Cantieri – #ltis13

Locandina del connectivist Massive Open Online Course: Laboratorio di Tecnologie Internet per la Scuola - #LTIS13

E oggi ho applicato il codice sbozzato ieri. Fervono i lavori, alcune case sono già abitate, emergono consuetudini, taluni si accompagnano, gli operai tracciano le vie – l’operaio, ovvero il sottoscritto. È vitale che i blog siano collegati fra loro attraverso vie pubbliche, che tutti sappiano e possano usare: gli standard aperti dei feed.

È vitale che questo blog sia collegato a tutti gli altri e non solo viceversa. Ora ci siamo, se arrivano altri abitanti sarà facile aggiornare. Per ora siamo intorno a 110.

Si potrebbe ora pensare di collegare ciascun blog con tutti gli altri, n(n-1)/2 connessioni: più di diecimila. Questo non ha probabilmente senso. Lo aveva nella piccola classe di una dozzina di persone in #linf12. Qui occorre che si formi spontaneamente una varietà di aggregati del genere. Ripeto per i frettolosi: occorre del tempo, perché devono essere ancora introdotte delle infrastrutture e la gente deve fabbricarvi consuetudini. Si mettano quindi l’animo in pace. O vadano a fare qualcos’altro.

La prossima cosa da fare

La prossima cosa da fare è che ciascuno inizi ad aggiungere i feed di altri blog della comunità #ltis13. Quali blog? Quelli che vuole. Quelli che ha scoperto per caso e che gli sono piaciuti. Quelli appartenenti a persone con le quali ha già stabilito un qualche tipo di relazione, in un modo qualsiasi. Nel giro di qualche settimana ognuno avrà modo di scoprire affinità in modo un po’ più sistematico. Ora è bene iniziare così.

Chiedo un’altra cosa: che comunque ciascuno importi i blog della comunità #linf12. Questo serve a fare un esercizio di importazione di un gruppo di file mediante file OPML. Può essere anche utile ai più timidi che stanno domandandosi come usare questa loro casa. Che vadano a vedere gli esempi in #linf12. Esempi: Laura aveva mostrato la fabbricazione casalinga di una LIM – nobile hacking invero – e Flavia aveva spontaneamente prodotto uno screencast per mostrare alle compagne di corso come scrivere le tabelle in HTML – mi interessa l’episodio, non l’HTML; su questo ci arriveremo, niente ansia!

Ora il video per introdurre feed in RSSOwl. Chi ha altri aggregatori può fare cose analoghe. Devo dire che quando le cose si fanno onerose si lavora molto meglio con gli aggregatori in loco, ma ognuna faccia come crede meglio.


Una breve appendice. Linko un post del blog in Blogger di Costantino per vedere se gli comparirà un backlink, prima o poi. Ne avevamo discusso qui e altrove.

118 thoughts on “Cantieri – #ltis13

  1. Claude Almansi ha detto:

    Ciao, Anonimo 😉

    Re il tuo commento 102, vedi https://iamarf.org/2013/04/13/apriamo-il-blog-ltis13 e https://iamarf.org/2013/04/17/due-o-tre-cose-sui-blog-ltis13/ .

    In riassunto:

    A. siamo liberi di aprire i blog dove vogliamo a patto che abbiano un feed RSS per i post e un feed RSS per i commenti;

    B. una volta aperto il blog, va registrato tramite il modulo linkato nel secondo post di cui sopra;

    Questa registrazione (B.) serve perché Andreas, dalle risposte a quel modulo, estrae e aggiorna un file OPML che possiamo scaricare da https://iamarf.org/file-opml-ltis13/ , poi utilizzare in un aggregatore di feed per vedere gli ultimi post e commenti di tutti i partecipanti a #ltis13.

    E per più informazioni su questi aggregatori, vedi questo post dove stiamo commentando. Dagli altri commenti, risulta che Bloglines faccia fatica ad elaborare il file OPML, quindi forse meglio RSSOwl. Gianni Panconesi, nel commento #43 a https://iamarf.org/2013/04/19/chi-e-che-racconta-ltis13/ , ha scritto che il file OPML funziona anche per l’aggregatore Pulse su iPhone.

    Happy blogging!

  2. Anonimo ha detto:

    rieccomi….. la “fretta” non mi appartiene, anzi, visto e considerato che mi sono “rimandata” a settembre da sola, devo recuperare i miei giorni statunitensi e quindi vado ad aprire il blog…… ci sono alternative o possiamo scegliere tra Blogger, Bloglines e altro?…….mi appello alla facoltà della Serendipity,,,,, 😉

  3. marina.p ha detto:

    @Andreas #97
    ti dirò… a volte mi tocca riscriverlo, a volte no! (ad esempio adesso, se guardo le barre sotto, è già tutto giusto…)
    Volevo anche dirvi che mi ha fatto molto piacere che mi abbiate dato retta in due su una cosa stupida, che ero io a non capire: ogni tanto mi sembra di annegare nel laghetto del villaggio, ma poi arriva sempre qualcuno a salvarmi!

    P.S.
    …lo so…ma “rendere un nome blu” è più poetico di “linkare”!…. (non posso dimenticare di avere 53 anni…)

  4. Andreas ha detto:

    @Marina p. #94 Il metodo di @Antonella T. #69 è giusto, l’ha spiegato molto bene. Certo, tocca riscrivere l’indirizzo a mano tutte le volte. Ma hai guardato sotto il box di scrittura, non c’è una scrittina tipo ( Chiudi sessione / Modifica ), dove le due voci sono cliccabili? Se sì, clicca su Chiudi sessione e guarda come si modifica il tutto.

    P.S. Fare diventare blu una parola = rendere la parola un link 😀

  5. Andreas ha detto:

    @Maria Rosaria #90 Sono i post di questo blog che non trovi. Nel file OPML ho messo i feed dei vostri blog. Il mio lo potete inserire a mano, come mostrato nel solito video.

  6. marina.p ha detto:

    bo’…
    se faccio come mi ha detto Antonella, funziona (vedi sopra) . Però devo rifarlo tutte le volte e comunque non riesco a uscire da Worpress, perchè ogni volta mi chiede la password di word press…
    Ci lavorerò! Non mi faccio stendere da un wordpress qualsiasi..!

  7. marina.p ha detto:

    @Antonella T. #78 @Andreas #81 Scusatemi…In questi due giorni mi è stato impossibile “fare i compiti” e sto leggendo i commenti solo ora.
    Adesso comincio gli esperimenti.
    Sono entrata in wordpress e mi sono sloggata.

  8. rosedawn ha detto:

    Dopo qualche giornoo di assenza, ho ripreso in mano il lavoro. Ho subito due problemi. 1- RSSowl non si aggiorna. Ho aggiunto i feed , come da video, fa la cartella ma non carica niente e dice che non è connesso. Poichè la connessione internet funziona, non so come fargli capire che la connessioone c’è. Inutile dire che ho sfondato il tasto “aggiorna tutto” ma non aggiorna niente. Allora sono andata su Bloglines che invece funziona normalmente ed è sempre aggiornato, ma quando cerco di importare il file Opml lui lo cerca sul pc. L’ho salvato ma poi Bloglines non lo riconosce e quindi non lo carica.

    1. Andreas ha detto:

      @Maria Rosaria #90

      RSSowl non si aggiorna. Ho aggiunto i feed , come da video, fa la cartella ma non carica niente e dice che non è connesso. Poichè la connessione internet funziona, non so come fargli capire che la connessioone c’è. Inutile dire che ho sfondato il tasto “aggiorna tutto” ma non aggiorna niente

      Fa la cartella… ma poi dentro ci sono i singoli feed? Magari con la crocetta sopra? Oppure vedi la cartella ma non ci appare niente dentro? E cosa accade esattamente quando “dice che non è connesso”? Scrivi esattamente la dicitura di errore che dà, se possibile copia-incollala qui.

      ma quando cerco di importare il file Opml lui [Bloglines] lo cerca sul pc. L’ho salvato ma poi Bloglines non lo riconosce e quindi non lo carica.

      Senza “ma”, è così che funziona, e nel video mostro come il file OPML vada scaricato nel proprio computer per poi poter essere importato in Bloglines. Poi, ho appena riprovato e lo riconosce, ci vuole un po’ di tempo. Di primo acchito sembra che non succeda niente, in realtà nella colonna di sinistra – quella che inizia con I tuoi feed ecc. – in fondo a quelle diciture ne compare una vuota. Cliccala e aspetta – caffè? – e poi ce li dovresti trovare.

  9. Maria Rosaria ha detto:

    Ho installato RSSOwl, ho inserito i feed di questo corso secondo le istruzioni e tutto sembrava funzionare a meraviglia. Poi ho ricevuto le mail e ho scoperto che c’erano nuovi post che non risultavano affatto . Perchè?

  10. Andreas ha detto:

    @Clelia #84 Sì ho visto il modulo aggiornato. Grazie 🙂

    #87 Sì, oppure scrivi l’indirizzo del tuo blog in uno dei tre spazi appositi sotto quello dove scrivi il commento.

  11. clelia ha detto:

    Quindi devo avere fatto l’accesso al mio blog se voglio che il link appaia nel commento? Sto parlando a me stessa e facendo prove.

  12. Antonella T. ha detto:

    @marina.p # 70, 75, 76 Se non ho capito male, il nome da far diventare “blu” lo scegli tu scrivendolo direttamente nella barra centrale, cancellando quello che trovi impostato se non è quello che vuoi. Successivamente, cliccandolo ti colleghi all’URL che hai trascritto tu nella terza banda. Su come cancellare definitivamente un blog non ti so rispondere, mi dispiace.

  13. passeriniscuola ha detto:

    passeriniscuola in blu rimanda ad un blog che avevo provato ad aprire con Word Press ma che avevo cancellato subito…. Anzi, CREDEVO di averlo cancellato! Come faccio ad eliminarlo? Grazie… marina.p

  14. passeriniscuola ha detto:

    @ Antonella #69 Ce l’ho fatta! Ho seguito le tue istruzioni e questa volta ci sono riuscita : sono diventata blu! (chissà cosa avevo creduto di fare prima…).
    Grazie ancora!

  15. cleliasibillin ha detto:

    E’ successo questo: ho fatto un blog chiamandolo materialeditecnologia, poi ho cambiato l’indirizzo in materialiditecnologia, questa modifica sembrava accettata, invece ora mi dice che il blog è inesistente (mentre il primo indirizzo continua a funzionare). Ora provo a rimetterlo com’era, ma poi qui il link registrerà il cambiamento? Ora devo andare a scuola, ho sempre così poco tempo per provare…

  16. marina.p ha detto:

    Grazie Antonella!
    Effettivamente avevo già provato a fare così solo che il nome “blu” che compare è ovviamente diverso da questo che ho sempre usato per firmarmi… Allora ho pensato: ormai mi conoscono come “marina.p”…a che pro far comparire un nome che rimanda al mio blog piuttosto bruttino?!? Così sono tornata al nome ….nero!

  17. Antonella T. ha detto:

    @ marina.p #54 Ciao! visto che per me ha funzionato, ti racconto come ho fatto. Scrivendo un commento, sotto allo spazio in cui si digita il testo compaiono tre barre: la prima con il tuo indirizzo di posta elettronica, la seconda con il tuo pseudonimo/nome, cioè quello con cui “firmerai” il tuo commento, che poi “renderai blu”, la terza dove devi inserire un URL che si riferisce a te ed a cui, cliccando sul tuo “nome blu”, ci si collegherà direttamente. In questa terza barra puio inserire, per esempio, l’URL del tuo blog, facendo copia/incolla, così cliccando sul tuo nome associato al commento che stai scrivendo ci si collegherà al tuo blog o a qualunque altra cosa tu abbia indicato. Non so se questo che ti ho descritto è un percorso tecnicamente “ortodosso” ma, come ti dicevo, per me ha funzionato. 😉

  18. Antonella T. ha detto:

    Finalmente ci sono riuscita! La mia “prova di trackback” è alla fine arrivata in questa pagina! Mi rendo conto che i più esperti (e non solo) rideranno di tanto entusiasmo per una cosa che , lo capisco perfettamente, è così semplice. Tuttavia avevo provato più volte, seguendo le istruzioni date dal prof Andreas, poi quelle trovate in vari commenti e in qualche blog del villaggio, tutto chiarissimo e semplice, ma il mio trackback non compariva mai nella pagina di ciò che avevo citato. Io, però, avevo provato sempre partendo da una “pagina” del mio blog e non da un “articolo”, come ho fatto quasta mattina. Chiedo: era questo il motivo dei miei fallimenti o sto dicendo una stupidaggine? …Abbiate pazienza con me…sono di quelli che non capiscono tanto in fretta….ma…cerco di fare del mio meglio, che più di questo non è…:( l’unico mio vantaggio, forse, è che sono testarda e persevero nei tentativi! Grazie a chi vorrà perdere tempo a rispondermi, anche solo con un “cenno”. 😉

  19. giuliana55 ha detto:

    Grazie Andreas, ieri sera poco dopo mezzanotte ho risolto! Non riuscivo ad importare i singoli feed; poi ho scoperto che andando nel blog da importare e cliccando fra i “META” la “VOCE RSS” , all’URL del blog si aggiungeva /FEED e questo permetteva l’inserimento in RSSOwl mediante copia- incolla nuovo feed.
    Ho già attivato i feed di alcuni blog di utenti con cui ho scambiato commenti! tutto ok!

    1. Andreas ha detto:

      @spartaco vitiello #65 Di confezionato no. La cosa è interessante quando si indagano le dinamiche di connessione fra i blog, ma richiede un lavoro lungo per recuperare le identità delle persone che commentano. Ci ho lavorato molto, a iniziare da qui. Maria Grazia ha fatto un bel video di una serie di sociogrammi che feci in un corso nel 2011.

  20. Andreas ha detto:

    @Roberta B. #60 Per creare questi file OPML faccio una serie di cose. Inizio esportando da Drive il foglio di lavoro generato dal modulo che voi compilate. Lo esporto in un formato testo che si chiama CSV. Poi lo faccio digerire da un paio di softwarini che mi sono fatto, per trasformare quel file nel file OPML. Allo stesso tempo mi segnala i nomi strani, che se sono giusti li aggiungo a mano con l’editore di testo. Solo per eventuali smanettoni aggiungo: il software è fatto di comandi della shell unix, sed, cut e parecchie espressioni regolari, incollati insieme in un paio di paio di script.

  21. Andreas ha detto:

    @nadiamoretti #59 Mai hai aggeggiato il file? Tieni presente che si deve essere molto precisi: basta un carattere sbagliato – per esempio una parentesi persa – che va tutto a pallino…

  22. Andreas ha detto:

    @giuliana55 #56 Dovresti spiegare meglio: tu contrapponi i feed installati con file OPML ai feed dei blog “amici”. Non capisco bene… alcuni possono aver la crocetta, sono di solito i feed dei commenti nei blog che non ne hanno ancora ricevuti. Non so tuttavia se è questo a cui ti riferisci.

  23. Roberta B. ha detto:

    Leggo i post la sera quando arrivano ma purtroppo spesso non riesco a mettere in pratica immediantamente quanto indicato. Oggi ho importato tutti i feed seguendo il tutorial. Prof. come hai creato il file opml? Hai utilizzato un software o hai scritto direttamente il codice in un file txt?

  24. nadiamoretti ha detto:

    @Andreas o @chiunque mi possa illuminare: ho provato a seguire la procedura con bloglines, ma non riesco ad importare il file opml (aggiornato) mi dice “xml non valido”… Ho provato sia con Safari che con Mozilla… Cosa caspita sto sbagliando!?!? 😦

  25. Claude Almansi ha detto:

    @monicaviali #53

    Anche se la tua domanda: “aperto account gmail per google reader che, mi segnalano, chiuderà a luglio 2013. Vado avanti egualmente?” è rivolta a Andreas, una prima domanda:

    Sul tuo computer, hai una delle ultime versioni del file OPML con i blog #ltis13, che Andreas ha pubblicato il 19 aprile sera?

    Chiedo perché il tuo penultimo commento (#17) è datato “aprile 19, 2013 alle 12:53 am”, cioè qualche ora prima. E forse una di quelle ultime versioni potrebbe funzionare con il tuo aggregatore iniziale – poi comunque hanno feed di più blog di quella precedente.

    Altrimenti, scarica la nuova versione che si confa al tuo aggregatore di prima e riprova con quello.

    Per Google Reader, soltanto tu puoi decidere se hai voglia di provare uno strumento che ti durerà meno di tre mesi. A titolo indicativo, quando Andreas, 2 settimane fa, ha menzionato la sua prossima cessazione in Come seguire le fonti in internet – #ltis 13, diversi partecipanti che prima lo usavano hanno subito trasferito i loro feed in un altro reader (vedi i commenti a quel post).

    Ma perché no, se hai voglia di esplorare più modelli per curiosità. però fallo con l’ultima versione del file OPML. Dopo, potrai sempre trasferire i tuoi feed su un altro reader.

    Altra domanda: qual è l’URL del tuo blog? Nel file OPML (anche in quello aggiornato), i feed indicati per te corrispondono al blog http://monicaviali.wordpress.com/ – però la pagina dice che il blog non è più disponibile perché “gli autori l’hanno cancellato”. E nel link sul tuo nome in questi commenti qui porta a “http://internetqb” che non corrisponde a una pagina web valida.

  26. marina.p ha detto:

    @luisella#55 Grazie! Ho guardato, ma funziona solo per wordpress… Però ho visto che ci sono in giro tanti nomi “blu” con blogspot.
    Quando rientrerò stasera cercherò di applicarmi di più.
    Grazie ancora

  27. giuliana55 ha detto:

    Ieri sera l’ora era un po’ tarda ma mi sono messa di buona lena ed ho provato ad attivare sul mio aggregatore RSSOwl i feed di alcuni blog di amici che partecipano assieme a me al corso; inoltre ho attivato con il file OPML i feed #Ltis13 e #linf12.
    Ebbene l’installazione dei feed con file OPML ha avuto successo ed ho cominciato ad esplorare, invece i feed dei blog “amici” mi appaiono sulla colonna di sx di RSSOwl col simboletto W ed una x rossa; ci clicco sopra e nello spazio centrale c’è il vuoto più desolante. Datemi lumi!!!

  28. marina.p ha detto:

    ho guardato velocemente un po’ di blog… Che belli!
    ho pasticciato di qua e di là e ne ho scelti due: ho importato i feed sia su RSSOwl che Bloglines (li ho attivati entrambi) e poi li ho collegti anche al mio blog. Come faccio a renderli visibili sulla prima pagina del blog?
    (e credo di essermi persa qualche pezzo…come faccio a far…diventare blu anche il mio nome?)

  29. tnt54 ha detto:

    non è il posto adatto forse, ma per chi è interessato: http://www.apprendereinrete.it/Progetti/Microsoft_Expert_Educator/Microsoft_Expert_Educator.kl
    Microsoft Expert Educator è un programma esclusivo, della durata di un anno, promosso per riconoscere e premiare i docenti che si sono distinti per l’utilizzo della tecnologia nell’ambito di insegnamento ed apprendimento. Gli Innovative Educators lavorano a stretto contatto con Microsoft per portare l’innovazione nell’ambito dell’istruzione, condividendo best-practices, collaborando per l’eccellenza nel campo dell’istruzione utilizzando tecnologie avanzate e social media e, infine, fornendo un punto di vista privilegiato in merito a nuovi prodotti e strumenti per l’educazione. Gli Expert Educator avranno l’opportunità di partecipare al Partners in Learning Global Forum, l’evento che raccoglie gli esperti provenienti da 75 paesi di tutto il mondo.
    Vuoi diventare Microsoft Expert Educator?

    Sei un docente appassionato, innovativo, dotato di un forte spirito di iniziativa e collaborazione e capace di pensare fuori dagli schemi? Diventa Microsoft Expert Educator! Avrai modo di partecipare al Global Forum, evento esclusivo di Microsoft Partners in Learning che permette ad educatori e dirigenti scolastici di tutto il mondo di collaborare, condividere proprie esperienze, conoscenze e dare vita a soluzioni ed innovazioni capaci di impattare su milioni di studenti.

  30. Francesca ha detto:

    Ma sì!! Libera di pasticciare ero già riuscita a seguire i blog dei miei più vicini compagni di viaggio. Io provo sempre. Nella peggiore delle ipotesi torno indietro.

  31. marina.p ha detto:

    ce l’ho fatta!
    Ho messo l’estensione per google chrome, ho fatto un po’ di casino, ho pasticciato abbondantemente.(sarà contento il Prof!) e alla fine sono riuscita ad aggiungere a RSSOwl i feed di un blog!
    Come ho fatto? non saprei ripeterlo! Ma adesso vado a dormire felice. Domani, più fresca, ci ritorno e ci rifletto!

  32. marina.p ha detto:

    Grazie larita! sei stata gentilissima! Non ho fatto in tempo a chiedere…e già c’era la risposta..
    Adesso vado subito a sperimentare (prima di crollare dal sonno!)

  33. marina.p ha detto:

    dunque… sono riuscita ad importare i feed di linf 12 senza problemi su RSSOwl; poi l’ ho fatto anche anche ltis13: li ha importati, ma NON LI TROVO PIU’! Che pasticcio ho combinato?

    Già che siete così pazienti, ho un’altra domanda: io ho Google chrome e non riesco a trovare il comando corrispondente a quello di fire fox per “catturare” i feed. Ho cercato nelle varie opzioni ma non ho trovato nulla di somigliante: cosa posso fare?
    Grazie!

  34. Andreas ha detto:

    @luciab #43 No, sono un poco diversi, quanto basta per innervosire BlogLines. In linf12_rssowl.opml c’è un livello gerarchico in più (“My Feeds”) e i singoli item hanno degli attributi specifici di RSSOwl.

  35. luciab ha detto:

    Per importare i feed in Bloglines, come già qualcuno ha detto, bisogna salvarsi il file OPML sul disco rigido e poi aprire Bloglines e andare a prenderselo là. Procedimento intuitivo e semplice (windows XP non aggiunge strane estensioni come invece fa Safari).
    Visti i 700 e passa post mi è venuta una sensazione di soffocamento (si vede che sono un’immigrante digitale, ho la propensione a leggere tutto ordinatamente come dice il prof), cosi ho preso coraggio e mi sono buttata a pasticciare.
    Aperto il file OPML con il BlocNotes (Windows XP ha fatto finta di non essere capace, ma ci si arriva…), poi ho cancellato la riga con l’URL di iamarf.org (quello l’ho già messo altrove e mi piace che stia da solo, così mi basta un colpo d’occhio la sera per vedere le novità importanti) e quindi tutte le righe con scritto “commenti”.
    Re-importato in Bloglines… Ora ci sono circa 300 post, impressione visiva più lineare e per me accogliente, meno ansia e… una grossa soddisfazione!
    Ho notato che leggendo l’HTML non ci sono differenze fra il “file OPML #linf12” e il “file OPML #linf12 per altri aggregatori”. E’ uno sbaglio o c’è una ragione che mi sfugge?

  36. Luisella ha detto:

    @emanuela, @andreas #37 #38 sì, ce l’ho fatta anch’io: prima ho cambiato a mano il nome del file, togliendo txt (chrome me lo salvava automaticamente così), poi ho importato i due file su Bloglines. Ora funziona tutto, TANTA ROBA, ce n’è da baloccarsi 😀 Grazie per le indicazioni operative 🙂

  37. Claude Almansi ha detto:

    @Francesco Valotto #34 (e altri nomadi tra computer e device diversi): ho sfruttato il fatto che il file OPML è un file XML quindi un file di testo facilmente editabile per farmi una specie di aggregatore Web in linf-blog: veramente una pagina che raduna aggregatori separati per ciascun blog. Devo ancora aggiungere gli aggregatori per i commenti, ma lo farò quando Andreas ci avrà dato i nuovi file OPML, così integro anche i nuovi feed che ci saranno.

    @Andreas: intanto la pagina https://diigo.com/0yi66 dovrebbe mostrare il file OPML attuale con annotazioni su piccoli problemi: 1 feed che è giusto ma non mi crea l’aggregatore, 2 feed dove né l’URL del feed né quella del blog funzionano, e 1 feed apparentemente ripetuto 2 volte.

  38. Emanuela B. ha detto:

    Ho importato i feed in Bloglines ma non copiando il link perchè mi dava errore. Ho scaricato i due file sul Mac, ho cliccato su Aggiungi contenuto, poi su Importa OPML, Scegli file e ancora Importa e tutto è andato a buon fine 🙂

  39. Graziano Ferro ha detto:

    Tempo di realizzazione per i compiti per casa relativi all’importazione dei feed da OPML meno di 5 minuti su RSSOwl, poi proverò su Bloglines che mi sta più simpatico 😉
    …e che soddisfazione…ieri sera era l’ora tarda…edaiiiiiiiii !

  40. Francesco Valotto ha detto:

    @Andreas #28 (@luisella #26): acc… Ero arrivato più o meno alla stessa conclusione, ovvero che si trattasse di qualcosa nell’XML, ma non avendo competenze specifiche (ed al momento la voglia/tempo di farmene!) ho finito per scaricare ed installare RSSOwl ed usarli la.
    Però è una soluzione solo per modo di dire, perchè usando 4 pc diversi, ciò che non è in rete diventa accessibile solo in un determinato contesto e perso in tutti gli altri!
    Ammiro antonellarubino#29 ma considero impossibile ripetere la sua impresa immane! 😉

  41. sandramtt ha detto:

    L’ha ribloggato su esperienze77e ha commentato:
    E’ possibile avere, accanto al tutorial, degli appunti scritti in breve?
    Il filmato è piuttosto denso di passaggi da un programma all’altro e non riesco a seguirlo nonostante i ripetuti replay.

  42. Claude Almansi ha detto:

    Oops: in #31, “prima i feed dei post, poi i feed dei commenti” non è esatto: ma quel che conta è che ogni “anello” del file OPML descrive e porta a un feed che l’aggregatore decodifica.

  43. Claude Almansi ha detto:

    In risposta al trackback 1. dal post NoGòCapioNinteee e ad altri che sembrano perplessi:

    Visto che sembra che il contenuto del file OPML non si visualizzi con tutti i browser, l’ho copiato in http://piratepad.net/ltis13-opml per mostrare quanto sia semplice e classica la sua struttura. Una specie di bruco di cognome XML e di nome OPML con una testa e un corpo fatto da tanti anelli, dove ogni anello punta ai feed dei nostri blog – prima i feed dei post, poi i feed dei commenti.

    La diavoleria geniale sta nella piccola indicazione “outline” in ciascun annello che i lettori di feed usano poi per mostraci il contenuto del file RSS che contiene come una lista leggibile di post e rispettivamente di commenti.

    Sul salvare: come diversi hanno notato, se il browser vi impone l’aggiunta di.txt nel salvare il file OPML originale, beh basta toglierla una volta il file salvato. E se il computer s’impiccia chiedendo se vuoi proprio cambiare l’estensione, si clicca “Sì”.

  44. antonellarubino ha detto:

    Prof. lo so che mi perdo nei ‘lavori inutili’ ma io ho fatto così:
    apro File opml #ltis13
    prendo la stringa (es. ) e taglio il pezzettino che mi interessa ( http://studiaconme.wordpress.com/feed )
    incollo su Blogline dove mi sono creata una cartella con “TUTTI I BLOG DI CLASSE”.
    E’ un lavoro assurdo, ma mi dà la possibilità di guardare con calma tutti i blog e CONOSCERE I NOMI DELLE PERSONE da cui ricavo informazioni preziose. Vorrei ringraziarle o, al contrario, confortarle se sono nei miei stessi panni relazionando dove possibile su come e cosa ho fatto io.
    Perchè no, farne una selezione per interesse piuttosto che usare Google+…ormai sono un pò prevenuta
    😉
    Forse è per questo che mi sono presa del tempo…non preoccuparti per me…tanto ti seguo sempre: lo sai che basta un sorriso!
    A

  45. Andreas ha detto:

    @Luisella Aspettate, stavo giusto studiando questa cosa e mi sono reso conto che il problema di bloglines dipende da come ho confezionato io il file opml, vediamo se oggi riesco a rimediare…

  46. Luisella ha detto:

    @emanuela #10 ho cambiato l’estensione del file, togliendo manualmente .txt però Bloglines non me lo prende ugualmente (ovvero, me lo prende, e mi dice pure che lo ha importato, ma i feed non compaiono da nessuna parte una volta terminata la procedura). Mi sa che dovrò passare a NetNewsWire. Che ne dici @Andreas ?

    1. Andreas ha detto:

      @annaritabergianti # 20 Il permalink è un link, come gli altri. Il permalink di un post contiene l’indirizzo di quel post, indirizzo che quando lo piazzi nella casella indirizzo di un browser ti fa ritrovare quel post, ovunque tu sia. Il “perma” sta a significare che quel link è garantito rimanere stabile nel tempo. Un problema dei link in internet è che dopo un certo tempo possono scomparire o cambiare. Il permalink è garantito invece che duri – finché esisterà il sito che lo offre, naturalmente; se WordPress fallisse allora anche i suoi permalink svanirebbero. Per altri dettagli vai a leggere questi link.

      Come fai a conoscere i blog degli altri? Ma appunto, caricando il file OPML nel tuo aggregatore RSSOwl o altro e frugandoci…

      @monicaviali Bisogna che tu mi dica di cosa stai parlando… sto rispondendo a decine di commenti su temi diversi…

  47. mabalzani ha detto:

    Effettuata l’importazione ora mi appresto a guardare i blog….non esattamente “ora” che è tardi ma prossimamente. Qualcosa ho già aperto ma vedo già che è come il primo cucchiaio di nutella che mi porta al secondo, al terzo, al quarto etc…..Buonanotte

  48. Manuela ha detto:

    Con Feedly non sono riuscita inizialmente a fare la procedura come spiegata nel video. Ho scaricato e installato RSSOwl, così ho risolto il problema:sono riuscita ad importare i feeds. Adesso però quando clicco sui feeds in RSSOwl, anche Feedly mi chiede di aggiungerli… Ho fatto un breve giro per i cantieri, c’è tanto da esplorare… 🙂 Vista l’ora tarda continuerò domani a navigare tra i blog del villaggio….

  49. monicaviali ha detto:

    monicaviali@andreas quando clicco su personalizza escono 1)visualizza tutte le etichette di testo2)mostra testo descrittivo3)mostra solo icone4)aggiungi o rimuovi i comandi. L’unica che riesco ad aprire è n.4
    cosa che che nn va?

  50. ivemara55 ha detto:

    Indubbiamente, parlando di blog, la ricchezza che tutti i blogger producono è inestimabile…solo qualche decennio fa era impensabile uno scambio così, passatemi i termini… “intimo ma anche promiscuo” di idee! E’ uno spaccato di positiva-potenzialità-umana che rende ridicolmente inadeguati alcuni omuncoli con nella testa solo denaro e potere.

  51. Graziano Ferro ha detto:

    @Andreas caro prof. di questo nuovo post…sarà l’ora tarda (23.30) sarà la giornata lunga lunga, ma non ci ho capito niente…ci dormo sopra e domani vediamo che succede! Mi sento come quegli studenti che dopo una stupenda spiegazione del prof. durata 20 minuti…alzano la mano e dicono “scusi prof. non ho capito, me lo può rispiegare?” …questa notte mi addormento con la mia ignoranza….e comunque, grazie prof.!!! 😉

  52. Luisella ha detto:

    Siccome uso Mac, avevo scelto Bloglines. Devo passare a un reader installato come quello scelto da Emanuela #4 ? ho provato a salvare il file .opml su hard disc (e da Chrome me lo salva come file .opml.txt però)… e quando provo a importarlo in Bloglines ottengo il messaggio “one feed(s) has been successfully imported” ma non succede niente (nemmeno se faccio il refresh della pagina web).Qualcuno mi sa dire perché?

  53. criszac68 ha detto:

    Intanto, stasera mi sono fatta un giro esplorativo del vari blog, finora spulciati in modo superficiale…quelli che ho visionato sono davvero notevoli per contenuti ma anche
    per quell’impostazione grafica che per me è ancora tabù…devo provare ad aggeggiare un po’ di più, liberandomi di queste inibizioni come se a farlo, portassi danno a qualcuno…
    E sì che con i bimbi do sempre molto importanza anche al pasticciare, cioè a manipolare il nuovo per dissipare le ansie che questo può generare…chissà perché quello che
    si ritiene valido per l’apprendimento dei piccoli, poi decade se applicato su noi adulti… Rimando a domani l’esecuzione del lavoro indicatoci dal prof.

  54. Emanuela Pulvirenti ha detto:

    Su NetNewsWire (RSS reader che ho installato sul Mac) occorre importare il file .opml precedentemente salvato sull’hard disk.
    Dopo l’importazione ho fatto il refresh dei feed e me ne sono apparsi circa 1500! Non so bene se e quando leggerli… 😮

    1. Andreas ha detto:

      @Emanuela Pulvirenti #4 e @maestro ale #5 e @tutti

      NON li dovete leggere tutti. Frugateci. Lo so. Quando la gente fa un corso entra nel “modo scuola”: fare tutto, controllo su tutto, ricerca della risposta giusta ecc.

      Tutte cose che fanno della scuola e dell’università luoghi inadatti ad affrontare il mondo, ivi compreso quello del lavoro.

      Ok, deve esistere una sorta di istruzione per i basics, ma poi deve esistere anche la formazione adeguata per affrontare la vastità e l’ambiguità del mondo, ivi compreso quello del lavoro.

      Succede nella scuola e nell’università un po’ quello che succede nel mondo della medicina: occuparsi della malattia e non dell’uomo, degli aspetti tecnici della malattia e non della cura dell’uomo, che spesso non può guarire.

      Allora, qui dobbiamo fronteggiare anche la vastità e l’ambiguo, per esempio sotto forma di una lista esagerata di blog, i vostri blog: ognuno deve trovare il suo modo sensato di affrontare una cosa che con completezza non potrà affrontare mai. I nativi digitali – disgraziata fuorviantissima definizione – sono abbondantemente ignoranti, anche tecnicamente, ma hanno sviluppato anticorpi per affrontare l’immenso, non efficacemente intendo, ma senza andare in ambasce. Ecco, la nostra generazione, deve costruirsi questi anticorpi.

      Il file OPML di #ltis13 è un vaccino.


      La conclusione (ottima) di @criszac68 # 7 attiene all’argomento: sentirsi liberi di pasticciare. Una dimensione completamente diversa da essere sicuri di fare tutto quello che c’è da fare.

  55. Flavia ha detto:

    Mi sento onorata prof di essere stata citata in suo post. Non era mia intenzione ritornare nel villaggio, almeno per stasera, ma poi la curiosità ha preso il sopravvento e così ho guardato anche i due video che mi ero ripromessa di seguire in un secondo momento. Ho attivato il trackback in blogger e fra un momento proverò ad utilizzarlo. Riuscirà l’esperimento?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...