3 thoughts on “Ancora sul rapporto fra paziente e medico

  1. fabio foti ha detto:

    Sono contento di poter condividere qualche spunto di riflessione attraverso il blog. Vorrei anche ringraziarti per quel commento di un po’ di tempo fa su speculummaius che non ho letto subito e a cui poi non ho più risposto. Come vedi, non sempre si può stare al passo.
    Saluti.

  2. Chiara ha detto:

    Mi associo a lei nel suggerire un testo stupendo di Shorter sul medesimo argomento in cui si rileva come la sociologia e la medicina possano essre correlate o meglio come la prima possa prendere spunto dalla seconda per la sua ricostruzione storica.Il che non è altro che la riprova che la medicina “non è la cura delle malattie ma dei malati”( De Bernard).
    La visione deve essere a 360 gradi. L’uomo è un uno inscindibile. La psicosomatica è una scienza. Il primo aiuto da dare al paziente è un aiuto umano, uno sguardo, una carezza, un gesto dii condivisione. L’effetto placebo esiste. Anche se non si comprende precisamente come agisca è comunque un’arma terapeutica.
    Ecco il testo: La tormentata storia del rapporto medico-paziente Edward Shorte.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...