Daily: smanettoni si nasce, ma anche si diventa 2

Sociogramma 4 giugno 2011. I nodi rossi sono studenti di medicina, i nodi blu cyberstudenti, il nodo celeste è il docente. Una linea che congiunge due nodi significa che almeno uno dei due ha fatto almeno un commento ad un post dell’altro.

Sociogramma 4 giugno 2011. I nodi rossi sono studenti di medicina, i nodi blu cyberstudenti, il nodo celeste è il docente. Una linea che congiunge due nodi significa che almeno uno dei due ha fatto almeno un commento ad un post dell’altro.

Appunto, in questi due giorni sono stato a scuola. Più precisamente, ho seguito un certo numero di relazioni al convegno e-privacy 2011 – Cloud computing e Privacy, organizzato dal Progetto Winston Smith. La partecipazione era libera e io avevo bisogno di aggiornarmi sulla questione della privacy. Me le sono chiarite? Difficile dire, perché il panorama è semplicemente caotico. La tecnologia corre ad una velocità che il legislatore non riesce a seguire. Si crea così nel cyberspazio una zona franca, dove gli attori commerciali avanzano a grandi passi. I giganti, ben noti, operano una centralizzazione del controllo che è l’esatto opposto della filosofia distribuita che aveva dato le origini a internet. La natura internazionale del cyberspazio trasforma il tutto in un’angosciante torre di babele.

Il prodotto tecnologico di tutto ciò si chiama cloud computing, che voi avete tutto sommato toccato con mano, quanto meno utilizzando GoogleDocs per compilare il diario. Non è solo una questione che riguarda i privati, è una cosa che interessa moltissimo le grandi aziende che mediante il cloud computing riescono a ridurre clamorosamente i costi inerenti alla gestione dei loro grandi database. I vantaggi sono innegabili, per gli utenti privati, per le aziende e anche per le pubbliche amministrazioni.

Tutta questa situazione pone tuttavia dei nuovi problemi sulla tutela dell’integrità e, dove opportuno, della riservatezza dei dati, che nel giro di pochi anni, sono fluiti dagli archivi cartacei verso i supporti elettronici e i server, custoditi bene al sicuro nei sotterranei delle sedi, per poi letteralmente evaporare nella nuvolaThe Cloud – dove nessuno ha fatto in tempo a regolamentare pressocché nulla. O meglio, dove sono i grandi attori commerciali a creare le regole.

Diversi di voi hanno sollevato il problema della privacy riguardo ai propri dati diffusi in rete, qualcuno anche denunciando degli inconvenienti. Ora non ho il tempo di andare a ricercare i post relativi – chi li ha scritti può commentare qui se legge questo Daily, e se desidera. Che può fare il singolo utente? Ci vorrebbe un’altra cospicua parte di (per)corso, tanti sono gli aspetti e gli accorgimenti che si possono prendere in considerazione.

In effetti, un (per)corso del genere, sarebbe più equilibrato se esaminasse ambedue le facce del nuovo rappresentato dal cybersapzio: quella delle nuove opportunità e quella dei nuovi problemi, da quest’ultime inevitabilmente generate. Purtroppo non c’è questo tempo nella dimensione e nella collocazione di questo insegnamento, a meno di renderlo più tradizionalmente didascalico, ovvero di ritrasformarlo da un (per)corso in un corso convenzionale. Ma sarebbe un passo indietro, verso quella didattica che lascia il tempo che trova, o quasi, soprattutto in una programmazione già ampiamente congestionata nella quantità e nei tempi.

Preferisco che succeda, per esempio, che Cosimo in questo breve tempo arrivi a dire che smanettoni si nasce, ma anche si diventa.

2 comments

  1. Pingback: Daily: autostima « Insegnare Apprendere Mutare

  2. Prof. ho letto il post di Cosimo…e devo ammettere che l’idea di sbattere il pc a terra ha allettato anche me =)
    detto questo anche il mio blog non è un gran che, questo perché non sono una maga del pc e, in tutta sincerità, il tempo di buttarsi a capofitto in un blog in questo momento non lo trovo proprio!…in compenso quando posso ogni sera mi ci dedico scribacchiando qualcosa o aggiornandolo un pò.
    Non sono un hacker insomma e non so se lo sarò mai…in compenso, però, ho notato che il corso mi ha spinto a dedicarmi a qualcosa di nuovo. Prima quando ero in tilt chiedevo a qualcuno di competente di fare il “lavoro sporco” (password consegnata e detto-fatto!!privacy era inesistente, ora non più!
    Il “lavoro sporco” lo provo a fare da me…per es. domani sarà il compleanno di una persona a me cara(ma lontana!);l’idea è stata quella di fare un video…unico problema non ne avevo mai fatto uno! Smanetta di qua smanetta di là ci sono riuscita!…non sarà un gran che ma per me è un trionfo! Una sorta di riconquista della libertà della macchina!
    Non c’entrerà molto ma per me è qualcosa di esaltante! ahahah

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s