Un altro (per)corso

Lunedì prossimo prenderà le mosse l’insegnamento di Editing Multimediale per gli studenti del terzo anno del corso di laurea in “Metodi e Tecniche delle Interazioni Educative”, presso la Italian University Line. Anche questo insegnamento verrà condotto con il metodo della “blogoclasse”, già sperimentato in questo e vari altri corsi di laurea negli anni precedenti. Anche questo (per)corso sarà aperto a tutti i cittadini del cyberspazio che vi vogliano partecipare a qualsiasi titolo, da osservatore passivo o attivo, saltuario o assiduo. L’unico aspetto che differenzia eventuali cyberstudenti rispetto agli studenti iscritti presso la IUL, è che ai primi non dovrò dare voti, che è una gran bella cosa …

PERCORSO DELL’INSEGNAMENTO

Docente

Andreas Robert Formiconi
Tutor
Romina Agresti

Insegnamento

Editing Multimediale (INF/01)

Programma


Questo insegnamento deve essere inteso come un percorso, predelineato nelle linee generali, ma condiviso per quanto riguarda gli obiettivi specifici.

Il presente programma non si presenta nella forma convenzionale di un elenco di argomenti bensì consiste in una enunciazione di intenti.

I contenuti non esistono in forma predefinita bensì prenderanno forma ed eventualmente emergeranno durante il percorso, in funzione del vissuto e delle aspettative degli studenti nonché dell’offerta tecnologica, oggi estremamente ricca e mutevole.

L’obiettivo generale è quello di migliorare la conoscenza e la padronanza del “testo-codificato”, nelle varie forme che esso assume nelle molteplici interazioni con la “macchina di Internet”. Quindi editing multimediale non ridotto a memorizzazione di pulsanti da premere su particolari strumenti, bensì quale conoscenza delle caratteristiche e delle potenzialità del “testo-codice”.

L’obiettivo generale verrà perseguito attraverso le attività pratiche e la cooperazione fra gli studenti, con il supporto di alcune letture pertinenti.

Le attività dovranno essere preparate e discusse nell’ambito di una blogoclasse che verrà costruita all’inizio del percorso. Esse verranno adeguatamente tracciate all’interno della piattaforma IUL mediante la collaborazione di tutta la classe.

Il percorso, oltre ad affrontare il tema specifico dell’editing multimediale, rappresenta un esperimento didattico che, pur avendo avuto molto successo in altri contesti, costituisce una sfida interessante nell’ambito dell’aggiornamento professionale.

Testi di riferimento

CONTENUTO DEI MODULI

L’insegnamento è strutturato in unico modulo che prevede le seguenti fasi.

  • Start up: Il docente presenta il percorso con un breve video e gli studenti trovano un punto di partenza in un post del blog http://iamarf.org, che verrà pubblicato al momento opportuno

  • Costruiamo una blogoclasse: ogni studente crea un blog (può usarne uno esistente) e colleziona i feed dei blog degli altri studenti in un aggregatore; l’impiego di tali strumenti funge esso medesimo da laboratorio di studio dei concetti oggetto del corso

  • Gli studenti si presentano: ogni studente, nel proprio blog, descrive la propria attività professionale, la propria visione in materia di impiego delle tecnologie in ambito didattico e le proprie eventuali esperienze in materia

  • Cadenza temporale: il corso è cadenzato secondo un ritmo settimanale – approssimativamente – mediante un post del docente e un incontro in una classe virtuale online, in un giorno della settimana e in un orario concordato con tutti gli studenti; il docente offre una sorta di “Daily”, fatto di brevi post a commento o supporto di questioni di metodo o merito che emergano nel percorso, al quale possono contribuire anche gli studenti mediante i loro commenti

  • Condividiamo le esperienze: eventuali esperienze pregresse di singoli partecipanti vengono condivise, discusse e, quando possibile, riprodotte al fine di trasformarle in un patrimonio comune della classe

  • Wrap up: discussione finale dalla quale deve emergere cosa è cambiato per ogni studente in seguito alla partecipazione a questo percorso. Il docente tira le somme.

Forum

Durante tutto il percorso verrà utilizzato un forum per tutte le comunicazioni brevi.

Siti web

Nel corso dell’insegnamento, oltre ai blog dei singoli studenti, verranno utilizzati

  • Il blog del docente dove verrà dato il ritmo delle attività e dove verrà redatto l Daily: http://iamarf.org
  • Eventualmente le pagine wiki del docente per la produzione di eventuali documenti condivisi: http://infomedfi.pbwiki.com

21 thoughts on “Un altro (per)corso

  1. mvcarelli says:

    Prof scusi sono carelli. Ho capito come non essere più anonima. La lezione sarà lunedi o mercoledi sera? tra tutti questi post mi sono persa,,,
    grazie

  2. monica says:

    Elena meno male che ogni tanto ci si rinnova…ed anche i corsi universitari escono dai soliti canoni, d’altro canto anche essere corsisti Iul è un essere “diversi”… 🙂

  3. e says:

    a giudicare dagli interventi dei cyber-conoscenti di Andreas, comincio a pensare che questo non sarà “il solito corso”, che sia caduta in un ROSCO? capito?

    elena pulcinella

  4. Ciambello says:

    Quindi quest’anno utilizzerà codice casalingo per gestire la blogoclasse? Sono curioso di vedere cosa ha costruito! Intanto mi iscrivo 😉

  5. Andreas says:

    Contentissimo!

    Antonella, forse avevo fatto indigestione di parole, con tutte le mie frequentazioni online, ivi compresa quella graditissima presso La Scuola Che Funziona. Avevo bisogno di tornare a lavorare nel mio bugigattolo, di tornare alla mia natura di artigiano silenzioso. Così ho passato l’estate, diciamo da fine giugno ad ora, scrivendo software, dalla mattina alla sera, col duplice scopo di assicurarmi degli strumenti utili per il lavoro, come fa il tornitore valente che si fabbrica gli utensili volta per volta, e di conoscere, toccandoli con mano, gli ingranaggi che girano sotto alla grande macchina di internet. Non ho propriamente finito, anche perché con il software una costruzione tira l’altra, ma ora devo forzosamente reimmergermi nel caos delle voci. Sono curioso di vedere cosa succederà, dopo tutto questo silenzio, che mi è piaciuto assai e del quale non mi sento ancora sazio. Vedremo

    1. M.Antonella says:

      Comprendo e rispetto il tuo bisogno di silenzio e concentrazione, Andreas.
      Anch’io talvolta avverto la stessa necessità e allora mi rifugio nella
      lettura…
      Ciao 🙂

  6. M.Antonella says:

    Allora mi iscriverò al corso e ne parlerò nella ScheF…
    A proposito, Andreas, quando ti materializzerai di nuovo lì da noi???
    Se volevi farti notare per la tua assenza, (Massimo Troisi docet), 😉
    ci sei riuscito alla grande!

  7. M.Antonella says:

    Ciao, Andreas!
    Mi piacerebbe seguire questo corso,
    ma non so se ho conoscenze e competenze adeguate
    e, soprattutto, se troverò il tempo di frequentare con assiduità. 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...