affacciata. Ci sono tante cose che devo ancora imparare…ma, adesso, ho voglia di impararle. E penso che questa sia la cosa più importante quando si insegna , ossia creare interesse verso la materia che si insegna, appassionare, perchè così, oltre a dare il mezzo invece che la nozione, si dà la voglia di sapere qualcosa in più e certe volte questa supera il contenuto di un semplice libro…
    ……Insomma prof, trovo che sia stava un ottima idea improntare un corso in questo modo e le posso solo dire di..continuare così!!! 😉
    niccolini olivia

  47. Anna ha detto:

    Dulcis in fundo anche il commento……..direi che con questo ci ha messi sotto torchio abbastanza prof!beh,devo confessare che all’inizio ero molto scettica sul Formiconi’s method……..non mi andava di creare un blog in cui “spiattelare la mia vita,ma soprattutto essendo una tradizionalista DOC e non essendo eccellente nel campo dell’informatica,avevo un po’ di timore.Poi,una volta essermi convinta a fare il blog(spinta e non lo nego,dalla necessità e dalla convenienza di poter evitare lo studio di pagine e pagine incomprensibili su bit,giga,dos e quant’altro……),mi sono dovuta ricredere,ma non solo mi sono anche aapassionata e sentita orgogliosa di essere riuscita a creare qualcosa di mio(lontano dalle mie aspettative)e di aver imparato tante cose utili e pratiche sull’utilizzo del computer.Dunque,il mio giudizio è complessivamente “OK”,anche se,prof,penso che a volte avrebbe potuto essere più chiaro nel darci gli “ingredienti” necessari per lo svolgimento dei compitini………ma forse questo mio dire è dettato dal fatto di non avere avuto una solida base informatica alle spalle.Comunque il Formiconi’s method ha funzionato,in quanto è riuscito a rendermi “ATTIVA”,cosa che di solito non viene promossa dai prof,i quali tendono sempre più a far fagocitare alla nostra mente,miriadi di nozioni che dall’esame a breve saranno di certo trasferite nel “dimenticatoio”,con il risultato che sempre di più escono dalle università cervelloni,che all’atto pratico si perdono in un bicchiere d’acqua.Ora non mi resta che ringraziarla prof e sperare di avercela fatta e di poter raccogliere buoni frutti dall’innovativo ed efficace Formiconi’s method.

  48. Tommaso ha detto:

    Salve Prof.. devo dire che inizialmente ero un pò scettico sul fatto di dover seguire un corso on-line, forse ciò era dovuto al fatto che io con il computer e specialmente con i blog non ho o almeno non avevo molta dimestichezza; però devo ammettere che il corso si è rivelato essere interessante, utile ed anche comodo. L’anno scorso avevo sostenuto l’ esame di informatica a farmacia e l’ avevo superato senza problemi e senza imparare niente di nuovo; quest’ anno invece mi sono reso conto che di computer ci capivo ben poco e credo di essere riuscito a fare qualche progresso. Un ringraziamento speciale, oltre che a lei, lo devo alla Samy che specialmente all’ inizio mi ha dato un grosso aiuto nel creare il blog. Sinceramente credo che lei, con questo modo di insegnare, sia sulla buona strada e sarebbe bello che anche altri corsi, anche se magari non è una cosa facile, venissero impostati in questo modo. Arrivederci…
    Tommaso Gozzini

  49. Samanta ha detto:

    eccomi…sono già la numero 37…WOW…tutti profe hanno voglia di dirle quanto è stato GANZO e INTERESSANTE questo corso.
    …e allora dico anche io…
    E BRAVO PROFESSORE!!!…giudizio davvero positivo!!!…a dire il vero, all’inizio ero rimasta un po’ sconvolta dall’inusuale svolgimento del corso…ma molto sollevata dal fatto che non avremmo studiato un gran mucchio di pagine per fare dei quiz…ma avremmo IMPARATO FACENDO!ci saremmo sporcati le mani…e questo mi è piaciuto un sacco!!!!all’inizio non sapevo molte cose , e in realtà non ne so ancora tante..ma sono sicura che dopo questi risultati ottenuti, tutto ciò che noi stessi abbiamo creato attraverso il blog e i compitini non andrà nel dimenticatoio, ma continuerà ad aumentare e a crescere e a dare la possibilità a tutti (comprese le imbranate come me)di non smettere di imparare…
    Sono d’accordo però anche con le mie colleghe Chiara e Diletta, che sarebbe servito sicuramente anche imparare qualcosa su come usare altri programmi ….ma sono convinta che qualcosa verrà fuori dal “MANUALE DEGLI STUDENTI”…nel giro di poco…
    Per quanto riguarda le critiche, non saprei, vediamo….sicuramente più disponibilità dell’aula di info perchè per qualsiasi problema, computer rotto (ME), non disponibilità di pc etc…almeno nei ritagli di tempo tra una lezione e l’altra si incastra tutto!!!!!!
    Per il resto veramente niente…poi magari chissà nel futuro chi non seguira questo metodo, verrà giudicato il “pazzo”….ah ah ah …
    ….ah e comunque grazie per aver abbatuto la barriera professore alunno…si lavora molto meglio…:->!!!!e mi sembra anche più umano e giusto…
    …professore continui così…
    a molto presto…

    Samanta Mini

  50. Andrea ha detto:

    Oh via…Non ho potuto scrivere questo commento per via del famoso esame di Patologia…
    Le avevo già espresso il mio giudizio sul corso quando era venuto per la lezione a Empoli ma guardiamo di fare le cose precise. Dividiamo il discorso in due parti, lati positi e negativi del corso. Iniziando da questi ultimi, diciamo che il corso come altri anno detto pecca che non tutti dispongano di un computer, connessione ad internet da potersi godere il corso come magari possano fare altri. Poi inzialmente visto i risultati non avrei mai parlato di punteggi, parziali o totali..Come è risultato alla fine ci sono stati tanti a rincorrere i puntini per avere il voto più alto..
    Passando a quelli positivi…Beh sono contento e soddisfatto di questo corso…Amo imparare le cose con la prassi, piuttosto che con la teoria…Il tirocinio di radiologia è uno dei momenti più belli dell’anno accademico e questo corso ha portato lo stesso entusiasmo dato dal cimentarsi a fare le cose, nel buttarsi…
    Ho imparato qualcosa, so di sapere qualcosa in più sui computer e più in generale nel modo di pensare lo studio…è una bella sensazione…So che quando sarò a studiare uno di quei libri da 300 pagine a gennaio rinpiangerò corsi del genere…I miei più sinceri complimenti…sta costruendo un bellissimo lavoro…Andrea(Fabio)

  51. dile ha detto:

    sinceramente, scorrendo i vari commenti, anche io sono d’accordo con chiara!
    da una parte questo corso mi ha insegnato un sacco di cose che non mi sarebbero mai venute in mente da sola..a partire anche solo dal “semplice” blog.
    dall’altra parte per le nozioni fondamentali sono rimasta alle mie poche conoscenze e non ho acquisito più dimestichezza con il computer per i programmi di windows!
    sono davvero d’accordo con l’idea che per il prossimo anno potrebbe fare entrambe le cose, sia insegnare per le basi che tutti questi lavori, perchè una persona con poca esperienza riuscirebbe davvero ad avere più “confidenza” con il proprio computer!
    con questo la saluto pregandola di non cambiare mai il rapporto che ha con i ragazzi!
    cordiali saluti
    Diletta Caporaletti

  52. chiara ha detto:

    bè…mi sento un pò fuori dal gruppo scrivendo il seguente commento…però non me la sento di farne solo di positivi anche se molti mi infamerannò io vorrei dire ciò che penso…
    quando ho scoperto che il mio indirizzo di laurea aveva anche un esame di informatica ne sono stata felice perchè cosi avrei avuto l’opportunità di imparare tante cose,dato ke io e i pc non andiamo molto d’accordo…ma quando c’ha spiegato come era strutturato il corso ne sono rimasta molto delusa perchè ho capito che non avrei imparato niente…
    adesso il corso è praticamente finito ed ammetto che le mie conoscenze su internet sono cresciute abbondantemente infatti ci ha insegnato molte cose utili per tutte i giorni. ma il pc non è fatto solo di internet e sugli altri programmi io ho le stesse conoscenze di quando sono partita. questo non mi è piaciuto,perchè come ho letto negli altri post,informatica non è imparare nozioni a memoria su come è fatto un pc ma come si usano i tanti programmi,e questo corso secondo me era perfetto per chi queste cose le sapeva già fare non per una come me che non sa fare niente!!!
    le consiglio,se posso,di continuare cosi questa parte del corso perchè è molto interessante e divertente e magari dare una seria di lezioni specifiche a chi non sa niente del resto…mi dispiace che questa idea non mi sia venuta prima perchè cosi potevamo organizzarlo già da quest’anno un gruppo cosi,magari se vuole può farlo per il prossimo anno se l’idea le piace…
    so che questa mia critica verrà capita da lei come una critica positiva e non come un affronto perchè lei è una persona che con i giovani ci sa proprio fare e parlare ,ha creato un bel rapporto con i suoi studenti,cosa difficile con un professore normale…l’ho molto apprezzata per questo suo lato umano.
    a presto Chiara Messeri

  53. ruspina ha detto:

    Il corso così strutturato mi ha divertita: sicuramente mi sono dilettata nel’abbellire il mio blog, nel lasciare commenti su quelli di altri e di curiosare in qua e là nei numerosi post, sia di quelli delle mie nuove compagne di corso, sia di tutti i ragazzi che appartengono alla facoltà di medicina…sarebbe stata una tragedia per me imparare tutto “a pappagallo”, senza capire o capire poco argomenti informatici che a parer mio possono interessare solo davvero gli appassionati!! Questo metodo pratico di lavorare al pc è sicuramente più costruttivo, rispetto allo stare ad imparare definizioni a memoria… anche perchè se poi uno non sa applicare la teoria alla pratica, serve a ben poco!! Così invece è risultato un lavoro meno faticoso, più divertente e più comprensibile. Non ho notato particolari difetti durante il corso, anzi Lei mi è sembrato sempre più che disponibile (non è per fare la lecca-piedi come in tanti possono pensare)e questo è importante per gli studenti, che spesso non sopportano i professori perchè non si fanno mai trovare e non sono mai sufficientemente chiari nell’esporre i chiarimenti. Sono proprio contenta che almeno lei ci abbia considerato a modo.
    Sono sicura che i futuri studenti dei prossimi anni non si risparmieranno commenti positivi come il mio!!! Soprattutto grazie.

    Sara

  54. erika ha detto:

    Sono veramente molto contenta di questo corso prof..mi ha aperto un mondo nuovo, un mondo che fino ad ora era sconosciuto, IL MONDO DEL COMPUTER!!!
    E’ stato fantastico…secondo me prof. dovrebbe continuare così, perchè questo è assolutamente il modo migliore per imparare,ma soprattutto per appassionare le persone al computer.E’ vero, all’ inizio è stata un po’ dura, soprattutto per una come me che non aveva neanche preso mai in mano il mouse…pensare che quando ci diceva di costruirci un blog, il feed RSS, ecc. per me era come se parlasse arabo..invece alla fine questa sua iniziativa mi ha permesso di entrare nel ” meccanismo ” del computer, e di conoscere cose che fino ad ora ignoravo l’ esistenza. Comunque la cosa che mi è piaciuta piu’ di tutti è stata la creazione del blog, perchè è un modo per esprimere le mie sensazioni, le mie aspirazioni, insomma un vero e proprio diario a tutti gli effetti..non solo, è anche un mezzo per fare nuove amicizie.Che dire a questo punto prof,solo GRAZIE.E’ una forza..continui così.
    Erika Moretti.

  55. Sara ha detto:

    Salve prof…cosa posso dire di questo corso se non altro che è stata una cosa veramente originale e sicuramente costruttiva.
    Sono contenta che qualcuno ci abbia dato la possibilità di fare qualcosa di diverso rispetto alle solite “lezioni frontali” durante le quali spesso ci troviamo a “scaldare la famosa sedia”.
    Inoltre questo corso mi è stato fondamentale per imparare a fare delle cose che non avrei mai immaginato di poter fare: studiando su un libro mi ci sarebbero voluti anni luce per imparare a fare un blog o addirittura a usare i feed rss, ma con questo metodo a dir poco geniale è stato tutto più facile e sicuramente più divertente rispetto al doversi mettere a sfogliare pagine e pagine di un libro di informatica.
    C’è da dire anche un ‘altra cosa: sicuramente è più facile fissare nella mente una cosa se hai provato a farla piuttosto che se l’hai letta su un foglio di carta.
    In conclusione posso dare un giudizio pienamente POSITIVO a questo corso e posso solo ringrazierla per l’impegno che ci ha messo nel realizzare questo progetto.
    Arrivederci alla prossima!!!
    Sara Corsi

  56. mafalda ha detto:

    sviolinate-time:
    mi associo a moltissimi commenti e in particolare mi sono piaciuti: la possibilita’ “learning by doing” cose nuove sull’uso del pc, di rimettermi un po’ a scrivere per me stessa e per gli altri, di gestire le informazioni in maniera sintetica: avere pochi punti chiari da risolvere ma con ampia scelta del come risolverli, di collaborare e instaurare anche rapporti umani con gente piu’ o meno sconosciuta con un filtro nuovo, di gestire orari e modalita’ in modo ampiamente personalizzato, di poter veramente far proseguire nel tempo le cose imparate e non lasciarle nel dimenticatoio ma riutilizzarle per scopi personali (e’ vero, questo e’ apprendimento, cambiare, ora apprezzo il suo “mutare” nel titolo del blog) e di interazione con il popolo del web (che flash delicious!), il fatto che il prof sia cresciuto con noi in tutto questo processo dedicandosi totalmente e dimostrando che si puo’ e si deve rimettersi in discussione senza timore di perdere quello che siamo o sappiamo: non si puo’ che migliorare e che quindi il docente e’ realmente anche discente e viceversa, mi piace il fatto che questo corso sia nato con noi, per noi, attraverso di noi e che non sia stato un progetto ben curato da propinare sperimentalmente ma che si sia adattato via via nella forma alla nostra forma: non invidio affatto le matricole dell’anno prossimo che avranno un lavoro simile al nostro, ben organizzato filtrato da quello che oggi stiamo dicendo ma in fondo basato sul nostro, noi possiamo dire che “c’eravamo!”.
    e’ un corso che fa la differenza per tutto il corso di laurea anche perche’ gestito da un prof che fa la differenza.lui c’e’! c’e’ tutto. tanto e’ allenato alla lettura del pensiero prof, non mi sdilinquisco piu’ di tanto in parole.
    fa la differenza per dare una scossettina a tutti quelli che volevano mettersi a studiare e basta, ma che e’ ‘sto blog ma come si fa ma te l’hai fatto e giu’ a cercare di convincerli… fa la differenza perche’ mette sul piatto della bilancia il lato umano di preparare gli esami, di comunicare, di imparare insieme e ti viene proprio voglia di trasmettere cio’ che hai imparato per condividerlo.

    bacchettate-time:
    per poter davvero usufruire delle possibilita’ che questo corso offre, sarebbe dovuta rimanere aperta l’aula di informatica abbastanza continuativamente per utilizzare i ritagli di tempo e per le persone che hanno difficolta’ con internet a casa o che svernano a firenze perche’ hanno treni scemi.(trascuriamo il punto del wireless e del numero di matricola).
    non mi e’ piaciuto il modo in cui gli utenti del corso si siano raggruppati automaticamente piu’ o meno a cdl per comunicare fra loro, pensavo che ci si sarebbe lanciati tutti in una comunicazione globale un po’ piu’ ampia uscendo dal proprio orticello: ci vediamo a lezione ogni giorno, forse era l’occasione per allargare un po’ gli orizzonti umani con tutti gli altri, no? per me no alla divisione per cdl. non mi e’ piaciuto che sia stato colto poco l’input di comunicare il piu’ possibile, in fondo i post sono stati complessivamente pochi e pochi i commenti, con maggiore scambio si sarebbe potuto creare qualcosa di piu’ community, ma io sono grafomane e logorroica, non faccio molto testo.
    secondo me il prof, che ha scritto o risposto assolutamente a tutto quello su cui ci siamo posti delle domande, poteva, o meglio doveva per salute mentale, relegare orari e disponibilita’ di lavoro che ha investito su questo corso ad alcuni limiti, nonostante io adori questa filosofia no-limits e di apprendimento per l’insegnamento, credo che organizzare meglio le informazioni nel blog iamarf o nel moodle avrebbe condotto a trovare noi le risposte che cercavamo piu’ facilmente, specie chi non si collega troppo spesso che ho letto spesso in preda al panico e, sempre per salute mentale, non avrebbe costretto quel pover’uomo a rispondere sulle 20/30 volte alle stesse domande, ora magari pensera’ che ognuno debba pensare alla salute mentale sua, giustamente, ma sono un po’ chioccia e credo che ci si debba un po’ autoproteggere creando un minimo di schemi entro cui far muovere la gente, se ne puo’ sempre uscire una volta che si sa come sono. le info da ricavare erano a volte ben visibili nelle parole link dei post, a volte nascoste nei commenti, a volte nel forum/pagina moodle. questo e’ buono per allenarsi a fare ricerca di info e materiale ma per alcuni e’ stato davvero un “e ora cosa devo fare?” anche con le info davanti agli occhi: forse un po’ disorientante per chi si e’ aggiunto dopo specialmente, che non sapeva da dove iniziare a leggere. mi aggancio a serena78, gente cosi’ giovane che ha paura del nuovo e del diverso, che sale sul treno solo se ne vede la convenienza…strano e bruttino. pero’ e’ parecchio colpa della scuola che non allena a cercare, a spaziare, a osare ad abbracciare le cose diverse. la ricerca del terreno sotto i piedi e’ prevalente al senso dell’avventura quando mancano sicurezze di fondo.

    si/no metodo applicato ad altre materie:
    professo’, ma l’ha fatto un giretto sul web dell’unifi? i prof hanno difficolta’ a darti le slide e le dispense. ma lei si rende conto che sul sito dei nostri cdl i programmi delle materie sono aggiornati al 2005? e l’orario e’ dell’ a.a. scorso? c’e’ gente che ha iniziato una settimana dopo perche’ non sapeva di aver lezione…per l’ammissione hanno messo online un bell’istogramma, per far vedere che lo sapevano disegnare forse, su tutte le prime scelte dei candidati senza mai indicare quali fossero le seconde e le terze scelte e non e’ stato mai reso noto che scelte avevano fatto quelli sopra di te in graduatoria (bastava un banalissimo foglio excel e tutti avremmo capito chi e quanti avevano piu’ diritto di noi ai corso che volevamo fare, come hanno fatto le uni di genova, pisa, padova)….e’ complesso da spiegare ma voglio solo dire che il livello di informatizzazione della facolta’ e’ cosi’ basso e la gestione cosi’ poco logica che sinceramente, anche se personalmente spererei di fare un 60% di didattica da casa, credo che debbano istituire con serieta’ qualche responsabile dei siti perlomeno per le funzioni di base almeno informative, sui corsi, sui professori, sul materiale didattico, per ora questo lato e’ triste e mi auguro che si occupino principalmente di questo prima di lanciarsi nel fare passi piu’ lunghi della gamba, anche se ho molto apprezzato lo stream dei precorsi! secondo me ci sono delle sequenze che vanno rispettate nel livello di informatizzazione e per ora mancano le basi perche’ l’unifi si lanci in percorsi didattici che non so se puo’ gestire, se mi garantite che le due cose sono indipendenti, avanti savoia!!
    beh, mi scuso per lunghezza e pesantezza…
    non si molla tutto qui adesso vero?
    queste erano 1145 parole.

  57. marika ha detto:

    Certamente ho imparato a “smanettare” un pò di più con il computer e il blog alla fine si è rivelato un qualcosa di piacevole e divertente ma gli altri compitini mi sono rimasti un pò pesanti, specialmente quelli relativi al social bookmarking e l’ultimo su wikipedia che mi sta dando dei grattacapi e poi visto che faccio avanti e indietro da arezzo a firenze non è che il tempo abbondi… cmq senza dubbio meglio la pratica che la teoria a vuoto, probabilmente leggendo pagine su pagine non mi sarebbero rimaste molte nozioni, così è molto più positivo e proficuo: in fondo con il computer bisogna saperci lavorare! Sicuramente qualche abilità nel campo dell’informatica l’ho acquisita però senza offesa un pò di lezioni frontali alla vecchia maniera non le disdegno, altrimenti uno avrebbe il rigetto del p.c.
    L’unico consiglio è lasciar intercorrere un pò più tempo tra un compitino e l’altro e fornire quanto più indicazioni possibili per svolgerli: parlo per me che sono una capocciona per cui una spiegazione in più non guasta mai.

  58. Irene ha detto:

    giudizio sicuramente positivo..questo corso così strutturato è riuscito ad avvicinare al mondo dell’informatica e di internet persone che magari prima non avevano un bel rapporto con il computer…me compresa…
    inoltre in questo modo siamo riusciti davvero a imparare qualcosa e soprattutto a metterla in pratica cosa che invece non sarebbe stata possibile se avessimo imparato a memoria tante nozioni che sarebbero rimaste inutilizzate…
    una nota particolarmente positiva è per me il rapporto meno formale che si è creato con lei..
    una cosa che mi viene in mente per quanto riguarda eventuali “critiche” è che magari le persone senza computer,come lo sono stata io fino a metà del corso,e che non hanno la possibilità di fermarsi per molto tempo in sala computer al cubo,hanno trovato qualche difficoltà in più a rispettare i termini dei lavori assegnati…per il resto tutto ok!
    Irene Cannoni

  59. Costanza ha detto:

    Penso che la trovata geniale di questo corso sia di permettere agli studenti di imparare veramente qualcosa di utile divertendosi e non semplicemente aprendo un libro e mandando a memoria una serie di sterili nozioni. Credo che si possa dire che questo metodo attiva un vero e proprio processo di “apprendimento”. Tanto più se si pensa a quanto per alcuni risulti ostica la materia (credo che per alcuni si possa parlare di vero e proprio odio verso i computer e il mondo dell’informatica!).Ho anche apprezzato molto l’interesse del professore per giudizi e pareri degli studenti (cosa per niente scontata in ambiente accademico) e l’intento di lavorare insieme a loro, rendendoli, da semplici discenti passivi, a collaboratori-docenti. Penso che questo sia un ingrediente fondamentale per suscitare, se non una passione, quanto meno un interesse nella materia.
    Non so se questo modello sia realizzabile anche in altre materie, sicuramente però sarebbe auspicabile che altri professori considerassero il computer come uno strumento utile per agevolare l’insegnamento delle materie stesse (se per esempio tutti riuscissero a mettere il loro materiale didattico on-line, inserissero i loro programmi prima dell’inizio delle lezioni, dessero le loro comunicazioni, o infine creassero forum in cui gli studenti potessero confrontarsi, non sarebbe male).
    L’unica critica che mi sento di fare riguarda gli studenti che per vari motivi non hanno a disposizione un computer 24 ore su 24: questi risultano inevitabilmente svantaggiati (so che in aula informatica è possibile usare i pc, ma gli orari sono necessariamente limitati e quando si hanno le lezioni quasi tutti i giorni, quasi tutto il giorno, non è facile far combaciare tali orari con i propri). In più se quegli studenti non hanno il numero di matricola (come è capitato quest’anno) non possono nemmeno accedere ai computer dell’università (che comunque non permettono di visitare liberamente tutti i siti). Quindi ci vorrebbe un po’ più di attenzione verso questi studenti, magari organizzando più incontri frontali e lavori di gruppo ( e insieme al prof.).
    Ah, mi dimenticavo: fondamentale il contributo del prof. alla diffusione della conoscenza del mondo Open-source. Prima non ne sapevo niente, adesso invece, penso che, se dovrò cambiare il mio pc, terrò presenti i consigli che ci ha dato! Grazie mille Costanza Milanesi

  60. fra fra ha detto:

    ah sono di nuovo la fra…
    potrebbe essere interessante secondo me far conoscere alcuni programmi del pacchetto office che posso tornare utili in un futuro.
    per esempio ACCES..
    insomma far conoscere un po’ quei programmi che un quasi tutti abbiamo sul computer ma che pochissimi usano.

    interessantissimo poi la parte delle dispense dove si parla del “dare in prestito la memoria inutilizzata”.. ecco forse qualche compitino potrebbe coinvolgere questa attività.

    halo di nuovo

  61. Mauro ha detto:

    ciao ragazzi sono mauro io penso che questo corso sia stato veramente positivo.. mi ha fatto imparare moltissime cose e credo che non si dovrebbe fermare solo ad informatica ma anche ad altri corsi, in quanto molte volte quando siamo a sostenere uin esame davanti al professore entriamo in crisi e facciamo delle pessime figure anche se abbiamo studiato.. Quindi Prof porti avanti la sua causa noi la sosterremo

  62. Riky ha detto:

    Beh..con tutti questi commenti non so più che dire..anche a me questo corso è piaciuto,la cosa più interessante per me è stata la creazione del blog,perchè è un mezzo molto utile per socializzare e comunicare velocemente con le altre persone..dunque il mio giudizio è positivo!!

  63. Fareyus ha detto:

    Che dire mi associo pienamente a ciò che hanno detto i miei colleghi. Un idea geniale, perché involontariamente ha insegnato a molti ciò che sicuramente non avrebbero “appreso” studiando le singole dispense. Con la scusa di affrontare dei compiti che magari non sembravano troppo “gravosi” ha dato modo a molte persone di sperimentare con mano e apprendere molti dei concetti espressi nelle pagine del corso che con uno studio “tradizionale” sarebbero magari stati memorizzati per l’occasione senza comprendere appieno.
    Posso dire che questo corso mi è stato utile per conoscere alcune cose che prima quasi ignoravo (veda l’esistenza del social bookmarking) o che magari utilizzavo senza conoscere appieno (parlo dei feed). Inoltre è stato un ottimo stimolo per riprendere in mano il php e l’html del mio blogghettino che era in stato vegetativo da tempo immemore xD.

    Un consiglio per i prossimi corsi… casomai curare un pochino di più l’aspetto comunitario e di utilità del forum attraverso board un “pochino” più sofisticate (mybb, phpbb, smf.. etc) che possano favorire maggiormente lo svilupparsi di discussioni… immagino però che il “forum” del portale sia quello che passa il convento 😛 .. casomai in un futuro sarebbe carino integrarlo con altri.. anche del tipo di quello di medwiki.

    Comunque il corso è stato veramente efficace, l’idea carinissima, spero anzi che la comunità di “bloggatori” non svanisca alla fine dell’esame. Personalmente terrò la paginetta del reader sempre a portata di mano per vedere alcuni blog che sono davvero interessanti.

  64. sary ha detto:

    ..A mio parere questo corso di informatica è stato un successo..All’inizio quando ho letto sul piano di studi che avrei dovuto sostenere un esame di informatica mi è preso male perchè sinceramente non è che lo sapessi usare molto..Ma dopo la prima lezione sono rimasta entusiasta per l’originale corso che avrei dovuto seguire..Ritengo che la teoria sia utile ma sinceramente se avessi sostenuto un quiz a crocette penso che in breve tempo avrei scordato tutta la serie di nozioni..e invece è la pratica che conta!!
    Ho così imparato un sacco di cose nuove..prima di tutto ho finalmente un mio blog e poi ho scoperto l’utilizzo dei feed rss, di google reader, di delicious e sono fiera perchè finalmente ho imparato a fare qualcosa di più concreto..Un altro fattore che ritengo positivo è il fatto di poter comunicare con molti altri studenti,scambiarci opinioni e informazioni e inoltre il fatto di essere in contatto con le mie compagne ostetriche fa si che ci possiamo avvisare in maniera rapida e in modo tale che tutte possano leggere nuove notizie..Sono davvero coivolta in questo speciale corso di informatica..Ogni giorno cerco di tenermi aggiornata e di leggere tutti i post anche perchè sono curiosa di leggere i pensieri, i gusti , le opinioni anche di ragazzi che non conosco..
    Sarebbe bello che anche altri corsi fossero impostati così anche se dubito che sia possibile..
    Perciò professore penso che questo corso sia davvero funzionato e che lo debba continuare anche con i futuri studenti.
    Grazie per tutto ciò che ho imparato e per quello che imparerò in futuro.
    Sara Di Marco

  65. Cli ha detto:

    .. il mio gidizio è positivo, infatti anche se ho passato più tempo di quanto mi aspettavo davanti al computer posso dire di avere imparato qualcosa.. mia mamma mi ha comprato il computer all’inizio di ottobre, fino ad allora io ho sempre usato quello che mio padre ha in ufficio e proprio quando ne avevo necessità (1-2 volte l’anno).. devo dire che con i suoi esercizi adesso mi sento più sicura nell’utilizzo del mio pc (all’inizio ero ossessionata dal bloccarlo, dal prendere qualche virus, dal fare qualsiasi manovra strana…), adesso invece ho cominciato a scaricare programmi che mi interessano senza timore.. e le assicuro che questo vuol dire tanto per una che non ha mai avuto un computer.. inoltre, sinceramente, cominciando a leggere le dispense per l’esame non vedevo proprio un’utilità in quello che c’era scritto.. sì, un sacco di belle notizie magari facevo l’esame da 30 e poi non mi sarebbero mai servite a niente perché il computer sarebbe sempre rimasto un’incognita per me… invece seguendo questo percorso posso dire di sapere qualcosa di come funziona o per lo meno di non avere più paura a farlo funzionare… sarebbe eccezionale se in tutte le materie potessimo essere messi a contetto diretto con cosa studiamo, senza che ciò rimanga solo inchiostro in un foglio.. mi dispiace proff, ma non ho giudizi negativi, l’unica cosa magari un po’ più tempo per gli esercizi.. perché io stando lontano la sera ho dovuto fare le corse per vedere se c’erano nuovi esercizi e per farli in tempo, o tornando tardi qualche sera non avevo neanche il tempo di accenderlo.. comunque io la consiglio di presentare questo percorso anche ad altri studenti che verranno!! insomma prof.. un 30 a lei (e a tutti noi!! 😀 )
    Paolini Claudia

  66. letizia988 ha detto:

    a me è piaciuto il corso..ho imparato diverse cose utili, come l’uso di delicious (che ho iniziato ad usare non solo per i compituzzi, perchè è veramente utile!). Al liceo avevo fatto l’ECDL, ma non mi è rimasto gran che di quello che ho studiato, anzi…sono al solito livello, visto che era principalmente un memorizzare nozioni noiose ed incomprensibili, ed imparare a far cose che non metti mai in pratica..
    Inizialmente ero rimasta un po’ delusa da fatto che lei non riconosceva questa patente europea..visto che io, come molti altri, l’abbiamo fatta non per una improvvisa curiosità verso il mondo del computer, ma perchè principalmente è riconosciuta all’università (e quindi un esame in meno) e sui posti di lavoro..
    tuttavia alla fine sono contenta che non l’abbia riconosciuta,e sono contenta di aver seguito questo corso interattivo (diciamo così), perchè ho imparato ad usare degli strumenti informatici con cui ho più familiarità e che sono più utili per l’uso che faccio del computer!tuttavia non mi piacerebbe che altri corsi siano strutturati così, poichè verrebbero sminuiti a mio parere; nel senso che verrebbero presi poco sul serio e porterebbero a studiare meno..un corso interattivo di informatica aiuta a capire meglio la materia…ma corsi tipo chimica o altro..sarà un po’ difficile…
    detto questo..sono fiera di me e dei progressi che ho fatto (lasciatemi galvanizzare un po’ via…) un bacione a tutti quanti!!leti
    (Letizia Bruschi)

  67. Melarancia ha detto:

    Ho scorso i commenti precedenti e anche io sono d’accordo, ho trovato questo corso estremamente formativo e sicuramente mille volte più utile di 10 lezioni di informatica buttate lì su office, excel o che so io…a me personalmente poi è servito molto per acquistare un pò più di dimestichezza con il computer; diciamo che adesso lo trovo molto meno irritante.
    Mi sono piaciute molto anche le dispense per il loro tono colloquiale e le spiegazioni semplici, anche perchè se fossero state più tecniche avrei finito col non capirci comunque niente, mentre così qualcosa mi è rimasto. L’altro aspetto assolutamente eccezionale di un corso così condotto è stata la possibilità di interagire tra noi e di poter imparare dagli altri, il che spesso si rivela molto più proficuo dello studio solitario.
    Pensando a quello che non mi è piaciuto..beh…non saprei davvero trovare qualcosa che non va in questo corso,e mi piacerebbe che anche altre materie potessero essere condotte così o almeno in modo simile! anche se mi rendo conto che per alcune non è fattibile.
    Se per alcune materie tuttavia un metodo del genere si rivela inapplicabile per l’ampiezza dei programmi o altri motivi simili, sicuramente dovrebbe essere ripresa più spesso dai professori l’idea di promuovere il colloquio professore-studente e studente-studente, e questo è il modo giusto per farlo!è veloce,efficiente, permette di chiarirsi i dubbi prima di esprimerli e ,perchè no, si è rivelato anche divertente.
    Unica cosa ,forse, mi sarebbe piaciuto che si fosse sviluppato di più il forum; ma quest’anno c’era la novità dei blog e tutti ci siamo buttati su quelli, anche se so, per esperienze da altri forum, che questi possono essere molto utili, anche per socializzare.
    Consigli? il metodo dei blog come sistema di aggregazione tra studenti è fantastico, ma anche una bella chat in cui poter chiarirsi i dubbi proprio in diretta con chi è eventualmente collegato sul momento sarebbe utile..anche se non ho idea di come poterla realizzare, anzi, non so nemmeno se sia possibile!..è un idea..tutto qua.

    Parrini Elena

  68. fra fra ha detto:

    sicuamente è geniale l’idea di affrontare in prima persona l’argomento dell’esame: questo COMPUTER che incute tanta antipatia e terrore a molti ragazzi.
    ho apprezzato e trovato molto utile il forum, la disponibilità del prof e dei ragazzi nel rispondere a domande di tipo tecnico.
    credo che comunque siano necessarie alcune lezioni frontali: molti ragazzi che conosco infatti hanno rinunciato all’idea del blog perchè si ritenevano incapaci, mentre mostrandogli poi passo passo hanne realizzato che la cosa non è poi impossibile anzi.. è divertente!!
    quindi secondo me prof, dovrebbe dare le prime istruzioni sui “compitini” in lezioni in aula, meglio ancora (se possibile) proprio ognuno davanti al pc (so che siamo una miriade e i computer solo 30..): ci sono persone che hanno bisogno di essere incoraggiate e che hanno bisogno di una aiutini per ingranare!capito il meccanismo poi si può camminbare da sè.

    sarebbe bello se lo stesso procedimento si potesse usare per altre materie, per un coinvolgimento più attivo da parte degli studenti.

    la parte più bella è stata conoscere delicious, i tag, e ancora di più la traduzione collettiva del manuale (..mi sono sentita utile per la collettività degli informatici!!)

    halo!!

  69. Sara Emily Bulukin ha detto:

    Caro Prof,
    How much more you learn and how much easier it is to learn through doing and not just trying to repeat endless definitions without the chance to reflect or think about their meaning. This course has not only allowed me to do, to think and to reflect but it has also allowed me to choose when to do it. Something that in many other courses is impossible and which make learning even more difficult especially when you try to combine studies with work. This course has really offered an unique way of learning. If a similar method could be applied to other courses it would be great. I am convinced that if not a whole course, certain parts of several of our courses could benefit. In some cases maybe not limiting the approach to the use of computers but by following your example introducing more student-based learning and active participation. For the students of the CdL Professioni Sanitarie it could have been useful to include some exercises on the use of PubMed or similar databases, invaluable instruments for further studies. I also agree with Matteo who has suggested to group the blogs of different degree courses together to make it easier to follow the different discussions. I believe this could also make the discussions more constructive. Although this would just be like adding a cherry on an already excellent cake.
    Grazie professore, continui così!
    Emily

  70. lbiancalani ha detto:

    … visto che i commenti sono tanti … e non volgio rubarle troppo tempo a leggere il mio … mi associo a tutto quanto è stato detto dagli altri, sul fatto dell’idea “strana” ma efficace e sul coinvolgimento attivo (cosa assolutamente nuova per la nostra “scuola” in generale!).
    Io conoscevo “abbastanza” il computer prima di questa esperienza, ma sicuramente ho imparato qualcosa di più sull’uso di internet! GRAZIE. Luca Biancalani

  71. nico ha detto:

    mi associo anche io ai commenti degli altri. per me il computer era solo un mezzo per ascoltare musica o giocare a carte..mi ci avvicinavo sempre con una certa angoscia e meno lo usavo meglio era!!!
    questo corso mi ha “costretto” in qualche modo a farene un uso abbastanza frequente…non nascondo che all’inizio è stato molto faticoso,sia a causa della mia pigrizia,sia perchè ho trovato molti ostacoli(a causa della mia ignoranza) e trovavo problemi anche a fare cose semplici come creare un blog!ho dovuto passera varie ore al computer,informarmi,chiedere ad altri…ma adesso mi rendo conto che ogni giorno ho voglia di accendere il computer,anche solo per controllare la mia posta,leggere i commenti degli altri o vedere se ci sono novità..inoltre leggere il manuale mi è stato molto utile anche per capire cosa sto facendo e come funziona,anche se pur in una piccolissima parte,lo strumento che sto utilizzando!
    L’UNICA PICCOLISSIMA PECCA è che probabilmente un ragazzo che ha un computer vecchio o rotto o non ha il collegamento adsl o per qualsiasi motivo non può accedere assiduamente ad internet può risultare svantaggiato..
    comunque il corso è stato divertente ed almeno per me utile!!!
    nicoletta caciolli

  72. matteo ha detto:

    Caro prof,
    Il corso mi è servito molto soprattutto per quanto riguarda tutta la parte di informatica che non conoscevo tipo Aggregatori e Bookmarks.
    Sono molte le cose positive che ho riscontrato tra queste, prima fra tutte, il mettere davanti ad ogni cosa che facevamo la creatività e la voglia di cambiare, apportare modifiche che di questi tempi non è più attribuibile alla classe “giovani”. Sicuramente è un corso che avrà successo anche nei prossimi anni se verrà impostato in questa maniera, e credo che questo modo di proporre agli studenti il lavoro sia sicuramente più efficace che imporre qualcosa dall’alto…l’unica pecca è che troppe persone tutte insieme spesso producono confusione (guarda i blog e il forum) con troppe discussioni aperte che sinceramente era molto difficile controllare.Per questo le proporrei di continuare a fare i blog ma di accorparli tra corsi uguali e non tutti insieme (i TRMIR tutti insieme, Le Ostetriche tutte insieme ecc ecc).
    Altri consigli non ce l’avrei, per adesso, spero solo di essere stato esauriente…Arrivederci
    Matteo Cialdai

  73. Brighi ha detto:

    In conclusione in giudizio su questo corso è PIENAMENTE POSITIVO, anche se voglio rivelarle che inizialmente non era così…o meglio, adesso cerco di spiegarmi: l’idea era carina anche agli inizi, però io ero sicura che questo avrebbe portato al 99% delle persone che si facevano fare il blog e i vari compiti da lei assegnati da amici che ne sapevano sicuramente di più ecc…invece mi sono dovuta ricredere perchè ho capito che le persone cercano di “barare” (se così si può dire) solo quando si sentono costrette in un determinato metodo di studio…invece nel suo caso, la possibilità di scegliere personalmente il modo in cui sostenere l’esame, ha fatto si che le persone si impegnassero davvero personalmente nel riuscire! E devo dire che anche una certa competizione ha fatto la sua parte: ognuno ovviamente sentendo che l’amico era riuscito a mettere un feed RSS, o a iscriversi a delicious, non voleva essere da meno, e così via…

    Ritengo però che purtroppo questo metodo si possa applicare solo a materie come la sua in cui la pratica è più importante della teoria…perchè appunto secondo me un corso di informatica dovrebbe far si che le persone poi sappiano ARMEGGIARE A 1 COMPUTER, non solo che sappiano cos’è un hardware (per il quale esiste il vocabolario)…mentre invece la stessa cosa non si può dire per materie come biologia, chimica ecc.

    Spero di aver fatto un giudizio esauriente del corso dicendo comunque qual’è il mio pensiero…

    Elisa

  74. Simone Chiaroni ha detto:

    Caro prof,

    è stata veramente un esperienza formativa. Prima dell’inizio del corso, non nego che avevo un certo terrore nei confronti della materia “informatica”. Mi vedevo perso tra i manuali a cercar di capire e memorizzare tecnicismi per poi venire all’esame e rigettare a memoria quel poco che avevo compreso, pronto ad elemosinare un 18. Invece devo ammettere che lo svolgere un lavoro pratico mi ha insegnato tanto di più, permettendomi di accrescere le mie conoscenze nel campo dell’informatica e di appassionarmi alla materia. Le racconto un breve aneddoto: Conosco un ragazzo che è sempre stato considerato da tutti i suoi amici un genietto dell’informatica. Quindi decise di iscriversi alla facoltà di informatica (non so se ingegneria o cos’altro). Qualche anno fa facemmo una sorta di full immersion di studio tra amici. E c’era anche lui con il suo manuale di informatica. E’ stato 3 giorni a dire di non capirci niente, poi il quarto giorno arrivò suo fratello che, dopo aver visionato il testo gli disse: Giosuè, ma te queste cose le facevi a 10 anni!! cos’è che non capisci? Morale della favola, i 2 fratelli adesso sono titolari di 1 azienza di informatica con 7-8 dipendenti e Giosuè non ha mai fatto un’esame all’università.

    Ognimodo Prof, credo che il suo esempio dovrebbe essere seguito da qualche altra materia..chessò, anatomia magari, permettendoci di prendere le ossa in mano sin dal primo giorno e di vedere dal vero dove sono situati i tubercoli, come sono fatte le troclee o gli epicondili.. e anche materie come istologia, o microbiologia, sarebbe carino ogni tanto vedere qualcosa dal vero al microscopio ottico ed elettronico..
    Immagino ci saranno regolamenti a cui i vari docenti si devono attenere, però, per prendere dimestichezza con il nostro futuro lavoro non sarebbero male. Uno dei commenti o critiche che possono esser sollevati al suo modo di affrontare l’insegnamento dell’informatica potrebbe essere il vantaggio che lei ha nei confronti dei professori di altre materie, in quanto tutti gli studenti possiedono un computer per far pratica a casa ed eseguire i vari compitini. Ma un computer è utile anche per far altro. Le lezioni frontali a cui siamo costretti a causa dell’obbligo di frequenza si rifanno a principi medioevali della scienza dell’insegnamento. C’è gente che fa 200 kilometri al giorno per seguire delle lezioni che non hanno niente di interattivo e che potrebbero benissimo esser seguite da casa se solo fossero attivati dei corsi online per gli insegnamenti frontali. Che oltretutto avrebbero il vantaggio di poter esser scaricate e riviste in un secondo momento migliorando l’apprendimento. La scorsa estate ci sono state le lezioni dei precorsi di preparazione all’esame di ammissione a medicina che potevano essere seguite in diretta on-line da casa, e potevano poi esser riviste in qualsiasi momento. Era così bello starsene in pantaloncini a prendere il caffe e fumare una sigaretta mentre seguivo la lezione di chimica.. Spero che in un futuro molto prossimo si facciano dei passi in avanti in questa direzione..nel frattempo, augurandomi di finire questa Università e di fare presto il fisioterapista ho chiesto come regalo di Natale uno scheletro intero per far pratica e magari scambiarci 2 chiacchere nelle notti in cui mi sento solo..
    Arrivederci

    Simone Chiaroni

  75. Loredana ha detto:

    dunque secondo me il corso impostato così è ottimo, perchè è servito, almeno per me, a imparare aspetti nuovi dell’informatica che non conoscevo come “delicious” un bel sistema per fare ricerche su materiale che ad altri è già stato utile..l’obiettivo che penso sia stato messo in evidenza dal prof. è l’aggregazione sociale virtuale tra persone che non si conoscono ma che riescono attraverso i blog a scambiarsi idee, pensieri e, nell’ambito universitario,informazioni utili. Credo sia un ottimo metodo anzichè focalizzarsi su cose che per molti potrebbero essere delle “bischerate” come ad esempio usare word, exel, ecc…
    confermo e la “accendiamo”!
    una piccola critica rivolta però più agli studenti afferenti: i contenuti dei post sui blog dovrebbero essere sempre finalizzati ad un “dare” agli altri e non semplicemente riferito a quello che ho fatto oggi, evitando così di creare una mole di post inutili da leggere e di conseguenza perdita di tempo.

  76. LUCA ha detto:

    Anch’io mi associo ai commenti degli altri; dicendo che questo corso di informatica mi è stato utile per imparare a muovermi con il computer e su internet in maniera autonoma, riuscendo a fare cose che prima non sapevo neanche che esistessero.. Risulta più utile imparare a fare degli esercizietti pratici come abbiamo fatto fino ad ora, anzichè fare delle crocette su un test.
    E’ stato molto utile l’utilizzo dei blog, in modo tale che ogniuno di noi ha potuto esprimere liberamente tutto ciò che gli piaceva e far conoscere agli altri le proprie passioni.
    Questo corso può essere certamente utile anche per gli studenti dei prossimi anni, per invogliare sempre di più gli studenti a scoprire cose nuove che prima ignoravano, magari apportando sempre qualche novità!
    Luca Caretti

  77. GiuGGi ha detto:

    …ho pensato e ripensato a quale potesse essere un lato negativo di questo corso di informatica…forse le sclerate di mia mamma, la quale si è lamentata per il troppo tempo che ho trascorso davanti al computer in queste settimane…ma non credo che questa possa definirsi una critica costruttiva!!a mio avviso, il corso è strutturato in maniera quasi perfetta, perchè ci offre la possibilità di imparare sia a livello teorico che pratico e ci evita tutti quegli inutili pomeriggi di studio dove alzi la testa dal libro solo se fuori scoppia una guerra…quindi professore..grazie per tutte le cose che ci ha insegnato…davvero..come dico sempre ad i miei amici..adesso sono un vero e proprio HACKER…=)…scherzi a parte..la saluto..invitandola a continuare con questo metodo…perchè può insegnare ancora molto ad un ampio numero di studenti, facendo loro capire che nel mondo universitario c’è ancora qualcuno che può fare appassionare alla propria materia di insegnamento…salutoni…
    GiuLia FanTaPPiè

  78. Marta ha detto:

    Mi associo ai commenti delle mie colleghe… questo corso è il massimo… Avevo già fatto un esame a psicologia di Informatica, ma era stato un esame terribile in quanto dovevamo imparare a memoria varie nozioni e risolvere a mano le formule di excel, cosa del tutto inutile considerando che il computer le risolve da solo. L’esame a crocette era oltretutto impossibile… Quando ho deciso di cambiare facoltà, ho parlato con il prof. Formiconi che mi ha consigliato di non convalidare l’esame (anche perchè ero in possesso di un misero 22) e di rifare tutto da capo. Inizialmente ero rimasta un po’ perplessa, ma poi, dopo la spiegazione del professore nella seconda lezione (perchè alla prima non avevo assistito) sono rimasta contentissima.. Non c’era giorno in cui non andavo su internet a controllare gli aggiornamenti, ed è anche per questo che mio padre si è deciso a mettere internet flat (finalmente!!!). Unica piccola critica: c’è l’immagine di uno dei test che continua a non vedersi ed i filmati (pur avendo io una connessione a fibre ottiche e quindi anche molto veloce) non si vedono o si bloccano in continuazione… A parte questo tutto ok!!!!

  79. Elisa ha detto:

    corso sicuramente interessante…. molto meglio delle classiche lezioni frontali.. dove c’è tanta teoria e niente pratica…
    avevo già avuto la possibilità di fare un blog.. ma come sempre rimaneva li’ senza aggiornamenti… 1 o 2 mesi…al liceo facevo anche informatica…ma solo uso di programmi tipo word.. ecc…
    è stata una cosa stimolante…condividere il tuo blog con studenti che fanno più o meno la tua facoltà e vedere come le idee di strutturazione del blog sono totalmente diverse..
    i compitini sno stati utili.. anche se per me.. pendolare ogni giorno da arezzo a firenze la scadenza era troppo breve..e anche se sono riuscita a rispettare tutti ..più o meno.. i temini ho dovuto fare i salti mortali tornando a casa alle 7 se non più tardi accendere il computer e capire cosa dovevo fare…
    sicuramente l ‘ attività in delicious è stata molto utile..
    che dire prof continui cosi’ sicuramente fa capire molte più cose agli studenti e stimola le persone ad accendere il computer molto di più capendo quello che stanno facendo.. grazie anche per gli aiuti che mi ha dato…
    adesso non ho nient’ altro da dire
    a presto prof..!!! continui cosi’…
    Elisa Cavigli

  80. giulia ha detto:

    Penso sia molto utile ai fini pratici svolgere l’esame di informatica affrontando in prima persona il computer anzichè indirettamente con quiz a crocette. Ma penso sia giusto anche dare la possibilità di sciegliere tra le due alternative del quiz o compitini on-line (anche perchè magari non tutti hanno un pc disponibile).
    Da una parte penso però che lavorando in questo modo sia facile anche far svolgere i vari compiti a qualcuno con più esperienza e dimestichezza nell’usare il pc quindi penso che almeno alcune cose debbano essere fatte in aula di informatica (non penso che in questi lavori sia andata così, sia mai, ma i dubbi penso siano leciti in quando non si vedono i soggetti in prima persona)… Comunque, i compitini svolti finora mi hanno preso diverso tempo e almeno per me non è stato perso in quanto ho imparato molte cose nuove e sono soddisfatta di me e del mio lavoro (sono riuscita anche a risistemare il mio pc dagli spyware, può sembrar poco ma per me è tantissimooo)e non penso che avrei potuto acquisire tutte queste cose utili se non avessi seguito il corso in questo modo.Prima accendevo il pc giusto per controllare le email o studiare le dispense, chattare con amici, adesso con i feed rss, delicious, i compitini di appofondimento degli altri studenti, posso migliorare agevolare e velocizzare anche il mio metodo di studio.
    Mi impegnerò adesso anche a capire pubMed che voglio assolutamente imparare ad usare bene in quanto so che mi resterà utilissimo e mi sembra un’ottima idea avercelo fatto conoscere e spronarci ad impararlo e ad usarlo!! GRAZIE PROFESSORE.

    Giulia Bulli

  81. Kiara ha detto:

    Ora ho capito come mai per questo corso non poteva essere accettato il patentino ECDL: il patentino si ferma all’uso di base del programma, mentre questo corso permette di interagire con il computer[quando ci arrabbiamo perchè non sappiamo fare una cosa e urliamo verso lo schermo ;-)]e con gli altri utenti della rete.
    All’inizio pensavo che il blog fosse unaperdita di tempo; ora mi diverto tantissimo…
    Il consoglio è di continuare con questo metodo cercando di coinvolgere sempre più studenti[magari, e dico magari, potrebbe anche nascere una collaborazione tra questo corso e Medwiki- infatti è con questo corso che quattro studenti hanno avuto l’idea iniziale di medwiki.
    chiara matteuzzi

  82. Melissa ha detto:

    Cosa dire…sicuramente un grande successo!Quando, prima di iniziare i corsi, ho vosto che dovevo fare l’esame di informatica, ho pensato subito alle mille nozioni che avrei dovuto imparare a memoria e che dopo l’esame avrei dimenticato…poi sono venuta alla prima lezione che ha tenuto ed ho pensato: “questo è pazzo”! Ripensandoci poi mi sono resa conto che forse l’idea del corso strutturato in questo modo non era male…e così è stato! Cosa mi ha lasciato questo corso? Non solo la voglia e la curiosità di capire qualcosa di più sull’informatica (in particolare il mondo di internet, che sarà importantissimo per il nostro futuro) ma la cosa che mi ha colpito di più è come un corso del genere possa insegnare anche altre cose: imparare a rispettare gli altri e le loro idee, imparare ad aiutarsi e a fare gruppo! Quindi non mi resta che ringraziarla per tutto e in particolare per la sua disponibilità verso noi studenti!Continui così!
    Melissa

  83. Silvia ha detto:

    Anche io sono molto soddisfatta di come si è svolto questo corso, sopprattutto per il fatto che sono riuscita ad imparare molto cose che per me erano sconosciute e lo sarebbero rimaste per sempre..Prima a malapena riuscivo ad accendere il computer e a connettermi ad internet, invece adesso sono in grado di fare tante cosine che mi potranno tornare veramente utili.. Trovo quindi che il corso da lei cosi organizzato sia davvero molto costruttivo, e credo anche che se avessimo dovuto imparare dei concetti, li avremmo imparati a memoria e…sì..l’esame l’avremo superato ma dopo qualche giorno ci saremmo scordati gran parte delle cose e in conclusione non avremmo imparato niente.. Sarebbe bello poter svolgere altri corsi come questo, ma credo proprio che sia e rimanga un utopia..
    Da parte mia le consiglio di proseguire il corso in questa maniera perchè son sicura che piacerà anche a tutti gli studenti futuri e soprattutto a quelli negati per il computer come me..
    Silvia Foconi

  84. serena bini ha detto:

    Anch’io sono molto contenta di come si è svolto e di come si sta svolgendo questo corso…non mi era mai capitato prima d’ora un corso del genere e ne sono rimasta molto stupita…tutte le volte che mi avvicino al computer ho voglia di accenderlo perchè sono curiosa di vedere se qualcuno ha scritto qualcosa di nuovo o se ci sono nuovi compitini da fare o novità in giro…insomma questo corso mi ha proprio catturata! sono felice anche del rapporto che il professore ha creato con noi studenti perchè finalmente si può dire di aver instaurato un dialogo, cosa che spesso con gli altri professori non è possibile…noi studenti così ci sentiamo partecipi all’attività e di aiuto ad altri studenti come noi, finalmente c’è qualcuno che ascolta le nostre idee e le nostre proposte….insomma professore io le consiglio di continuare così il suo corso anche con i suoi studenti futuri perchè avrà sicuramente successo anche con loro…per adesso non ho altri consigli da darle, posso solo ringraziarla per averci dato la possibilità di poterci esprimere!Arrivederci… Bini Serena

  85. kikka ha detto:

    …il mio giudizio su questo corso è sicuramente positivo (e non perchè mi voglio dimostrare accondiscendente col Professore, o cose di questo tipo…ci tengo a precisarlo).
    E’ stata in assoluto la prima volta che, nel corso della mia carriera universitaria e scolastica, ho affrontato un corso in questo modo…E devo dire la verità ho imparato più così che ricordando a memoria tutta una serie di nozioni che poi avrei sicuramente scordato non appena dato l’esame. All’inizio ero una di quelle persone che non sapeva manco cos’era un blog…figuriamoci i feed RSS, google reader ecc…insomma tanto per rendere l’idea il computer lo sapevo accendere ma poi non sapevo cosa farmene. Adesso le cose sono cambiate…e di questo sono contenta!!!Quindi grazie Prof.,credo…anzi sono sicura, che dovrebbe continuare così. E sicuramente sarebbe bello che anche altri corsi fossero impostati in maniera diversa dal normale…anche se questo trovo sia difficilmente realizzabile.
    Per adesso non ho particolari consigli che ritengo la possano aiutare a migliorare il corso…ma se mi dovessero venire in mente idee carine non esiterò a fargliele sapere… 🙂
    Benedetta Paoletti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...