L’accoglienza di Poggio alla Croce vista da un ragazzo della scuola

Laboratorio Aperto di Cittadinanza Attiva

Qui solo le sue parole, esattamente come le ha scritte. È scritta anche troppo bene per una persona che un anno fa non sapeva una parola di italiano. Ma è scritta bene perché esprime concetti fondamentali e profondi, che le imperfezioni linguistiche forse mettono ancora più in evidenza: questo ragazzo si sta formando una testa ben fatta, ancor prima di averla ben piena.

Oggi era l’ultimo giorno dello studio a scuola di Poggio alla Croce.
Era una scuola dove gli stranieri imparano un sacco di cose.
Era una scuola dove abbiamo imparato tutto ciò che avevamo bisogno: in italiano; in inglese e soprattutto la cultura italiana.
In questo momento è molto difficile a allontanarci agli abitanti di ” Poggio alla Croce oppure restare da lontani ai nostri maestri o le nostre maestre.
Ci dispiace moltissimi ma non abbiamo il scelto.
Vi diciamo che non abbiamo tante parole da dire perché…

View original post 141 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...