una suggestione al giorno, forse

Aggiornamento 4 marzo. Non posso più cancellare questo post perché è stato arricchito da alcuni commenti, e fra i principi di questo blogghetto c’è quello di non cancellare mai i commenti fatti da chicchessia, che non siano spam, ovviamente. Non lo cancello quindi, anche se ho deciso di spostare il “quadretto vivo” in vetta alla colonna delle info perché qui può risultare troppo invasivo, in certi momenti. Non lo cancello ma lo schiodo dal primo post e lo inchiodo al suo tempo.

cipressoun po’ come un’immagine appesa nello studio, un’immagine che cambia di giorno in giorno

11 thoughts on “una suggestione al giorno, forse

  1. Alessandra Fedele ha detto:

    @Andreas, questo mi riporta al discorso di ieri e, ancora una volta, mi fa pensare all’assoluta peculiarità del rapporto fra soggetto e oggetto come dimostra la corrispondenza biunivoca che il celebre Maghetto scopre fra se stesso e la bacchetta magica che vuol comprare (l’esempio al quale mi riferivo): secondo il venditore “non esistono due bacchette che siano uguali, così come non esistono due unicorni, due draghi o due fenici del tutto identici. E naturalmente, non si ottengono mai risultati altrettanto buoni con la bacchetta di un altro mago”. La singolarità irripetibile della figura del mago fa la sua parte, ma anche quella dello strumento non è messa in discussione: “…ma in realtà, è la bacchetta a scegliere il mago, naturalmente”. L’oggetto ha una relazione diretta con il soggetto e tutto questo genera intrecci infiniti.

  2. Andreas ha detto:

    Il risultato più eclatante della scienza e dell’arte del Novecento è stata la “scoperta” della complessità del mondo, in particolare la commistione ricorsiva e pervasiva di caos e determinismo da un lato e l’offuscamento della distinzione fra soggetto e oggetto.

    L’uomo semplice, a contatto con la natura, era (non è quasi più) più bravo ad accettare e riconoscere la complessità. Nella fase infantile della scienza, fino a tutto l’800, l’uomo si è ubriacato di potere e controllo. Nel 900 i pionieri della conoscenza sono dovuti venire a patti con la complessità. Ora questa sta travolgendo schiere di operatori, soprattutto finanziari, vanificando regolarmente tutte le previsioni. I popoli vengono sbatacchiati di qua e di là.

    Io trovo che le cose siano maledettamente complicate e quindi assolutamente affascinanti.

  3. Anna Chiara ha detto:

    è affascinante vedere come spesso l’indole umana sia attratta dai” grovigli” e dalle cose complicate,
    ma mi chiedo se le cose sono davvero così complicate
    o se noi le vediamo così in quel momento…???

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...